X - FILES




SIGLA ORIGINALE DELLA PUNTATA TELEVISIVA X - FILES E DI QUESTO BLOG.

MYSTERIUM IMMAGINE

MYSTERIUM IMMAGINE
Benvenuti nel mio blog - MYSTERIUM

KEEP CALM AND FUCK THE ILLUMINATI

KEEP CALM AND FUCK THE ILLUMINATI

Translate

lunedì 30 giugno 2008

Nazismo: Dr. Goebbels

Dato che qualcuno lo considera un eroe, ho deciso di scrivere questo post per dire chi era effettivamente il Dr. Joseph Goebbels:






1944-03-08 -Degrelle & Goebbels

Degrelle sale sul palco e arringa la folla con le sue parole(ufficiali e non, seduti annuiscono alle sue parole), Goebbels saluta i volontari valloni:


Nel 1928 Joseph Goebbels diventa deputato nel Reichstag una delle camere del parlamento tedesco, e deve coordinare la propaganda del partito in tutta la Germania. Nel primo governo che vede cancelliere Hitler nel 1933 diventa Ministro della propaganda, compito che compirà fino alla sua morte. Nella sua funzione di Ministro instaura una vera e propria dittatura culturale assumendo il totale controllo dei sistemi d'informazione, per lui la cultura possono averla solo gli Ariani, gli artisti e gli scienziati che non appartengono alla razza pura vengono mandati in esilio.


mercoledì 25 giugno 2008

Armageddon = Indipendence Day?

Secondo alcune testimonianze l'Armageddon consisterà in uno scontro finale con gli alieni come nel film INDIPENDENCE DAY; secondo altri solo una loro pubblica apparizione per rivelarsi finalmente alla popolazione nel 2012. Chissà cosa succederà realmente nel famigerato Armageddon...





giovedì 19 giugno 2008

UFO - La Luna è davvero un luogo incontaminato?

Piccolo Popolo

Scrittura Automatica

Testimonianza di una ex reikista

Il Reiki è tantrismo (=magia sessuale) con una spruzzata di new age. E' una iniziazione magica a pagamento con 3 o 4 livelli. Promette di essere il metodo più rapido per raggiungere l'illuminazione. Può essere pericolosa anche per possibili infestazioni demoniache.

La pericolosità dello spiritismo

Valeria presenta: Lavorare con i Chakra

giovedì 12 giugno 2008

Ghost hunters: i cacciatori di fantasmi. Gli uomini dai nervi d'acciaio, sangue freddo e grande autocontrollo


I Ghost hunters sono un po’ come gli "acchiappa fantasmi", infatti essi si avventurano nei luoghi più strani per investigare sui fantasmi, anche se al contrario degli acchiappa fantasmi i ghost hunters si limitano a guardare i fantasmi senza disturbarli.
La ricerca si effettua dove solitamente leggende o testimonianze inducono a pensare che qualcosa possa effettivamente esistere, allora i ghost hunters muniti di attrezzature più che altro video e ottica e con tanta pazienza scelgono i posti che più ritengono idonei e attendono anche con un po di fortuna dalla loro parte qualche manifestazione interessante.

