IL MIO NUOVO BLOG :

ROMANTIC LOVE MYSTERIUM

MYSTERIUM IMMAGINE

MYSTERIUM IMMAGINE
Benvenuti nel mio blog - MYSTERIUM

X FILES

X FILES

https://www.facebook.com/mysteriumpage CLICCA "MI PIACE" nella pagina. Dimostrerai l'interesse per

I want to believe

I want to believe

a

a
a

KEEP CALM AND FUCK THE ILLUMINATI

KEEP CALM AND FUCK THE ILLUMINATI

a

a

Translate

mercoledì 30 settembre 2009

SAS : lo speciale reparto della Polizia anti sette


Arrivano gli agenti antisette

Roma – 6 Dicembre 2006

Avranno un bel da fare gli agenti della nuova, e tanto attesa, Squadra Anti Sette (Sas) della polizia.
E’ un gruppo specializzato composto da 15 esperti, fra cui analisti, investigatori e psicologi, che si occuperanno dei reati legati al fenomeno delle sette e dei gruppi esoterico-religiosi. La notizia è stata data dal capo della Polizia, Gianni De Gennaro, con una circolare inviata a tutti i questori. “Negli ultimi anni – è scritto nella circolare - l'esponenziale diffusione del fenomeno delle sette esoteriche, di aggregazioni religiose o pseudo tali, di gruppi dediti a pratiche di magia, di occultismo e satanismo, ha assunto in tutto il paese dimensioni e connotazioni da richiamare l'attenzione anche sotto il profilo della sicurezza. Il fenomeno – continua la nota - è oggi più diffuso di quanto si possa pensare e fa leva sulla fragilità, lo smarrimento interiore e l'ignoranza delle persone, soprattutto tra le giovani generazioni, alimentando una cultura di odio e di morte".
La Sas, che è afferente al Servizio centrale operativo (Sco) della Direzione anticrimine centrale (Dac) diretta Nicola Cavaliere, coordinerà il lavoro delle Squadre Mobili provinciali, con l’obiettivo di raccogliere e analizzare segnalazioni e dati sul fenomeno, cui spesso sono connessi crimini e violenze, uso di droghe e sottrazione di beni. Ma basteranno 15 esperti per far fronte ad un fenomeno tanto vasto e, allo stesso tempo, per sua natura piuttosto astratto, complesso e difficilmente riconoscibile? Secondo il Rapporto sulle sette redatto nel 1998 dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell'Interno, in Italia c’erano 137 gruppi settari, di cui 76 religiosi, con circa 78.500 membri, e 61 magici, con 4.600 circa membri. I gruppi considerati più preoccupanti sono tuttora le psico-sette: 15, con 8.500 aderenti. E questi dati dovranno essere aggiornati.





















La notizia dell’istituzione della nuova squadra antisette è stata diffusa con il numero verde di un’associazione religiosa che nelle Marche dà ascolto alle vittime dei gruppi settari. Tuttavia – ci hanno assicurato ai vertici della Sas - la squadra lavorerà in accordo con tutte le associazioni di volontariato che già si occupano di questi fenomeni. Il presidente di Tutor Antiplagio, Dino Potenza, dopo aver porto gli auguri ai dirigenti della Sas ha inviato una nota al Ministro dell’Interno Giuliano Amato per proporre la formazione di un Comitato Nazionale di cui dovrebbero far parte dirigenti del Ministero e delle forze di polizia, esperti sociologi e criminologi, ma anche e soprattutto i rappresentanti delle poche associazioni “antisette” presenti sul territorio.
“Un comitato – ha scritto Dino Potenza - potrebbe diventare punto d’unione e di coordinamento, quindi di forza contro le sette, e dar vita ad ulteriori iniziative di prevenzione e assistenza, oltre che di repressione dei reati”. Intanto, l’istituzione di questa squadra speciale all’interno di un reparto prestigioso qual è la Direzione centrale anticrimine (Dac) rappresenta un primo importante segnale da parte dello Stato. La Dac della Polizia di Stato, istituita nel 2005 con un decreto legge del Ministro dell'Interno Pisanu, è una struttura della polizia criminale nata per contrastare i reati più gravi ed il crimine organizzato internazionale, collaborando con le squadre mobili, le quali possono avvalersi della Dac in caso di indagini particolarmente complesse.
Il direttore della Dac, Nicola Cavaliere, è uno dei più affermati investigatori italiani: Ndrangheta, Mafia, Banda della Magliana, Brigate Rosse, sono solo alcuni dei “campi di battaglia” dove Cavaliere ha conquistato la fama di “superpoliziotto”. La sua carriera è iniziata nel 1975 come capo della squadra mobile di Bergamo ed è continuata con incarichi sempre più importanti: da vice dirigente a capo della squadra mobile di Roma nel 1985-90, è poi passato alla Criminalpol dove ha lavorato fino al 1997 e, nel 2002, ha avuto l’incarico di Questore di Roma.






Nicola Cavaliere,
direttore della Dac
(Direzione anticrimine centrale)

Siamo davvero figli delle stelle?

Alessandra Rotundi (universita' parthenope): amminoacidi individuati nelle particelle

«Nelle comete sostanze organiche»
Siamo davvero figli delle stelle?

La conferma degli scienziati Usa del progetto Stardust
a cui partecipa anche l'Inaf di Capodimonte

Siamo davvero figli delle stelle (cometa)? Alan Sorrenti a parte, la suggestione si fa sempre più concreta. Già, perchè dalle analisi sulla composizione della Wild 2 - cometa «indagata» quattro anni orsono con il progetto Stardust - conferma che le particelle spaziali siano formate non da materiale amorfo bensì da un amminoacido. Una sostanza organica, dunque, che conferma quanto immaginato dagli scienziati del cosmo, e cioè che le comete hanno un ruolo di primo piano nella nascita della vita sulla Terra. A darne notizia è la professoressa Alessandra Rotundi, a capo del gruppo dell’Istituto nazionale di Astrofisica (Inaf) di Capodimonte. La Rotundi, da tempo impegnata nel progetto internazionale Stardust, che impegna anche la sede napoletana, fa sapere che quest'ultima scoperta dei componenti (amminoacidi) è dovuto al lavoro degli studiosi americani. «La provenienza cometaria di queste sostanze confermata dai colleghi statunitensi - dice la scienziata al Corriere - rinforza non poco l'idea che dalle comete, che bombardarono intensamente la Terra circa 4 miliardi di anni fa, sia nata la vita sul nostro pianeta, o almeno che abbiano contribuito a svilupparla».

Il componente di cui parlano i cervelloni americani è la glicina, il più comune degli amminoacidi: è la prima molecola extraterrestre mai scoperta.

Lo speciale feeling tra Napoli e le comete tocca l'apice, come detto, con l'operazione Stardust (letteralmente «polvere di stelle») ovvero la missione giunta felicemente a termine nel 2006, che ha reso possibile la cattura del pulviscolo dalla cometa Wild 2, formato da particelle che rappresentano i primi elementi organici importati dalla galassia dallo sbarco sulla Luna. I grani sono oggetto dello studio, tra gli altri, della Nasa e del laboratorio congiunto Università Parthenope/Inaf.

Alessandro Chetta
18 agosto 2009(ultima modifica: 19 agosto 2009)


Alan Sorrenti - Figli delle Stelle :

martedì 29 settembre 2009

Un classico della cinematografia ufologica : Incontri ravvicinati del terzo tipo del "maestro" Spielberg

Il film è diviso fondamentalmente in due episodi, strettamente intrecciati tra loro.

Il primo episodio vede protagonista una madre e suo figlio, misteriosamente rapito da parte dei temuti alieni, che ormai appaiono spesso nel piccolo paesino nel quale abitano da più di una settimana, spaventando gli abitanti; appaiono con le loro navi nel cielo e brillano come stelle di vari colori. Il secondo episodio narra di un uomo il quale, sulla via del ritorno a casa, si trova fermo nel bel mezzo della strada con un UFO sopra la sua auto; presto l'uomo, Roy (Richard Dreyfuss) si incontrerà con la madre, Jillian, e il bambino, Barry, che ancora non è stato rapito.

La vita dei due è profondamente sconvolta dalla continua visione di una forma che cercano di ricreare in ogni modo: con la schiuma da barba, col purè di patate e perfino con la terra del giardino! Ma gli episodi sono soltanto un ulteriore coinvolgimento, perché un altro episodio viene creato come cardine tra questi episodi: è quello che coinvolge lo studioso francese Claude Lacombe. Egli infatti lavora per il governo degli Stati Uniti da quando una squadriglia di caccia militari viene ritrovata in Messico dopo essere stata (presumibilmente) rapita dagli alieni.

Successivamente, nel deserto del Gobi, in Mongolia, viene ritrovata una portaerei, anch'essa sequestrata dai misteriosi esseri svariati anni prima. Sempre nel deserto del Gobi, i terrorizzati abitanti di un villaggio informano Lacombe dello strano suono sentito prima che apparisse la portaerei. L'esercito statunitense, compreso ormai il luogo dove queste entità vogliono farsi scoprire, decide di smantellare la zona attorno la Torre del Diavolo, una caratteristica montagna con la cima tronca; per far sgomberare gli abitanti, l'esercito diffonde la falsa notizia che proprio lì intorno si è rovesciato un carico di un gas letale.

Quando le telecamere dei giornalisti inquadrano la montagna, Roy capisce che la forma da lui riprodotta ossessivamente in ogni modo è proprio la Torre del Diavolo. Così, lui e Jillian, incontratisi casualmente, decidono di oltrepassare le frontiere che l'esercito ha messo, sfidando il presunto pericolo e andando inconto alla montagna. Quando, ben presto, giunge la notte, Jillian e Roy assisteranno al più strabiliante di tutti gli "incontri ravvicinati del terzo tipo".

Nel film, gli extraterrestri mandano un messaggio che è costituito da una sequenza di cinque note (in realtà si tratta di sole quattro note, due delle quali separate da un'ottava, dunque non è tecnicamente una scala pentatonica). Il compositore della colonna sonora John Williams scrisse, su indicazione di Spielberg, questa sequenza di note. In realtà Williams avrebbe voluto utilizzare una melodia con almeno sette note, ma Spielberg fu irremovibile in quanto voleva una sequenza di sole 5 note che fosse possibile considerare come equivalente musicale della parola inglese HELLO (le note sono Sib - Do - Lab - Lab - Mib).

In questo tributo a Spielberg viene fatta una sisntesi del film. Al termine del video, i primi ad uscire dall'astronave saranno i membri degli equipaggi scomparsi dal triangolo delle Bermude e tutti gli altri rapiti.

sabato 26 settembre 2009

Angeli o Alieni ? - 3




La parola Aelohim oltre a significare "elettroni/positroni" significa anche: "abitante del cielo, (dello spirito e dell’Universo) colui che viene dal cielo, portatore di luce, messaggero divino, divinità, essere di luce, essere che vola".
Quindi gli Aelohim sono anche il nome generico degli abitanti dell’Universo (gli angeli della Bibbia), oggi li chiamiamo Alieni, Extraterrestri.

ANGELI, DEMONI, EXTRATERRESTRI

Quando si formulano queste parole, nella fantasia e nell’intelletto umano si scatenano le più grandi possibilità immaginArie: immagini nell’aria dello Spirito, del Pensiero.
Se è un "religioso" cristiano che parla, egli affermerà che essi sono esseri con "corpi speciali" non ben definiti e che essi esistono veramente, ma continuerà dicendo anche che gli "angeli sono al servizio di "Dio" ed i diavoli sono al servizio di "satana", il diavolo in persona.
Quando invece parlate con non religiosi, difficilmente affermeranno che esistono veramente.
Poi vi sono per contro anche persone che seguono il "culto degli angeli o dei demoni, per cui la varietà di pensiero è notevole su questo argomento come sulle parole diavolo e Dio.
Il mondo o la dimensione nella quale viviamo tutti quanti, ci fornisce ogni istante milioni di informazioni sia attraverso gli oggetti, sia per mezzo dei soggetti con i quali entriamo in contatto; questo "contatto" lo abbiamo perché interpretiamo, duplichiamo nella nostra mente/organo a seconda di quanti e quali archetipi dell’informazione deteniamo, cioè decodificando le informazioni che siamo in grado di recepire a seconda delle informazioni che la nostra parte della mente/razionale ha acquisito; più siamo consapevoli delle realtà della Manifestazione più abbiamo abilità nel decodificare le informazioni; più dati e notizie abbiamo e meglio saremo in grado di ricevere e dedurre informazioni da qualsiasi fenomeno osservato.
Occorre comunque ricordare che l’organo mente non è solo la parte razionale, ma essa è composta da tutte le parti: "razionali" ed "irrazionali" e per irrazionali intendiamo..." ciò che non è ancora razionale, ma lo sarà sicuramente in futuro, quando avremo l’abilità, la chiave di interpretazione del fenomeno osservato"; per cui è bene saper "ricevere" informazioni con tutta la mente razionale e da quella "irrazionale" che è sempre collegata alle nostre "antenne" i cromosomi del DNA portatori dei "Geni Informati" che sono anch’essi "angeli", portatori di luce (dati).
Vi sono moltissime "gerarchie" di angeli, i Geni sono un tipo di gerarchia, essi sono al nostro servizio: vedi l’esempio analogico (il-Logico) metafisico, della fiaba di "Aladino".
Fin dall’antico ogni popolo ed ogni religione ha sempre avuto al proprio interno uno spazio che riguardava gli "angeli/demoni"; essi erano posti in genere in relazione con la Natura, l’UniVerso e le forze, le Energie presenti nella Manifestazione; essi erano anche noti come "gnomi, spiriti natura od elementali", piccolo popolo, deva (essere di luce risplendente o luminoso, proveniente dal cielo), la cui radice Dyaus da Dyu (Dio) che significa appunto "splendere".
Un nesso molto razionale lo abbiamo già indicato nel capitolo precedente parlando delle particelle atomiche e sub nucleari Pensanti, gli Aelohim cioè entità sub Atomiche: Elettroni/Positroni.
Questi "dei" od angeli, demoni, deva, ecc., sono gli esseri che animano e fanno da ponte determinando la forma delle cose e dei soggetti; essi sono presenti in ogni Manifestazione ed in ogni Creatura, aiutandole ad evolversi nella forma e nello spirito/Coscienza; essi rendono la Natura e la Manifestazione VIVA ed ognuno di essi ha la sua parte di Manifestazione da creare, trasformare ed aiutare.
La parola Aelohim oltre a significare "elettroni/positroni" significa anche: "abitante del cielo, (dello spirito e dell’Universo) colui che viene dal cielo, portatore di luce, messaggero divino, divinità, essere di luce, essere che vola".
Quindi gli Aelohim sono anche il nome generico degli abitanti dell’Universo (gli angeli della Bibbia), oggi li chiamiamo Alieni, Extraterrestri.
Vediamo comunque di affrontare questo argomento anche con un altro tipo di ottica irRazionale ovvero due volte razionale (ri-razionale); ciò che non è ancora conosciuto, compreso, si dice essere "irrazionale"; vediamo di far "passare e scendere", questa informazione, queste parole, dall’irrazionale nel razionale.
La parola ANGELO: (vedi dizionario) Angiolo, Agnolo: "essere di natura superiore all’umana, puramente spirituale, ma con un corpo di materia risplendente, irradiante luce, e rappresentato dall’arte pittorica in forma corporea umana di giovanile bellezza, con ali (in quanto proveniente dal cielo dello spirito, pensiero e dallo spazio) e fra raggi di luce; messo celeste della volontà divina; le varie gerarchie, i cori degli angeli; creatura prediletta per bontà e bellezza, abitante i cieli ovvero lo spazio dell’Universo, Galassie, sistemi solari, pianeti".
Angelo Custode: "protettore divino assegnato ai singoli uomini, protettore, cioè chi sta premurosamente al fianco di qualcuno". Angelo del demonio: "del male, delle tenebre".
La parola Angelo deriva dal latino Angelus e questo dal greco Angelos e significa messaggero, portatore di informazioni, di Luce; anagramma di "agnello"; sinonimo di "fuoco"; la stessa parola Aelohim in ebraico antico indica gli angeli (Dei) provenienti da altri mondo, oggi diremmo extraterrestri.
La parola DEMONE: (vedi dizionario): "Spirito interposto fra il mondo del divino e quello dell’esperienza sensibile, partecipe e dispensatore di facoltà soprannaturali od ispiratore di passioni imperiture" la parola deriva dal latino Daemon - onis e questo dal greco Daimon-onos.
La parola DEMONIO, dal dizionario: "arcaico Dimonio (dominio, dominare), spirito provocatore di tutto il male che è perpetrato e propagato nel mondo per la perdizione dell’uomo".
Tende a differenziarsi da diavolo, nel senso di spirito infernale con senso di indole perversa, crudele, con il terribile compito di eseguire la condanna divina e che tende a far prevalere la malvagità diretta alla negazione od alla distruzione indiscriminata con eccezionale capacità di resistenza fisica.
La parola Demonio deriva dal latino tardo Daemonium e questo dal greco Daimonion.
Genio ispiratore, che manifesta la vita divina e soprannaturale e determina influssi non necessariamente maligni.
Il laboratorio nel quale possiamo far scendere facilmente queste parole, è quello della nostra "mente/organo", che alle volte ci può mentire perché ci porge una parte, un lato solo delle verità; vediamo attingere a tutti i lati della Verità e di riuscire a coagulare, bruciare nel fuoco della Conoscenza elaborata, per "trasfigurare" comprendere bene queste parole.
Nel nostro organismo, l’universo corporeo, abbiamo già visto precedentemente e più volte, esistono varie "gerarchie di angeli" (Elettroni, Atomi, Geni del DNA, ecc.) che utilizzano altri tipi di "angeli", i "Microbi ed i Virus" simbiotici per aiutare il malato a recuperare la sua Salute.
Ora se come abbiamo cercato di farvi comprendere la Divinità è la presenza dell’Ego/IO, cioè la presenza della Coscienza Giusta e Consapevole nell’Uomo, ciò significa che NOI, Dei in fase di InFormAzione, abbiamo a disposizione una "coorte" di miliardi di esseri (portatori di informazioni) di luce (di energia) che possono "volare", spostarsi a volontà nel nostro corpo che è un universo pieno di liquidi, essi si spostano con le "ali", che indicano le loro possibilità di movimento totale in questo oceano di liquidi, per aiutarci nel nostro vivere quotidiano e sopra tutto nell’aiutarci a recuperare la Salute compromessa e quindi aiutarci nella nostra personale evoluzione Spirituale.
Attenzione però, questi "angeli, microbi" hanno una caratteristica duplice, essi possono trasformarsi, mutarsi in demoni (angeli "malvagi") per noi loro ospitanti, se non ci uniformiamo alle Leggi che regolano le strutture Viventi nel Creato, cioè se non ci disintossichiamo Psichicamente e fisiologicamente, riportando ai giusti valori le alterazioni Spirituali/Termico/Nutrizionali che hanno prodotto le intossicazioni corporee (alterazioni bio elettroniche delle acque: i liquidi del corpo, terreno di microbi, virus, prioni, minerali, vitamine, amminoacidi, fattori vitali ecc.).
Un classico esempio sono i funghi (candida e derivati) se questi si mantengono entro i giusti limiti e proporzioni, la salute è di "ferro", al contrario se essi proliferano nel nostro intestino, perché la digestione avviene in ambiente acido che e' a loro favorevole, divengono la fonte di ogni nostro malessere.
Come abbiamo visto ampiamente, le malattie nascono perché vi sono sempre all’origine Errori Etici, cioè Trasgressioni alle Leggi della Manifestazione; queste Trasgressioni generano i Conflitti interiori fra ciò che dovremmo essere e ciò che siamo e come ci Comportiamo, di conseguenza variano le informazioni che vengono elaborate dai cervelli, ciò significa che è la Mente che sta mentendo perché in contrasto, in conflitto con le Leggi del Creato.
Questo Conflitto determina un alterazione di funzionalità (energia) dei neuroni ed uno stato di sovra eccitazione degli stessi, che se perpetuato per più tempo, anche solo qualche ora, determina anche nuovi circuiti, sinapsi neuronali con l’invio di segnali, messaggi insoliti od errati a sistemi, organi e cellule, corrispondenti alle zone controllate dalla parte del cervello investita dal Conflitto.
A loro volta sistemi, organi e cellule varieranno la loro funzionalità (la loro carica bio elettrochimica) e l’habitat degli "angeli", microbi, virus, ecc., si modificherà ed essi (i nostri angeli) saranno costretti a mutarsi per aiutarci a guarire facendoci soffrire (amplificando nell’organismo il Conflitto Spirituale all’origine della malattia) per obbligarci a porre in atto azioni adatte a disintossicarci dall’errore (dall’idea errata) spirituale che determinerà di conseguenza la disintossicazione della parte fisica ponendo in atto le giuste azioni (l’uso di tecniche non invasive e prodotti atossici di tipo biologico naturali) per recuperare l’Ego/IO ha perso il controllo a favore della Mente (il diavolo/angelo che mente) con l’aiuto degli "angeli" il nostro "trono" divino, il comando, il controllo del nostro universo, l’organismo.
Questa è la semplice funzionalità del nostro corpo il "Tempio di Dio, non fatto da mano di uomo", come riferisce anche la Bibbia; siamo degli "dei" in fase di InFormAzione, dobbiamo divenire il D’IO del nostro organismo, cioè YOD-HE’-SH-VAU-HE’; Yashouè per ottenere ciò abbiamo a disposizione miliardi di esseri che ci aiutano per questa finalità; guai a distruggerli con antibiotici od antivirali, otterrete la loro "mutazione", che si ritorcerà inevitabilmente contro di voi e contro la stessa vostra vitalità o Vita.
vedi anche: Centro Ufologico Naz.
http://web.tiscali.it/lareteufo/index.htm
- http://www.cun-italia.net