Consigli
Volevamo innanzitutto chiarire una questione. Il cinema ha descritto male i "cacciatori di fantasmi" col celebre film "ghost busters", Infatti per andare in cerca di fantasmi i "Ghost hunters" non hanno bisogno di zaini protonici e trappole infernali, bastano pochi strumenti molto meno fantasiosi. Non è semplice vedere un fantasma all'opera, ma se riuscissimo a vederlo come reagiremmo? La visione di uno spettro può provocare diverse reazioni, c'è chi scappa c'è chi sta in silenzio e si gode lo spettacolo e c'è chi neanche se ne accorge. Per poter osservare un'apparizione innanzitutto bisogna essere in una situazione psico-fisica ottimale rilassata e ricettiva, come se foste in dormiveglia.
Molto spesso le apparizioni capitano a ignari turisti e persone che non hanno la minima idea di quello che stia succedendo in quel momento, questo fa pensare che per assistere ad una apparizione, bisogna sgombrare la mente e cercare di stare più rilassati possibile.
I ghost hunters dunque devono conoscere perfettamente le tecniche di auto-rilassamento. Per poter osservare un'apparizione purtroppo non serve solo il nostro impegno, ma dobbiamo fare i conti proprio con loro i fantasmi, infatti i spettri possono apparire solo in determinate situazioni. Spesso è molto determinante la condizione meteo, per esempio molti spettri possono apparire solo in caso di luna piena, nebbia o pioggia. Spesso accadono apparizione in determinate ricorrenze per esempio compleanni, anniversari di morte ecc.
Insomma per diventare un buon ghost hunter bisogna armarsi di tanta pazienza ed avere una buona dose di sangue freddo e fortuna.
Strumenti

Qui riportiamo tutti i strumenti necessari per la ricerca di apparizioni spettrali. Il primo strumento quello più importante è l'autorizzazione. Molto spesso capita che per trovare i vostri fantasmi, bisogna recarsi in luoghi dove l'accesso non è consentito, quindi prima di intraprendere una ricerca è bene avvertire la questura sul tempo e sul luogo dove volete cominciare la vostra ricerca. Se riuscite ad avere tutte le autorizzazioni necessarie allora potete cominciare a trovare tutti i strumenti necessari che qui vi elenchiamo.

Capita molto spesso durante le vostre ricerche di prendere un appunto, abbozzare una piccola mappa del luogo e trascrivere tutto quello che di strano e successo intorno a voi, quindi il primo strumento di vitale importanza è un piccolo
block notes. Sarebbe bene rivestirlo con una copertina plastificata, in modo da evitare che il vostro blocco si rovini a causa di umidità pioggia ecc.

Il secondo strumento è una cartina topografica. Questo strumento è molto consigliato per potersi muovere con sicurezza intorno al sito della ricerca.

Il terzo strumento è forse uno dei più utili è la macchina fotografica. Serve per immortalare i vostri avvistamenti ed è consigliabile usare una macchina abbastanza maneggevole e automatica poiché al buio non è molto comodo regolarla. Sarebbe il massimo se la macchina fosse munita di flash e pellicola a raggi infrarossi, ma possono andare bene anche le macchine digitali con una risoluzione di 1.3 mega pixel.

Il quarto strumento è il registratore portatile, per poter registrare tutti i suoni sospetti, è molto utile come alternativa al block notes per registrare i vostri commenti.

L'orologio è un altro strumento importantissimo. Serve per poter annotare l'orario in cui viene registrato un fenomeno sospetto. L'orologio se è possibile è meglio che che disponga del quadrante luminoso per poterlo vedere anche al buio.

Il termometro è il nostro sesto strumento e serve per controllare tutti gli sbalzi di temperatura. Molto spesso capita che un'apparizione venga preceduta da un notevole abbassamento di temperatura.

Il settimo strumento è la torcia elettrica
per poter illuminare la zona dove mettiamo i piedi, onde evitare incidenti. E' fortemente consigliato di evitare altre fonti di calore che possano sprigionare fiamme e causare gravi incidenti.
Errori da evitare
Se davvero volete diventare dei bravi ghost hunters ricordate di evitare questi gravi errori.
1) In base all'ART.614 del vigente codice penale la violazione di domicilio prevede fino a 3 anni di reclusione. Quindi prima di operare dovete essere sicuri di avere tutti i permessi. Molti luoghi anche se disabitati da anni appartengono ad un proprietario, quindi bisogna avere tutte le autorizzazione per entrarvi. E' bene quindi avvisare le forze dell'ordine in modo che sappiano che in quel determinato luogo ed in quel lasso di tempo ci sarete voi a svolgere la vostra ricerca.
2) Ricordate prima di entrare in un luogo disabitato, che possono esserci molte insidie: buche, trappole, pozzi, ecc. che al buio e difficile vedere, non dimenticate poi che la delinquenza purtroppo esiste, quindi state molto attenti, specialmente nei luoghi molto isolati a non fare spiacevoli incontri.
3) Evitate di esultare non appena scattate una foto, molto spesso la luce che penetra da fuori può creare stani fenomeni visivi, quindi è utile sigillare tutti i buchi di porte e finestre con del nastro adesivo, in modo tale che finita la ricerca sia facile togliere il tutto.Il nastro adesivo può essere molto utile anche per scoprire se qualcuno è entrato per inquinare le prove.
Inseriremo altri errori da evitare al più presto, comunque ricordate sempre di agire nel massimo rispetto della legge e state attenti a dove mettete i piedi. Il lavoro del ghost hunter è molto affascinante ma può celare tantissime insidie.