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Ora parliamo dell’UniVerso esterno al nostro corpo.
Ugualmente l’Universo è pieno di Vita in ogni Galassia, sistema stellare; Egli è brulicante di vita in ogni suo punto; nel futuro avremo la possibilità di costruire i dischi volanti (i progetti sono pronti) e con essi andremo a spasso nell’Universo, per conoscere le diverse Forme di vita, (la nostra è la Forma Umana) a velocità anche più grandi di quella della luce e per far ciò si comprimerà il campo magnetico universale nella direzione ove ci si vuol recare e lo si distenderà nella direzione opposta.
Prima di ciò occorre che l’Uomo perda la sua "animalità", la sua Spiritualità involuta, altrimenti "infetterà con la sua ignoranza, portando involuzione" tutti i luoghi contattati; perciò lo Spirito dell’Universo rallenta il momento per la realizzazione e costruzione sul pianeta Terra di queste macchine, per impedire fisicamente agli uomini corrotti e trasgressori di portare la loro ignoranza, cioè il nostro "male" ad altre Creature della Manifestazione.
Vi sono miliardi di pianeti abitati da forme di vita intelligente piu' o meno simili alla terrestre, sicuramente di intelligenza sia superiore che inferiore alla nostra. Il nostro passato ed il presente dell’umanità sono pieni zeppi di "avvistamenti di navi spaziali e dischi volanti contenenti umanoidi od esseri diversi, simili o più belli dell’uomo".
Negli Stati Uniti, nella zona desertica dello stato del Nevada, nell’Area 51, vi è una delle basi aerospaziali nella quale vi sono, cosi pare, nascosti ai popoli del mondo, ben 9 dischi volanti atterrati indenni con i loro equipaggi i cui corpi una volta morti sono stati dagli umani conservati in cilindri contenenti un liquido speciale.
Prima di morire questi extraterrestri avrebbero fornito a coloro che ne avevano il contatto (scienziati del governo degli USA) informazioni preziose sull’Universo e sugli abitanti dei pianeti da dove provenivano e sulla storia umana, confermando che il nostro pianeta è stato da sempre visitato ed in certi periodi anche colonizzato; quegli scienziati stanno cercando ora di carpire la tecnologia avanzata che muove quei dischi volanti, in quanto essi ne possiedono alcuni funzionanti da decenni, tant’è che le loro evoluzioni si vedono quasi tutti i giorni sopra quel deserto; quindi presto anche gli uomini possederanno un certo tipo di dischi volanti.
Nella Bibbia come in tutti gli scritti antichi si parla di questi esseri che provengono dal cielo, che volano con dei "carri di luce, di fuoco", che portano agli umani conoScienza; vi sono esseri altamente spirituali (con psiche ed idee sublimi, sante, perfette), ma vi sono nell’Universo anche esseri non ancora evoluti nella coscienza che però hanno una tecnologia più avanzata della nostra e che quindi possono percorrere l’Universo in lungo ed in largo cercando di "colonizzare" (in senso malvagio), come farebbero i terrestri se potessero atterrare su di un altro pianeta abitato, visto che già lo fanno sulla terra, per loro non sarebbe difficile duplicare la loro dittatura anche su altre culture od esseri di altri pianeti.
Comunque malgrado che i governi della Terra cerchino in ogni modo di coprire la verità, presto avremo contatti sempre più frequenti e diretti con questi altri esseri che popolano l’Universo e che come noi stanno svolgendo la loro evoluzione per arrivare ad acquisire sempre più informazioni su Sé stessi e sull’Universo al quale apparteniamo tutti quanti.
L’UniVerso è a sua volta un Essere pensante in fase di Manifestazione (con personalità maschile e femminile) e funziona esattamente come il nostro organismo; egli ha le stesse finalità, funzioni e le stesse peculiarità: "così in alto come in basso", dice la tradizione antica ed il suo nome è YASHOUE’.
Quindi gli Angeli (incarnati od extraterrestri, detti Alieni) esistono anche nell’Universo come nel corpo umano ed hanno le stesse finalità o funzioni e le stesse possibilità; sta a noi saperli vedere quando li incontriamo, perché essi sono anche fra di noi per portarci informazioni, dati, notizie, per essere sempre in Armonia con il Creato e con il Divino che sta in NOI.
NON cerchiamo di uccidere gli "angeli custodi" che sono fra di noi, con le nostre sembianze, perché altrimenti essi diverranno i nostri distruttori e ci faranno soffrire fino a quando non cambieremo comportamenti in quanto sono esseri con più possibilità, sono biFronti, cioè angeli e demoni a seconda del caso e delle necessità.
Un recente esperimento condotto da un neuro psicologo Canadese M. Persinger, sembra dare una risposta affermativa e quindi gettare nuova luce su questi temi.
Egli ha preso un certo numero di volontari "normali" cioè non dediti a sensitività, medianità, contattismo, ecc., che ha sottoposto ad un esperimento di condizionamento del lobo temporale (parte del cervello del cranio), utilizzando una specie di elmetto in grado di rilevare con appositi sensori l’attività bio elettronica della corteccia cerebrale e di modificarla attraverso la produzione di un campo elettromagnetico.
I volontari hanno riferito di avere visto luci, sentito suoni e provato sensazioni che hanno interpretato in termini di alterazione della loro coscienza e che nascevano nel loro cervello; hanno avuto la sensazione che qualcuno volesse entrare in contatto con loro ed influenzarli, come se fossero alla merce di entità sovrannaturali, di forze o creature extraterrestri.
Secondo il ricercatore Canadese ciò accade in quanto vi sarebbe una caduta dei livelli di ossigeno della corteccia cerebrale, così come avviene quando si sta per perdere coscienza o negli stati mentali della fase di pre-morte (stati di chi si sente in punto di morte e poi si riprende).
Questa è la prova inconfutabile che il cervello è l’unica e la più perfetta apparecchiatura bio elettronica radio ricevente e trasmittente creata nella Manifestazione dell’UniVerso Mentale per poter comunicare con tutte le tendenti infinite dimensioni di Ella.
Quando si alterano le normali condizioni bio elettroniche neuronali, il cervello e quindi la Coscienza, può "sintonizzarsi" e rivelare TUTTA la Manifestazione nelle sue varie forme.
Smettiamola quindi di dare del "pazzo" a coloro che sono in sintonia con altre parti dell’Universo, ma aiutiamoli a ritornare o stare nel qui ora, nel presente della nostra realtà, in modo che essi possano vivere senza psico dipendenze da altre zone o parti dell’Universo.
Se, in questo UniVerso così immenso che tende ...........all’InFinito spazio e tempo, con miliardi di miliardi di miliardi di galassie con anche esse miliardi di miliardi di miliardi di stelle che a loro volta contengono, miliardi e miliardi di pianeti, ci fossimo solo noi terrestri, che spreco di spazio e di tempo vi sarebbe..........ciò NON ha nessun senso, ....evidentemente così NON E’ !!, quindi la Vita è OVUNQUE !!
Watergate sugli UFO
Il governo degli USA ha occultato molteplici dati e informazioni sugli UFO a partire dal 1947, l'anno in cui almeno un Ufo caduto per avaria sarebbe stato recuperato nel New Mexico. Questo però non significa che, a livello governativo, tutti sapessero della cosa e che nessuno abbia parlato. Infatti i sistemi di sicurezza operano in base a criteri di compartimentalizzazione delle varie questioni caratterizzate da classifica di segretezza. E' chiaro che, come è successo nel caso specifico, molta gente abbia rivelato alla lunga la cosa, ma senza disporre di documenti classificati atti a confermare le proprie affermazioni.
Molte indicazioni concordano sulle stesse conclusioni.
Una di queste attiene al ruolo della National Security Agency (NSA) il cui budget annuo "in nero" è di almeno 10 miliardi di dollari, stando al Washington Post e al rapporto Blank Check (Assegno in Bianco) del vincitore del premio Pulitzer Tim Weiner.
Quasi 20 anni fa una richiesta di rilascio di documenti sugli Ufo ad opera del CAUS (Citizen Against Ufo Security) attraverso la legge della libertà di informazione (Freedom of Information Act o Foia) statunitense comportò la risposta che il governo Usa non disponeva di informazioni riservate sugli Ufo. Sebbene la possibilità di un appello fosse negata, la Corte Federale impose alla CIA di eseguire una ricerca documentale negli Archivi Nazionali.
Così emersero, e dovettero essere rilasciati, circa 900 documenti comunque riferiti all'argomento: solo la punta di un iceberg, in quanto essi, classificati non oltre il segreto, facevano in buona parte riferimento ad altri dossier con classifica di segretezza superiore e per tanto non declassificabili a distanza di anni.
Di maggiore importanza è stato il rilascio di una lista di 57 dossier sugli Ufo rinvenuti negli archivi CIA ma traente origine da varie altre agenzie governative, e che il Servizio Segreto americano non poteva rilasciare al pubblico.
Di particolare interesse 18 documenti riferiti alla suddetta NSA. Alla richiesta di renderli noti fu opposto che si trattava di materia attinente alla Sicurezza Nazionale. Negata la richiesta in appello, subentrò l'azione della Corte Federale. Alle obbiezioni della NSA circa la necessità di tutelare fonti e dati metodologici, fu risposto che si volevano solo i dati sugli Ufo e null'altro; per cui il giudice della Corte Federale Gerhardt Gesell (il giudice del processo Oliver North) impose infine alla NSA una ricerca di archivio.
Emersero così 239 documenti sugli Ufo di cui 79 riferiti ad altre agenzie governative, 23 dei quali coinvolgenti la CIA.
A questo punto la NSA rifiutò di rilasciare 156 di tali documenti impedendo anche al giudice il diritto di stabilire se il contenuto implicava o meno questioni di Sicurezza Nazionale. Inoltre, fu sottoposta al giudice una testimonianza giurata classificata Top Secret a porte chiuse nelle cui 21 pagine di testo si giustificavano i perché del riserbo sulla questione.
Gesell ebbe uno speciale NOS (Nulla Osta di Segretezza) per prendere visione della testimonianza giurata a porte chiuse, che non fu mai esibita ai legali del CAUS che avevano promosso il procedimento di liberalizzazione dei documenti attraverso il FOIA.
Il giudice Gesell rimase così impressionato dal documento sottopostogli da affermare che:
"La testimonianza giurata a porte chiuse in questione presenta considerazioni concrete che hanno aiutato la Corte a stabilire che l'interesse del pubblico nel rilascio di documenti risulta spropositato rispetto alla delicatezza della natura di tale materiale e all'ovvio effetto sulla Sicurezza nazionale che un simile rilascio comporterebbe".
La Corte d'appello Federale ha convenuto col giudice Gesell dopo l'esibizione della testimonianza giurata a porte chiuse.
Di conseguenza la Corte Suprema ha rifiutato di discutere il caso. Copia delle 21 pagine della testimonianza giurata fu in seguito ottenuta attraverso il FOIA , ma il testo risultava
censurato al 75% !
Si pensi che una delle pagine risultava censurata, inclusi i vari timbri di classifica del documento, con la sola eccezione di 8 parole dell'intero testo !