mercoledì 11 giugno 2008

Shuttle: conversazione proibita

Durante le missioni dello Shuttle, la NASA non diffonde al pubblico i dialoghi tra gli astronauti e il Controllo Missione di Houston (Texas). Tuttavia apparecchi di ascolto privati possono sintonizzarsi e ascoltare in diretta tali dialoghi. Durante la missione STS-21 dello Shuttle, il 14 marzo 1989 l'Amateur Radio Club intercettò un particolare dialogo tra Houston e lo Shuttle Discovery in orbita. Questo è il dialogo, ricordando che incendio o fuoco (Fire) è la parola in codice utilizzata dalla Nasa per indicare la presenza di UFO nel corso di voli spaziali: - Shuttle: Houston abbiamo un problema, abbiamo un incendio. - Shuttle (10 minuti dopo): Houston qui è il Discovery...noi abbiamo ancora l'astronave aliena sotto osservazione. L'analisi di una ditta specializzata hanno permesso di ricondurre la voce dell'astronauta a quella del Dr. Bagian, il medico di bordo dello Shuttle, quindi un non militare e il meno avvezzo alle procedure interne NASA di trasmissione in codice.


Testimone UFO: intervista televisiva

lunedì 9 giugno 2008

Alieni dal passato: prove, cronache e oopart

Questo video ben fatto mostra chiaramente non solo che esseri alieni arrivarono sulla Terra già da prima della comparsa dell'uomo ma conferma ciò che sostiene Lissoni riguardo a Sodoma,Gomorra ecc. (vedi post precedente): ci fu un bombardamento nucleare. Gli archeologi, infatti, hanno trovato altre città con alti tassi radioattivi ed altre prove.


sabato 7 giugno 2008

Sodoma,Gomorra,Adama e Seboim distrutte da bombe atomiche










Dopo l’ipotesi sulla distruzione da parte di un probabile asteroide delle città di Sodoma e Gomorra descritte nella Bibbia, spunterebbe un’altra non improbabile teoria di Lissoni tratta dal suo libro “UFO PROGETTO GENESI”.
Se invece si fosse trattato di un missile atomico provocandone la relativa esplosione? Il capitolo seguente “LA DISTRUZIONE DI SODOMA” è stato tratto dall’omonimo libro prima citato dove vengono riportati importanti dettagli ed interessanti ipotesi. Ognuno potrà farsene un’idea in merito.






La distruzione di Sodoma (mosaico del XII secolo)