Commento NdR : se fosse vero che gli Ufo non esistono, a cosa servirebbe tanta
segretezza…??
vedi: http://it.wikipedia.org/wiki/Manoscritti_non_biblici_di_Qumran + Angeli 1 + Angeli 3

venerdì 25 settembre 2009

INCONTRO CON UN FRATELLO DELLO SPAZIO

FONTE : noiegliextraterrestri.blogspot.com
:

Ho una storia straordinaria da raccontare. Ho deciso di raccontarla perchè ritengo che coloro che vivono esperienze insolite, fuori dall'ordinario e che esulano dalla nostra realtà hanno - almeno per me - il dovere morale di condividerle con le altre persone, indipendentemente dal fatto se esse crederanno o meno, perchè questo è faccenda personale della Coscienza di ogni singolo individuo. Prima di iniziare a raccontare vorrei precisare che ciò che ho vissuto è il risultato di un esperimento e prova personale che trae spunto dall'esperienza che lo stimato giornalista e ricercatore ufologico Timothy Good a sua volta visse nel 1967 a New York mentre era seduto nella hall di un famoso hotel, la cui storia è raccontata nel suo libro "Base Terra", ove egli menziona di aver sperimentato un incontro ravvicinato con un uomo Extraterrestre semplicemente attraverso l'invio di un messaggio telepatico di "invito" all'incontro, ed esso che consisteva che se in quella città o meglio nei paraggi dell'hotel era presente un essere non di questo mondo egli doveva farsi avanti e sedersi alla destra dell'autore e infatti dopo qualche minuto un uomo il cui contegno lo allertò entrò, e si sedette come richiesto; successivamente l'autore gli chiese sempre col pensiero che se era un extraterrestre doveva dimostrarlo toccandosi la narice destra con il dito indice cosa che prontamente l'uomo misterioso fece, sconvolgendolo. Non vi fu dialogo perchè Good era molto turbato. Poi l'uomo si alzò e prima di andare via gli lanciò una lunga occhiata penetrante. Questo straordinario racconto mi ha intrigato e così mi son detta: "Perchè non provo anche io? Sarebbe così bello incrociarne uno per strada, provare non costa nulla!". Ed infatti dopo molti tentativi che non ebbero l'effetto sperato, un bel giorno così fu. Finalmente il 10 ottobre 2006 l'esperimento riuscì. Quella mattina viaggiavo in treno verso Genova e decisi di inviare un messaggio telepatico di invito ad un extraterrestre di incrociarmi per strada o in un luogo pubblico della città e, benchè non avessi la minima idea di come avrei fatto a riconoscere l'ipotetico alieno, ero fiduciosa che sarebbe stato affar suo fare in modo che lo capissi. E così quel pomeriggio mentre stavo scendendo la grande scalinata centrale della stazione ferroviaria "Porta Principe" per avviarmi al treno che mi avrebbe riportato a casa, un giovane uomo, dal basso - a meno di 20 metri da me - stava salendo ed iniziò a fissarmi..ed io inevitabilmente pure. Quello che accadde da lì in poi fu qualcosa di totalmente trascendentale.

Inaspettatamente i suoi grandi occhi blu divennero inspiegabilmente magnetici e penetranti nel vero senso della parola ed hanno attirato e catturato i miei occhi ed il mio intero essere nei suoi, ed ho provato la forte e chiara sensazione fisica di essere attirata con il mio intero corpo dentro i suoi occhi come fossi attirata da una energia magnetica e mi sentii perdere il controllo del mio equilibrio e provai la forte percezione di cadere letteralmente con il mio intero corpo proprio negli occhi dello strano uomo. Ero completamente in balia del suo potere ma allo stesso tempo ero perfettamente cosciente di ciò che mi stava accadendo e, mentre tutte queste manifestazioni psichiche avvenivano, ho sentito un rumore elettrico attraverso i miei occhi. Mentre ci stavamo avvicinando divenne particolarmente forte la sensazione fisica che se avessi continuato a guardarlo sarei caduta non nella scalinata ma proprio nei suoi enigmatici occhi e per un momento mi spaventai. Al momento stesso di incrociarci mi fece un leggero sorriso ed io da quel momento finalmente riuscii a staccare i miei occhi dai suoi. La cosa durò pochi secondi ma mi parvero un'eternità: sembrava essere in una sospensione temporale. In uno stato emozionale difficile da spiegare continuavo a scendere la scalinata, mentre lui stava salendo alle mie spalle ed io, sconvolta, stordita e con il cuore che batteva all'impazzata cercai nella mia mente di razionalizzare e spiegare ciò che era successo: che cosa mi aveva fatto ma soprattutto "Chi" era quell'Essere dai poteri prodigiosi. Mentre scendevo mi voltai indietro per due volte e telepaticamente gli chiesi chi fosse, sperando che si voltasse, ma nulla; mi voltai per la terza ed ultima volta ed egli si voltò dall'alto della scalinata ed i suoi impressionanti grandi occhi blu che mi parvero diventare liquidi, mi lanciarono una inaspettata occhiata magnetica e penetrante. Poi egli si voltò e sparì nella sala sovrastante. Per un momento stentati a crederci ma poi capii che nessun essere umano poteva fare niente del genere e nella mia mente si affacciò la risposta e non potei fare a meno di dirmi che era avvenuta una cosa fuori dal comune, unica e meravigliosa e realizzai senza ombra di dubbio - come se mi avesse aiutato lui a trovare la risposta e poteva benissimo averlo fatto - che era avvenuta una cosa straordinaria: un incontro con un Extraterreste, con uno dei molti Fratelli delle stelle che camminano in mezzo a noi. Quel giovane uomo Extraterretre sembrava avere una eta' di appena 30 anni; alto circa un metro e ottanta aveva la carnagione leggermente abbronzata ed era calvo. I suoi magnifici grandi occhi blu mi hanno suggerito che poteva essere senza dubbio un "Nordico". Ero ancora agitata e mi tremavano le mani ma soprattutto ero molto felice: il mio esperimento ed il mio desiderio avevano funzionato e si erano trasformati in realtà. Ma le sorprese non finiscono qui.

Quattro giorni dopo istintivamente presi dalla libreria il libro di Michael Wolf (l'autore sotto a destra) "The Chatchers Of Heaven - Afferrando il Cielo" del quale avevo letto in precedenza qualche anno prima solo i primissimi due o tre capitoli. Ma in quel momento non so come ma mi sentii di dover leggerlo tutto. Grande fu la sorpresa e lo stupore che provai quando nel capitolo 18 della terza ed ultima parte della trilogia lessi di una esperienza che visse l'autore mentre guardava negli occhi un ragazzino alieno, così commentata da Michael: "..pensavo che se avessi continuato a guardare dentro di essi, mi avrebbero tirato nel loro blu, come dentro ad un oceano" ecco, rimasi praticamente di stucco perchè furono la stessa situazione e sensazione in cui mi trovai io, qui espresse solamente con parole diverse. Un altra somiglianza alla mia storia l'ho riscontrata nelnumero 14 di Area 51 del novembre 2006 nell'articolo "Gli enigma files" nel quale lo scienziato, artista e remote viewers Ingo Swann racconta di aver provato la sensazione elettrificante nell'incrociare una donna aliena in un supermercato e a sua detta è proprio grazie a questa particolare sensazione che ha potuto identificare la natura extraterretre della donna. Non nego che anche qui sono rimasta piacevolmente sorpresa. Certamente il trovare questi due riscontri simili alla mia personale esperienza - e che probabilmente serviranno più a chi legge che a me - mi ha solamente aiutato in parte ad ancorare meglio in questa realtà ciò che ho vissuto, ma non sono affatto una prova che la avvallano e non sono affatto dei mezzi per dire che ho incontrato un Essere Extraterrestre, perchè questo lo sapevo già fin da quel magico pomeriggio del 10 ottobre e tutte quelle manifestazioni psichiche chiare e forti attuate su di me da quell'uomo di un altro mondo sono un qualcosa di indelebile nella mia memoria che ne testimoniano il mio reale incontro. Ho sentito giusto condividere con tutti voi le mie parole e spero serva di incoraggiamento per coloro che vivono esperienze insolite e non devono vergognarsi o aver paura di raccontarle: non c'è nè motivo. Mi auguro che le persone espandino la propria Coscienza e Consapevolezza e che facessero nascere un sentimento di amore verso tutti quei Fratelli e Sorelle Stellari a cui un giorno, e presto, ci riuniremo in una grande e unica Famiglia.

.:Annalisa:.

Angeli o Alieni? - 2

Joseph Smith, Jr. portrait owned by Joseph Smith III.jpg

Joseph Smith

Il 21 settembre del 1823 Joseph Smith racconta di aver avuto una visione, ripetuta per tre volte durante la notte, e ancora la mattina dopo.
Secondo il suo resoconto gli sarebbe apparso in una candida veste bianca Moroni, un profeta vissuto in passato nel continente americano, che gli avrebbe rivelato l'esistenza di un testo sacro scritto su tavole d'oro e nascosto nella vicina collina di Chumora.


Joseph Smith jr. (Sharon, 23 dicembre 1805Carthage, 27 giugno 1844) è stato un profeta statunitense, fondatore e Presidente della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, conosciuta anche come chiesa mormone.


Gioventù

Nacque da Joseph senior e Lucy Mack, quarto di undici figli. La famiglia era di umili condizioni economiche e l'educazione di Joseph fu da autodidatta. La famiglia si trasferì diverse volte per trovare adeguati mezzi di sostentamento (West Lebanon, nel New Hampshire, Norwich, nel Vermont, Palmyra, nello stato di New York).

Seguendo l'esempio della famiglia, Joseph Smith si interrogò da adolescente su quale dei diversi culti religiosi dovesse seguire tra Battisti, Metodisti e Presbiteriani. Egli stesso descrive così questo momento:[1]


« La mia mente era a volte agitatissima, talmente le grida e il tumulto erano grandi e incessanti. I Presbiteriani erano i più decisi contro i Battisti e i Metodisti, e usavano tutti i poteri, sia della ragione che del sofisma, per dimostrare i loro errori, o almeno per far credere al popolo che essi erano nell'errore. D'altro canto, i Battisti e i Metodisti a loro volta erano ugualmente zelanti nello sforzarsi di confermare i propri principi e nel confutare tutti gli altri. In mezzo a questa guerra di parole e a questo tumulto di opinioni, io mi dicevo spesso: Cosa devo fare? Quale di tutti questi gruppi ha ragione? O hanno tutti torto? E se uno di essi ha ragione, qual è, e come posso saperlo? »



La Prima visione

In seguito alla lettura di un passo biblico che raccomandava di chiedere la sapienza direttamente a Dio (Giacomo 1:5), si ritirò nei boschi nella primavera del 1820, dove, secondo il suo racconto ebbe la "Prima Visione", nella quale il Padre e il Figlio gli comunicarono che nessuna delle chiese esistenti era quella giusta e che in futuro a lui stesso sarebbe stata rivelata la pienezza del Vangelo.

Il 21 settembre del 1823 egli racconta di aver avuto un'altra visione, ripetuta per tre volte durante la notte, e ancora la mattina dopo. Secondo il suo resoconto gli sarebbe apparso in una candida veste bianca Moroni, un profeta vissuto in passato nel continente americano, che gli avrebbe rivelato l'esistenza di un testo sacro scritto su tavole d'oro e nascosto nella vicina collina di Chumora. Joseph Smith si sarebbe recato sul luogo visto nella visione, dove avrebbe trovato una cassa di pietra sepolta con le tavole d'oro che per il momento gli fu proibito di prendere. Solo quattro anni dopo, dopo altre visioni, avrebbe ricevuto il 22 settembre del 1827, le tavole, scritte in una lingua sconosciuta, e gli altri oggetti conservati con esse (l'Urim e il Thummim e il pettorale dei sacerdoti ebraici, citati nella Bibbia).

Nel 1825 Joseph Smith fu assunto da un certo Josiah Stowell per partecipare alla ricerca di una miniera d'argento che si riteneva essere stata aperta e poi abbandonata dagli Spagnoli presso Harmony, in Pennsylvania. Allora questo tipo di ricerche erano abbastanza frequenti nelle ex-colonie americane. Nel corso di questa spedizione, Smith fu portato davanti al tribunale di Bainbridge, nello stato di New York, con l'accusa di essere "una persona sregolata e un impostore"; non essendoci rimasti registri del tribunale è rimasto fino ad oggi incerto l'esito di quel procedimento, al riguardo esistono solo delle contradditorie testimonianze.[senza fonte] Nemmeno gli storici che si sono occupati della vicenda hanno assunto una posizione condivisa. A Harmony conobbe Emma Hale, che sposò nonostante l'opposizione del padre di lei, il 18 gennaio del 1827.


Raffigurazione pittorica della consegna a Joseph Smith delle tavole d'oro da parte dell'angelo Moroni




Il Libro di Mormon e la fondazione della Chiesa

Joseph Smith e la moglie Emma si trasferirono quindi ad Harmony, Pennsylvania, dove sarebbe iniziata l'opera di traduzione delle tavole con l'ausilio degli oggetti sacri. Un primo manoscritto, il cosiddetto Libro di Lehi, costituito da 116 pagine, sarebbe stato tuttavia perduto da Martin Harris, il quale aveva aiutato Smith nella traduzione e aveva insistito affinché gli fosse permesso di mostrare le pagine tradotte alla moglie, estremamente contraria al coinvolgimento di Martin nell'opera di Joseph Smith, quale prova concreta del lavoro svolto. Di conseguenza, le tavole sarebbero state tolte a Joseph Smith dall'angelo Moroni, per essergli restituite soltanto successivamente. La traduzione sarebbe quindi ripresa con l'aiuto di Oliver Cowdery.

Nella primavera del 1829 Smith racconta di un'altra visione, avuta insieme ad Oliver Cowdery, nella quale Giovanni Battista conferì ai due il "Sacerdozio di Aaronne", che comprendeva l'autorità di battezzare per la remissione dei peccati. Smith e Cowdery si battezzarono dunque a vicenda, secondo le indicazioni di Giovanni Battista. In seguito, durante un'altra visione, gli apostoli Pietro, Giacomo e Giovanni conferirono ad essi anche una più alta carica sacerdotale, il "Sacerdozio di Melchisedech", mediante il quale avrebbero ottenuto il potere di restaurare le altre ordinanze e caratteristiche originarie della Chiesa istituita da Cristo.

In seguito, Smith e la moglie, insieme a Cowdery, si trasferirono nella casa dei Whitmer a Fayette, nello stato di New York, dove sarebbe stata completata la traduzione. Il Libro di Mormon venne quindi pubblicato il 26 marzo 1830 a Palmyra, New York, con una tiratura iniziale di 5000 copie. Alla fine dell'opera di traduzione, le tavole d'oro e gli altri oggetti furono ripresi in consegna da Moroni. Le tavole furono tuttavia mostrate a tre testimoni (Oliver Cowdery, David Whitmer e Martin Harris), la cui dichiarazione è anteposta alla stampa del libro. A questi tre primi testimoni se ne aggiunsero successivamente altri otto (Christian, Jacob Peter e John Whitmer, Hiram Page, il padre di Smith, Joseph senior e i suoi fratelli Hyrum e Samuel Smith), la cui dichiarazione è ugualmente premessa al Libro di Mormon.

Il 6 aprile 1830 la nuova chiesa venne formalmente creata, in una riunione nella casa di Peter Whitmer a Fayette e secondo le leggi dello stato i fondatori ufficiali furono in sei: Joseph Smith, Oliver Cowdery, Hyrum e Samuel Smith, fratelli di Joseph, Peter e David Whitmer. Joseph Smith e Oliver Cowdery furono accettati dalla comunità come "anziani". Il nome scelto fu quello di "The Church of Jesus Christ of Latter-day Saints", tradotto come Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni. I primi seguaci si trovavano nelle città di Manchester, Fayette e Colesville, nello stato di New York e a Colesville si ebbero le prime persecuzioni: Joseph Smith fu arrestato una prima volta a Colesville il 26 giugno dello stesso anno.

Sempre nello stesso anno Smith si trasferì a Fayette, dove si tenne la prima conferenza della chiesa, nel corso della quale fu stabilito che egli solo poteva ricevere rivelazioni riguardo alla Chiesa. Intanto lavorava ad una revisione della Bibbia (detta "ispirata") e raccoglieva le "rivelazioni" che sosteneva di aver ricevuto.