Ai commentatori biblici è spesso sfuggito un dettaglio non irrilevante, di questo episodio: mentre Abramo si intrattiene a mercanteggiare con Dio la sorte dei giusti di Sodoma, i due angeli che erano con lui “partirono di lì ed andarono a Sodoma”, mentre “Yahweh stava tuttora dinanzi ad Abramo”, promettendo che per amore dei pochi giusti colà presenti, fossero solo 40, 30, 20 o 10, avrebbe risparmiato la città dalla distruzione. Dio, in realtà, o stava deliberatamente ingannando il patriarca, per giunta intrattenendolo per impedirgli di reagire; oppure, nella sua onniscienza, non era al corrente del fatto che i suoi due messaggeri si stessero già recando a Sodoma per distruggerla, in spregio alla presenza di un numero di giusti.
Anche la figura di questi “angeli” è assai controversa; la teologia medievale affermava che essi potessero muoversi con “moto istantaneo”, con una sorta di teletrasporto che in un solo attimo poteva farli arrivare in qualsiasi parte dell’universo; gli angeli di Mamrè, invece, “ arrivarono a Sodoma sul far della sera”, ovvero impiegarono ben quattro ore per giungere a destinazione, come avrebbe fatto qualsiasi essere in carne ed ossa.
I due raggiungono Lot e vengono ospitati; ma vengono scorti dagli abitanti della città, che pare avessero la poco edificante abitudine di approfittare sessualmente degli stranieri (da cui il termine “sodomia”). “Allora, all’interno della casa di Lot, i due angeli percorsero di abbaglio gli uomini che erano alla porta della casa; dal più piccolo al più grande, cosicchè non riuscirono più a trovare la porta.” Su questo brano i più esegeti si sono sforzati a lungo. La difficile forma verbale dei “sanverìm”, percuotere con abbaglio, deriva dall’accadico “shun-wurum shubburum”, che significa “fare azioni magiche”. La versione siriaca della Genesi traduce con “dare un’allucinazione”, mentre il commentario detto Targum Onquelos usa il termine “accecamento”, attribuito al diavolo o ad un essere soprannaturale.
Come fosse prodotto il misterioso “accecamento” messo in atto dai due “angeli” non è dato di saperlo; ma è noto che episodi di questo tipo sono conosciuti nella moderna casistica sui dischi volanti (in un episodio, nel 1970, Almiro Freitas, guardiano di una diga a Funil in Brasile, rimase accecato per alcune ore dopo essersi accostato ad un disco volante).
Una volta fuggito Lot, con la propria famiglia, dalla città, “al momento in cui il Sole sorgeva, Yahweh fece piovere sopra Sodoma e Gomorra zolfo e fuoco proveniente dal cielo. E rovesciò queste città e tutta la valle con tutti gli abitanti e la vegetazione del suolo”. E’, incredibile a dirsi, la classica descrizione di una distruzione nucleare, con tanto di fall-out radioattivo (lo “zolfo dal cielo”).
E per quanto possa sembrare assurdo, nella zona di Sodoma gli archeologi hanno rinvenuto tracce di sostanze vitree, le tectiti, contenenti isotopi radioattivi di alluminio e berillio, buona parte delle quali sparse dal vento nel desero del Libano. L’alluminio, che si ottiene per elettrolisi e che all’epoca di Abramo era sconosciuto, ed il berillio potrebbero essere pertanto quanto resta dell’esplosione di un missile atomico, lanciato a questo punto non da un dio, ma da una razza aliena in lotta sul nostro pianeta.
Qui le interpretazioni che possiamo offrire sono due: o l’episodio è il ricordo distorto e mitizzato della caduta sulla Terra di un bolide incendiario (come a Tunguska, taiga siberiana, nel 1908); o qualcuno, migliaia di anni fa, ha lanciato una bomba atomica nella vallata sudorientale di Canaan (gli studiosi sovietici non concordano con le date ed affermano che le tectiti risalirebbero ad un milione di anni fa).
Di quest’ultima idea è il professor I. M. Klotz, chimico dell’Università di Evanston in America;
che, ben guardandosi dal citare gli alieni, ha dichiarato nel Luglio del 1988: “La pioggia di fuoco provocò un incendio fulmineo e di terrificanti proporzioni, capace di creare una bolla d’aria ad altissima temperatura, ricca di anidride carbonica. Il gas avrebbe creato un effetto da bomba atomica, senza l’utilizzo di una testata vera e propria.
Sodoma e Gomorra come Hiroshima e Nagasaki, in altri termini. Il torrido getto d’aria avrebbe investito in pieno il corpo della moglie di Lot, della quale la Genesi ci dice: Ora, la moglie di Lot contemplò da dietro di lui , e divenne una colonna di sale”. “Il calcio osseo”, prosegue Klotz, “in seguito al grande e improvviso aumento di temperatura, avrebbe invaso il sistema vascolare ed i tessuti reagendo con l’anidride carbonica dell’aria e si sarebbe trasformato in carbonato di calcio. Un sale, per l’appunto. La moglie di Lot venne così trasformata in una statua di pietra; il vento che spirava dal Mar Morto l’avrebbe poi rivestita di sale marino”.
Il dato sconcertante è che, vicino alle sponde del Mar Morto, esiste un grande pilastro di sale, che i locali chiamano “la moglie di Lot”, che assomiglia vagamente ad una donna vestita con un grembiule grigio e tiene il viso rivolto verso Sodoma!
“Abramo andò di mattino presto per guardare dall’alto il panorama di Sodoma e Gomorra e tutto il circondario, e vide che saliva il fumo dal paese, come il fumo della fornace”.
Ancora una volta, stiamo leggendo la descrizione puntuale e meticolosa di un testimone oculare che ha assistito ad una distruzione nucleare.