A Kirtland (Ohio)

Nel 1831 Smith e la maggior parte degli aderenti della sua chiesa si trasferirono nell'Ohio, dove si erano avute numerose conversioni. Smith si stabilì a Kirtland e qui fu deciso di organizzare l'economia della chiesa secondo il modello neo-testamentario che durò solo per alcuni anni: i beni dovevano essere tutti di proprietà della congregazione, che ad opera di un amministratore, il Vescovo, li avrebbe quindi redistribuiti in affidamento alle diverse famiglie secondo le loro necessità. I guadagni, dopo aver provveduto alle proprie necessità, dovevano essere versati al magazzino della Chiesa.

In seguito alla morte poco dopo la nascita dei primi tre figli, Joseph e la moglie adottarono i neonati gemelli Julia e Joseph Murdock, la cui madre era morta di parto.

Nell'agosto dello stesso anno durante un viaggio presso Indipendence, nel Missouri venne scelto il luogo dove secondo la promessa divina sarebbe dovuta sorgere Sion, la Nuova Gerusalemme, nella Contea di Jackson. Vennero acquistate delle terre e venne posta la prima pietra del nuovo Tempio. Dopo il ritorno Smith e la sua famiglia si trasferirono a Hiram, sempre nell'Ohio.

Joseph Smith
Ricoperto di catrame e piume


Nel mezzo di una notte dell'inverno del 1832 Joseph Smith venne preso dal suo letto e trascinato da un gruppo di facinorosi fuori da casa. Nonostante le urla di disperazione della moglie di Smith e del suo bambino, prima tentarono di fargli assumere del veleno e poi lo ricoprirono per dileggio di catrame bollente e piume. Per il freddo a cui fu sottoposto quella notte il figlio adottivo degli Smith si ammalò di polmonite per poi morire cinque giorni dopo quell'episodio di violenza. Seguì un nuovo viaggio in Missouri e venne creata la Società Unita che raccoglieva i beni della Chiesa di Kirtland e Independence. Al ritorno nacque il quarto figlio di Joseph ed Emma, Joseph III, il primo che sopravvisse.

Nel 1833 si recò in missione evangelica in Canada dove ci furono altre conversioni e inviò i piani per la costruzione della città di Sion e del suo Tempio nel Missouri. Tuttavia la massiccia immigrazione dei Mormoni aveva preoccupato gli altri coloni, da cui si differenziavano fortemente anche a causa delle loro idee abolizionistiche, contrarie all'istituto dello schiavismo. Ci furono atti di violenza contro i mormoni e nonostante le azioni intraprese per via legale furono cacciati con la forza dalla contea di Jackson trovando rifugio nella vicina contea di Clay. A seguito delle persecuzioni ricevute dal popolo della Chiesa, nel 1834 Joseph Smith guidò una milizia di circa 200 volontari, chiamata Campo di Sion (Zion's Camp in inglese). Dopo un lungo percorso che li portò da Kirtland Ohio sino alle contee di Jackson e Clay in Missouri e fallite le trattatative per un pacifico ristabilimento dei mormoni nelle terre e case da dove furono scacciati, Joseph Smith decise di non optare per un'azione di forza. Il Campo di Sion venne sciolto e molti volontari della spedizioni si ammalarono di colera. Nonostante la spedizione non riuscì nell'intento di riportare i mormoni del Missouri nelle loro case, da quel gruppo di volontari vennero in seguito scelti molti dei futuri dirigenti della Chiesa. Quando nel 1835 Joseph Smith ritornò a Kitland in Ohio organizzò il Quorum dei Dodici Apostoli e il Quorum dei Settanta nominando principalmente uomini che parteciparono al Campo di Sion. Fu anche organizzato un altro Consiglio, superiore ai primi due, chiamato Prima Presidenza, formato da un Presidente, Joseph Smith, e da almeno due consiglieri. Questi tre Consigli rappresentano ancora oggi i massimi organi di guida della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni. Nello stesso anno alcune mummie con papiri rinvenute in Egitto furono esposti a Kirtland e acquistati dalla Chiesa. Joseph Smith ne iniziò la traduzione sostenendo che si trattasse di un libro scritto dal patriarca biblico Abramo. Il Libro di Abrahamo venne pubblicato nel 1842. I papiri, dopo la morte dello Smith, rimasero in possesso della moglie Emma che li vendette ad un collezionista. Nel corso degli anni, la maggior parte dei papiri finirono nel Museo di Chicago e andarono perduti nel 1871 in seguito al Grande incendio di Chicago. Nel 1966 undici frammenti dei papiri furono trovati nel Metropolitan Museum of Art di New York e vennero reputati appartenenti ad alcuni dei papiri posseduti da Joseph Smith. Questi frammenti riportano invocazioni a Osiride e altri testi sacri egiziani. Comunque, allo stato attuale non si conosce quali papiri Joseph Smith abbia effettivamente tradotto come il Libro di Abramo.

Ancora nello stesso anno fu stampato il libro Dottrina e Alleanze che conteneva sette lezioni sulla fede e quarantacinque rivelazioni ricevute da Joseph Smith; che secondo la fede mormone provengono direttamente da Gesù Cristo.

Tra il 1832 e il 1836 venne costruito a Kirtland un tempio dotato di due sale sovrapposte, quella inferiore destinata alla preghiera e quella superiore all'insegnamento. Nacque il secondo figlio sopravvissuto di Emma e Joseph, Frederick Granger.

Venne inoltre fatta richiesta di poter istituire una banca a Kirtland con il diritto di stampare moneta, ma la richiesta fu respinta e fu aperta allora la Kirtland Safety Society Anti-Banking Company che fallì non molto tempo dopo a seguito di una crisi monetaria e bancaria che imperversò negli Stati Uniti conosciuta come il Panico del 1837. Joseph Smith già da tempo stava avvertendo i suoi confratelli e amici di una possibile crisi economica e di evitare facili speculazioni finanziarie. Nonostante ciò il fallimento fu da molti addebitato allo Smith, e anche alcuni dei suoi collaboratori lo accusarono. Il fallimento divenne un protesto da parte dei suoi detrattori per aprire dei procedimenti civili di risarcimento e per altri di ucciderlo. Smith si salvò fuggendo in Missouri.


Nel Missouri

Nel 1838 ci furono vari contrasti e disordini all'interno della Chiesa mormone e una diffusa opposizione all'autorità di Smith, il quale si trasferì, insieme ad un gruppo di cinquecento fedeli, nel Missouri, dove i Mormoni, scacciati anche dalla contea di Clay, si stavano radunando nella cittadina di Far West. Qui furono create le due contee di Daviess e Caldwell, riservate esclusivamente ai Mormoni. Altri conflitti interni portarono alla fuoriuscita di Oliver Cowdery, di David Whitmer e di John Whitmer, che era stato il primo storico della chiesa. Avendo perso i documenti originali, che non furono restituiti, Joseph Smith, scrisse il libro Perla di gran prezzo, riguardante tutti i primi avvenimenti della Chiesa. Nello stesso anno gli nacque il terzo figlio sopravvissuto, Alexander Hale.

Un nuovo insediamento fu inoltre creato a Adam-ondi-Ahman, identificato come il luogo in cui Adamo avrebbe radunato i suoi discendenti prima di morire e che prese il nome di Di-Ahman, e un altro a DeWitt. Fu istituita la decima di tutte le proprietà dei fedeli per risanare le finanze della Chiesa e negli anni successivi questi avrebbero dovuto continuare a pagare la decima dei propri guadagni. Inoltre i dissenzienti furono cacciati dalle contee mormoni. Venne infine istituita una milizia privata, conosciuta come i Daniti e fu proclamata l'intenzione di difendere le contee dagli oppositori anche con la forza.

In seguito ad una rissa durante le votazioni per le elezioni del 1838, l'insediamento di DeWitt nella contea di Carrol dovette essere abbandonato. Il 25 ottobre di quello stesso anno si svolse una vera e propria battaglia presso il fiume Crooked. Come conseguenza si ebbe un intervento del governatore dello stato, che prese posizione contro i Mormoni e inviò la milizia contro di loro. Il piccolo insediamento di Haun's Mill, che i suoi abitanti non avevano voluto abbandonar,e fu assaltato e i Mormoni massacrati, compresi donne e bambini. Far West fu assediata e diversi Mormoni arrestati, tra cui lo stesso Joseph Smith, che fu portato nel carcere di Liberty, mentre la sua famiglia si trasferiva a Quincy nell'Illinois insieme ai Mormoni scacciati dal Missouri.



Nauvoo, Illinois, e la morte

Fuggito nel 1839, si occupò di organizzare un nuovo insediamento per i Mormoni sul confine tra Illinois e Iowa, dove si trovavano i piccoli centri di Commerce e Commerce City. Furono acquistati nuovi terreni e il nuovo insediamento fu battezzato Nauvoo (bella in ebraico). Dopo un vano tentativo di ottenere giustizia per le persecuzioni subite dal parlamento e dal presidente degli Stati Uniti a Washington, fu ottenuto uno statuto per Nauvoo, con il diritto di istituire una milizia locale, un tribunale municipale e un'università. Nel 1841 Smith divenne sindaco della città e si avviarono i lavori di costruzione per un nuovo tempio e altri edifici pubblici. La milizia, la "Legione di Nauvoo" giunse ad avere tremila uomini, al comando di Smith. Fu stampato il giornale "Times and Seasons" e le istituzioni cittadine e religiose, spesso coincidenti, furono riorganizzate.

Dal punto di vista dottrinale furono introdotti qui il battesimo per procura per i morti (vedi 1 Corinzi 15.29), istituendo un registro da conservare nel Tempio, e l'ordinanza del matrimonio eterno, il quale permette alle coppie sposate e alle famiglie di continuare la loro unione per l'eternità. Venne inoltre introdotta, in seguito a una rivelazione ricevuta dal profeta Joseph Smith (vedi Dottrina e Alleanze, sezione 132), e a diffusione comunque ridotta, la pratica della poligamia.

Nel 1840 nacque a Joseph ed Emma un quarto bambino, Don Carlos, che visse tuttavia solo un anno. Nel 1842 era stato aperto il negozio di Joseph Smith, che serviva in parte anche come luogo di riunione in una sala al piano superiore.

Sempre nel 1842, John C. Bennet, consigliere nella Prima Presidenza fu scomunicato per adulterio e apostasia. Pubblicò allora un giornale diffamando e calunniando i leader mormoni. Contemporaneamente, nelle città vicine, in particolare a Warsaw e a Carthage si sviluppava un partito anti-mormone, che si opponeva alle intenzioni attribuite a Joseph Smith di creare uno stato nello stato su basi religiose. Joseph Smith fu inoltre accusato ingiustamente di aver attentato alla vita del governatore del Missouri e fu arrestato e quindi rilasciato.


Litografia del 1851 raffigurante il martirio di Joseph e Hyrum Smith



Nel 1844, Joseph Smith, nel tentativo di ottenere in qualche modo giustizia per le persecuzioni subite dai Mormoni, si candidò alle elezioni per la Presidenza degli Stati Uniti e fu creato un Consiglio politico di cinquanta membri. L'opposizione interna nella stessa città di Nauvoo, cresciuta in particolare a causa dell'introduzione della poligamia, si coagulò nella fondazione di una nuova Chiesa riformata. Gli oppositori rivolgevano a Joseph Smith accuse di violenza e dissolutezza, di bestemmiare Dio asserendo l'esistenza di molti dei e di avidità di potere politico. Il giornale degli oppositori, il "Nauvoo Expositor" venne distrutto dalla milizia cittadina comandata da Smith, in quanto gli attacchi alla Chiesa e al suo profeta da esso lanciati stavano ormai minacciando la quiete della città, rischiando di scatenare scontri violenti. In seguito a questi fatti, l'opposizione anti-mormone si acuì. Fu ordinato che la milizia cittadina venisse disarmata e Smith fu arrestato, insieme al fratello Hyrum, il 24 giugno del 1844 e portato a Carthage per subirvi un processo. Il governatore dell'Illinois, Thomas Ford, garantì comunque la protezione dell'incolumità a Smith e ai suoi compagni di prigione (il fratello Hyrum e gli apostoli Willard Richards e John Taylor, fra gli altri), promessa poi non mantenuta. Infatti, verso le cinque del pomeriggio del 27 giugno, la prigione fu assalita da una folla inferocita e con il volto annerito, e i fratelli Smith vennero così uccisi a sangue freddo.


I Mormoni diffondono la religione rivelata dall'angelo Moroni a Joseph Smith dagli Stati Uniti a tutto il mondo.


Tabella delle visioni di Joseph Smith

Tabella riassuntiva delle visioni di Joseph Smith
1820 Dio Padre e Suo Figlio Gesù Cristo Prima Visione
1823 Angelo Moroni Libro di Mormon
1829 Giovanni Battista Sacerdozio di Aaronne
1829 Pietro, Giacomo e Giovanni Sacerdozio di Melchisedec
1836 Mosè Raduno d'Israele
1836 Elias Dispensazione di Abramo
1836 Elia Redenzione dei morti




Angeli o Alieni? - 1

Gli Angeli potrebbero essere Alieni? Secondo Padre Edward Muldoon si!
Riti e rituali.

Archiviato da mstatus in: religione, catechismo, extraterrestri, catarismo

Abacuc e l'AngeloNegli ultimi post abbiamo parlato di culti, religioni e credi, che basano la loro fede, anche se talvolta "atea", sugli extraterresti, sull'ascensione ad un diverso livello di esistenza, o altri concetti di natura diversa. Insomma Credi di vario tipo, "tradizionali" come la religione cattolica, o meno, ma tutti con "pari dignità". Infatti sulla base dell'articolo 8 della Costituzione Italiana, tutte le religioni, o credi sono libere, o meglio poste sullo "stesso piano", sorvolo sull'art. 7. Esistono diversi concetti per definire gli angeli, riporto i principali. Secondo il Catechismo della Chiesa di Roma, gli angeli sono esseri spirituali ed incorporei (non materia), e sono, la cosa più importante, verità di fede. Sono creature puramente spirituali dotate di intelligenza e volontà e sono immortali. Riporto dal Catechismo della Chiesa Cattolica: "328 L'esistenza degli esseri spirituali, incorporei, che la Sacra Scrittura chiama abitualmente angeli, è una verità di fede. La testimonianza della Scrittura è tanto chiara quanto l'unanimità della Tradizione.329 Sant'Agostino dice a loro riguardo: «"Angelus" officii nomen est, [...] non naturae. Quaeris nomen huius naturae, spiritus est; quaeris officium, angelus est: ex eo quod est, spiritus est, ex eo quod agit, angelus – La parola "angelo" designa l'ufficio, non la natura. Se si chiede il nome di questa natura, si risponde che è spirito; se si chiede l'ufficio, si risponde che è angelo: è spirito per quello che è, mentre per quello che compie è angelo».

In tutto il loro essere, gli angeli sono servitori e messaggeri di Dio. Per il fatto che «vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli» (Mt 18,10), essi sono «potenti esecutori dei suoi comandi, pronti alla voce della sua parola» (Sal 103,20). 330
In quanto creature puramente spirituali, essi hanno intelligenza e volontà: sono creature personali e immortali. Superano in perfezione tutte le creature visibili. Lo testimonia il fulgore della loro gloria".

guardia_horusL'astrofisica Margherita Hack, in una intervista relativa sull'esistenza degli extraterrestri, ripresa da uno sbalordito e meravigliato Socci, dice: “Che ci sia la vita è indubbio, anche intelligente. Il problema, viste le distanze, è riuscire a entrare in contatto”. Ci troviamo di fronte a due ipotesi, una per verità di fede indica che esistono gli angeli e che gli stessi interagiscano anche qua in terra, e una non per verità di scienza, ma certezza matematica (indubbio), che esistano esseri extraterrestri intelligenti, con i quali però, il problema è rappresentato dalla difficoltà ad entrare in contatto (Hack), e per cui è improbabile, ma non impossibile, che sulla terra ci siano giunti in un qualche modo. Vi sono alcuni, come ad esempio il movimento raeliano, che credono per fede, anche se per così dire atea, che degli extraterrestri (Elohim), dotati di tecnologia superiore giunti sulla terra avrebbero
creato la vita utilizzando l'ingegneria genetica. Che cosa c'era prima di Genesi 1.1? Il nulla precedente era il nulla, e qualcuno ha creato tutto dal nulla, oppure c'era già tutto, e qualcuno, per così dire, ha infuso l'anima spirituale a qualcosa che c'era già, ma che non ce l'aveva (l'anima)? Ricordo che Giovanni Paolo II nel 1996 alla Pontificia Accademia delle Scienze disse: "nuove conoscenze conducono a non considerare più la teoria dell’evoluzione una mera ipotesi [..] se il corpo umano ha la sua origine nella materia viva che esisteva prima di esso, l’anima spirituale è immediatamente creata da Dio". (Fonte: Alleanza Cattolica)

I Testimoni di Geova, dal loro sito ufficiale risolvono la questione angeli dicono: "Secondo la Bibbia sono spiriti, proprio come Dio è uno Spirito. (Salmo 104:4; Giovanni 4:24) La grande famiglia angelica è composta da milioni di angeli. (Rivelazione [Apocalisse] 5:11) Tutti loro sono “potenti in forza”. (Salmo 103:20) Nessun angelo ha iniziato la propria esistenza come essere umano, benché ognuno di loro abbia la propria personalità e sia dotato di libero arbitrio come gli uomini. Dio creò gli angeli molto prima degli uomini, prima ancora di creare la terra. Quando Dio ‘fondò la terra’, dice la Bibbia, “le stelle del mattino [gli angeli] gridarono gioiosamente insieme, e tutti i figli di Dio emettevano urla di applauso”. (Giobbe 38:4, 7) Poiché sono stati creati da Dio, gli angeli vengono chiamati figli di Dio".

L'amico Fankey il fedele capo della Torre ti Guarda, in un commento dice: "Alcune ricerche antropologiche hanno dimostrato come in alcune tribù africane sopravviva la credenza nei "Loah", spiriti ancestrali che sono paragonabili ai nostri angeli custodi, che permettono la comunicazione con il reame spirituale. Le religioni monoteiste odierne,con annesse tradizioni popolari, non fanno che reiterare una superstizione che affonda le sue radici nella notte dei tempi. Tanto per cambiare, verrebbe da dire". Chi sono i Loah per esempio? Se per caso qualcuno che segue lo sciamanesimo passa da queste pagine e legge, lasci pure il suo contributo, se ne sa qualcosa di più.

L'amico Cataro Antares del Volto Oscuro della Storia dice:
"Anche per la religione dei Buoni Uomini gli Angeli sono esseri di puro spirito, senza alcun corpo fisico. Già nello Gnosticismo essi sono intesi come pure emanazioni divine, completamente prive di compromissioni con la materia plasmata dal Demiurgo Jaldabaoth. Quegli Gnostici che ritenevano Cristo umano non lo ritenevano per questo un essere in carne ed ossa, ma un archetipo dell'Uomo Pneumatico creato nei cieli senza corpo fisico. Adamas era il nome primordiale di questo essere. Il Catarismo continua questa tradizione di spiritualità, anche se molti dettagli iniziatici sono andati perduti ed esistevano di certo dottrine divergenti. In ogni caso, anche Cristo partecipa della natura angelica, incapace di contatti reali con l'universo maligno. Nonostante tutti i tentativi fatti per affermare l'idea di un Gesù in carne ed ossa, l'idea centrale rimane il Docetismo e l'affermazione dell'incorporeità degli Angeli.