Tutti conoscono Sodoma e Gomorra ma il famoso “fuoco divino” distrusse altre due città della quale esistenza abbiamo le prove da alcune tavole trovate tramite scavi archeologici a Tell el-Mardikh a sud di Aleppo (Siria settentrionale) nelle gigantesca biblioteca di Ebla:
Adama e Seboim.
Cito anche il seguente forum dove si è sviluppata una interessante discussione sull’argomento: http://www.tradizione.biz/forum/viewtopic.php?t=7273



Testo originale tratto dalla Genesi:

Genesi 19







Ora i due angeli giunsero a Sodoma verso sera, mentre Lot era seduto alla porta di Sodoma; come li vide egli si alzó per andar loro incontro e si prostrò con la faccia a terra, e disse: «Miei signori, vi prego, venite in casa del vostro servo, passatevi la notte e lavatevi i piedi; poi domattina potrete alzarvi presto e continuare il vostro cammino». Essi risposero: «No; passeremo la notte sulla piazza».
Ma egli insistette così tanto che vennero da lui ed entrarono in casa sua. Quindi egli preparò loro un banchetto e cosse dei pani senza lievito, ed essi mangiarono. Ma prima che andassero a coricarsi, gli uomini della città, gli uomini di Sodoma, circondarono la casa, giovani e vecchi l'intera popolazione venuta da ogni dove; chiamarono Lot e gli dissero: «Dove sono gli uomini che sono venuti da te questa notte? Portaceli fuori. affinché li possiamo conoscere!».
Lot uscì verso di loro davanti alla porta di casa, chiuse la porta dietro di sé e disse: «Deh fratelli miei, non comportatevi in modo così malvagio!Sentite, io ho due figlie che non hanno conosciuto uomo; deh, lasciate che ve le porti fuori e fate loro quel che vi pare; ma non fate nulla a questi uomini, perché essi sono entrati sotto la protezione del mio tetto».
Ma essi dissero: «fatti in là!». Poi continuarono: «Costui è venuto qui come straniero, e vuol far da giudice! Ora faremo a te peggio che a quelli!». E spingendo Lot con violenza si avvicinarono per sfondare la porta. Ma quegli uomini allungarono le loro mani e tirarono Lot in casa con loro, e chiusero la porta. Colpirono quindi di cecità la gente che era alla porta della casa, dal piú piccolo al piú grande, cosicché si stancarono nel tentativo di trovare la porta. Allora quegli uomini dissero a Lot: «Chi altro hai tu qui? Fa' uscire da questo luogo i tuoi generi, i tuoi figli e le tue figlie, e chiunque tu abbia in città, poiché noi stiamo per distruggere questo luogo, perché il grido dei suoi abitanti è grande davanti all'Eterno e l'Eterno ci ha mandati a distruggerlo».
Allora Lot uscì e parlò ai suoi generi che avevano sposato le sue figlie, e disse: «Levatevi, uscite da questo luogo, perché l'Eterno sta per distruggere la città». Ma ai generi parve che egli volesse scherzare. Come spuntò l'alba, gli angeli sollecitarono Lot, dicendo: «Levati, prendi tua moglie e le tue figlie che si trovano qui, affinché tu non perisca nel castigo di questa città».