Per quanto riguarda gli alieni non umani, essi sono opera del Creatore Malvagio, cui appartengono anima e corpo. Dalle evidenze che abbiamo, risulta chiara la natura ostile di tutti gli extraterrestri con cui la nostra umanità ha avuto contatti. Rapimenti, operazioni di ingegneria genetica, produzione di ibridi e di aborti, impianti cerebrali, mutilazioni animali, tutto ciò non solo non depone a favore della natura buona di questi esseri, ma neppure della bontà del Creatore che li ha generati. In altre parole, chiunque veda le opere delle genti siderali non potrà che convincersi che il Dualismo è l'unica possibilità filosofica ad avvicinarsi alla realtà delle cose.

Penso che l'umanità non sia il prodotto dell'evoluzione autogena di forme di vita di questo pianeta, come credono invece i materialisti. Già gli antichi Maestri ritenevano che il mondo di origine dell'Uomo non fosse la Terra, ma un supramondo arcano. Il Perfetto Giovanni di Lugio arrivò a elaborare una teologia molto complessa, che la Chiesa di Roma ha liquidato come "aberrante". Secondo questa architettura filosofica, il mondo materiale è l'Inferno in cui Cristo è disceso dopo la morte simulata avvenuta nel mondo superiore. Di certo il problema della pluralità dei mondi era già sentito nel XIII secolo. Stando così le cose, è ben possibile che l'umanità si sia diffusa su vari mondi tramite una Diaspora cosmica. Da quanto però risulta, questo sembrerebbe essere un avamposto isolato e destinato a soccombere". Saluti Antares.

Sul Cesnur, Massimo Introvigne, pur riferendosi alle apparazioni mariane, in un articolo dal titolo Fatima nella nuova religiosità e nel "cattolicesimo di frangia"
dice: "In un’intervista apparsa l’11 ottobre 2001 su L’Espresso mi sono state chieste alcune valutazioni su tre categorie di persone che, all’indomani dei tragici avvenimenti dell’11 settembre 2001, hanno subito affermato di averli in qualche modo previsti: gli appassionati di Nostradamus (Michel de Nostredame, 1503-1566), i maniaci delle speculazioni numerologiche, e coloro che si ritengono detentori di testi o d’interpretazioni autentiche - alternative a quella pubblicata dalla Santa Sede - della terza parte del segreto di Fatima [1]. Evidentemente, per i cattolici è sorprendente - e anche sgradevole - che una devozione presa sul serio - per dire il meno -e raccomandata da tutti i Pontefici che ne hanno avuto conoscenza - e particolarmente da Papa Giovanni Paolo II - si trovi associata a così dubbie compagnie. Il compito dello studioso non è però quello di stupirsi o d’indignarsi; è piuttosto quello di chiedersi perché".

Per Verità di Fede si crede agli Angeli ed ai compiti loro affidati. Dal dizionario filosofico Fede: "Dal latino fidem. La fede è l'atto del credere. Nella religione la fede è posta a fondamento della dottrina e degli atti dei fedeli, per cui se non vi è fiducia nell'oggetto di fede, non vi può essere nemmeno adesione alla religione. Credere significa avere fiducia, nella religione cattolica questa fiducia è riposta nella verità annunciata da Dio agli uomini. Per queste caratteristiche la fede si pone sostanzialmente in contrapposizione alla ragione, per la quale la verità, invece di essere creduta e quindi 'nascosta' al fedele ('ti devi fidare, devi credere che sia così'), si mostra invece per la sua evidenza (aletheia, 'non nascosta')".

L'amico Vipom di Misteri e segreti dice: "L'argomento degli angeli e degli alieni credo sia una questione assai astrusa da trattare. Se si volesse far passare l'idea degli angeli quali messaggeri alieni credo andremmo incontro a qualche incongruenza. Gli alieni sono alieni e gli angeli sono angeli. Fra le due categorie mi sembra ci sia una qualche differenza insormontabile, anche se ovviamente hanno in comune delle caratteristiche ovvie: come ci sono angeli buoni e cattivi (così ad esempio la pensava Sant’Agostino per quanto riguarda la questione angelologica), così, aggiungo io, potrebbero esserci alieni buoni e cattivi.

Certo non si può negare, almeno dando fiducia all'opinione di esperti ufologi, che gli alieni abbiano in passato e continuino nel presente a svolgere compiti che poi sono stati attribuiti ad angeli o a materializzazioni di essenze divine e di questo è piena la casistica in oggetto, non a caso viene ritenuto che molte apparizioni a sfondo religioso possano essere dovute a performance di entità extraterrestri....ma da qui a dire che si tratti di angeli nel senso stretto del termine ce ne corre.

Gli angeli sono stati visti da sempre come entità puramente spirituali che parlano nel profondo della coscienza di ognuno di noi, se uno ci crede non può assolutamente confonderli con gli alieni che è tutt'altro argomento e tuttavia non c’è dubbio che, se venisse acclarata, come pare inclinano a ritenere diversi esperti della materia, una certa influenza degli alieni anche di ordine telepatico al fine di manipolare in senso negativo o positivo il nostro intelletto, il problema si porrebbe sotto altra luce e quindi gli angeli e gli alieni si troverebbero su un piano quasi di parità per quanto attiene alle potenzialità di tali enti ed entità che ci sovrastano.

E’ ipotizzabile infatti che esseri alieni avanzatissimi spiritualmente e scientificamente possano aver raggiunto tali enormi e ineffabili prerogative da essere “ascesi” alla categoria angelica anche da un punto di vista strettamente ontologico. Le loro improvvise apparizioni e sparizioni nei nostri cieli potrebbero essere il sintomo che possa essere accaduto e accadere qualcosa di simile.

Da questo punto di vista ritengo bisognerebbe stare molto attenti a discernere le varie manifestazioni paranormali (siano esse angeliche o ufologiche), poiché non può esserci alcun dubbio che entrambe possano rivelarsi assai difficili da interpretare, appare chiaro infatti dalle mie analisi che noi uomini riceviamo influenze imponderabili da tutte le direzioni e compito fondamentale quindi dell’uomo è quello di respingere le interferenze negative per recepire solo quelle positive per il nostro avanzamento complessivo". Saluti Vipom.

In questo post sono stati analizzati vari aspetti della questione angeli, secondo le visioni di alcuni credi e religioni. Ho già scritto che anche io sono curioso di saperne almeno qualcosina di più, e soprattutto, anche se non so quale ne sia l'autorevolezza, ho trovato una dichiarazione di Padre Edward Muldoon in riferimento agli extraterrestri: Forse loro sono Angeli, ma ricordate che esistevano due gruppi di Angeli, quelli fedeli al Signore e quelli ribelli capeggiati da Lucifero”. D'altronde Mons. Balducci autorevole esponente della Chiesa di Roma, dice: "Non credere agli Ufo e alla presenza di altri esseri viventi è peccato. La loro esistenza non solo è provata da circa un milione di testimonianze, tra cui anche quelle di molti scienziati atei, ma è anche confermata da alcuni brani della Sacra Scrittura che in alcuni punti chiariscono la presenza di extraterrestri".

Una domanda, da ciò che dichiara Padre Edward Muldoon, di cui come ho precisato, mi riservo di verificare l'autorevolezza
, e per il momento prendo le sue dichiarazioni con le dovute cautele: gli Angeli potrebbero essere Alieni?

Se gli Angeli fossero Alieni, dalle scritture sappiamo che hanno interagito più volte con le cose terrene, per cui sulla terra ci sono capitati in un qualche modo, tanto è, che Mons. Balducci dice attenti perchè nelle Sacre Scritture vi sono riferimenti in tal senso, e chi crede alle Sacre Scritture non ne può dubitare, altrimenti si potrebbe correre il rischio di invalidarle tutte, aggiungo io. Tale ipotesi, però, si scontra con la scienza ed in particolare con Margherita Hack, che ricorda il problema delle distanze e di un eventuale contatto, che in un articolo per il CICAP dice: "UFO, che bello se esistessero!" (Bene incoraggiare l'ufologia, ma con cautela), che è perfettamente in linea con il suo pensiero, esistono gli extraterrestri, ma non sono venuti qua, perchè secondo le nostre conoscenze è assai difficile superare il problema delle distanze. Per quanto mi riguarda ripeto ciò che ho indicato sopra: improbabile, ma non impossibile! Dipende dalla tecnologia di cui si dispone.

Per esempio il Santo Padre Pio da Pietralcina (Domenico Forgione), riteneva che l'Angelo custode, svolga una funzione importante ed indispensabile, riporto un aneddoto "Un tizio disse a Padre Pio: - Io non posso venire sempre da voi. Il mio stipendio non mi permette spese per viaggi così lunghi - Padre Pio rispose: "E chi ti ha detto di venire qui? Non hai il tuo Angelo Custode? Gli dici cosa vuoi, lo mandi qua, ed avrai subito la risposta". (Fonte: Padre Pio: L'Angelo Custode). Diverse persone, di fede cattolica romana, credono negli Angeli, ed in particolare si affidano al proprio Angelo Custode, tanto è, che vi sono dei sito, molto ben documentati, dai quali si può saperne qualcosina di più: Angeli On Line e Gli Angeli fra noi.

In tutti i culti e religioni che ho citato, vi è una costante, un riferimento, già a partire dagli ancestrali "loah", a degli esseri che sintetizzo e definisco per comodità come "Angeli". Porremo l'attenzione su questi ultimi aspetti indicati da Mons. Balducci, ed altri, in un successivo articolo, altrimenti ci scrivete che siete costretti a leggere a rate! Parebbe che sotto il Vaticano sia stato ritrovato uno strano teschio, ma di ciò ne parleremo un'altra volta.

Quale considerazione finale condivido le parole di Massimo Introvigne: "Il compito dello studioso non è però quello di stupirsi o d’indignarsi; è piuttosto quello di chiedersi perché".

Saluti
Mstatus