Ma siccome egli si indugiava, quegli uomini presero per mano lui, sua moglie e le sue due figlie, perché l'Eterno aveva avuto misericordia di lui, lo fecero uscire e lo condussero in salvo fuori della città. Come essi li conducevano fuori uno di loro disse: «Fuggi per salvare la tua vita! Non guardare indietro e non ti fermare in alcun luogo della pianura; salvati al monte che tu non abbia a perire!».
Ma Lot rispose loro: «No, mio signore! Ecco, il tuo servo ha trovato grazia agli occhi tuoi e tu hai usato grande misericordia verso di me, salvandomi la vita; ma io non riuscirò a raggiungere il monte prima che il disastro mi sopraggiunga ed io perisca. Ecco, questa città è abbastanza vicina per potervi arrivare, ed è piccola. Deh, lascia che io fugga là (non è essa piccola?), e così avrò salva la vita».
L'angelo gli disse: «Ecco, io ti concedo anche questa richiesta: di non distruggere la città, di cui hai parlato. Affrettati, fuggi là, perché io non posso fare nulla finché tu vi sia giunto». Perciò quella città fu chiamata Tsoar. Il sole si levava sulla terra quando Lot arrivò a Tsoar. Allora l'Eterno fece piovere dal cielo su Sodoma e Gomorra zolfo e fuoco, da parte dell'Eterno.
Così egli distrusse quelle città, tutta la pianura, tutti gli abitanti della città e quanto cresceva sul suolo. Ma la moglie di Lot si volse a guardare indietro e diventò una statua di sale. Abrahamo si levò al mattino presto e andò al luogo dove si era fermato davanti all'Eterno; poi guardò verso Sodoma e Gomorra e verso tutta la regione della pianura, ed ecco vide un fumo che si levava dalla terra, come il fumo di una fornace.
Così avvenne che, quando DIO distrusse la città della pianura, DIO si ricordò di Abrahamo e fece allontanare Lot di mezzo al disastro, quando distrusse le città dove Lot aveva dimorato. Poi lot uscì da Tsoar e andò ad abitare sul monte insieme con le sue due figlie, perché aveva paura di stare a Tsoar; e si stabilì in una caverna con le sue due figlie.
Ora la maggiore disse alla minore: «Nostro padre è vecchio, e non vi è piú alcun uomo nel paese che possa unirsi a noi, come si usa su tutta la terra. Vieni, facciamo bere del vino a nostro padre e corichiamoci con lui; così potremo assicurare una discendenza a nostro padre».
Così quella stessa notte fecero bere del vino al loro padre; e la maggiore entrò e si coricò con suo padre: ed egli non si accorse né quando ella si coricò né quando si levò. All'indomani la maggiore disse alla minore: «ecco, la notte scorsa io mi sono coricata con mio padre; Facciamogli bere del vino anche questa notte; poi tu entra e coricati con lui, affinché possiamo assicurare una discendenza a nostro padre».
Anche quella notte fecero bere del vino al loro padre, e la minore andò a coricarsi con lui; ed egli non si accorse né quando ella si coricò né quando si levò. Così le due figlie di Lot rimasero incinte per mezzo del loro padre.
La maggiore diede alla luce un figlio, al quale pose nome Moab. Questi è il padre dei Moabiti, che sussistono fino al giorno d'oggi. Anche la minore partorì un figlio, al quale pose nome Ben-Ammi. Questi è il padre degli Ammoniti, ce sussistono fino al giorno d'oggi.










Lot fugge da Sodoma con la sua famiglia. Dipinto di Pieter Paul Rubens, ca. 1615