IL MIO NUOVO BLOG


IL MIO NUOVO BLOG :

MYSTERIUM WORLD
http://mysteriumworld.blogspot.it/

MYSTERIUM IMMAGINE

MYSTERIUM IMMAGINE
Benvenuti nel mio blog - MYSTERIUM

X FILES

X FILES

https://www.facebook.com/mysteriumpage CLICCA "MI PIACE" nella pagina. Dimostrerai l'interesse per

My FACEBOOK page of Art, History and Mysteries. Click LIKE on the page!
https://www.facebook.com/mysteriumpage

I want to believe

I want to believe

a

a
a

KEEP CALM AND FUCK THE ILLUMINATI

KEEP CALM AND FUCK THE ILLUMINATI

a

a

Anonimous

Anonimous
ANONIMOUS

c

c

Translate

lunedì 21 aprile 2008

Urla dall' Inferno?

Una squadra di ricercatori dalla ex Unione Sovietica, fece un buco in quello che alcuni forse pensano possa essere un ingresso per l’Inferno.

Il geologo russo Dott. Azzacove (aspramente criticato in questo forum – NB), racconta:

"La perforatrice all'improvviso cominciò a rotare velocemente, indicando che avevamo raggiunto una grossa caverna o cavità vuota.
I sensori della temperatura mostrarono un drammatico aumento di calore fino a 2000 gradi Fahrenheit; calammo un microfono, designato a rivelare i rumori dei movimenti della piastra giù lungo il condotto. Ma invece dei movimenti della piastra noi sentimmo una voce umana gridare dal dolore! Inizialmente noi pensammo che il suono proveniva dalla nostra attrezzatura, ma quando facemmo degli adattamenti, furono confermati i nostri peggiori sospetti.
Le urla non erano quelli di un singolo essere umano, ma erano la urla di milioni di esseri umani! Come comunista io non credo nel paradiso o nella Bibbia ma come scienziato ora io credo nell'inferno. Inutile dire che noi rimanemmo scioccati nel fare una tale scoperta ma noi sappiamo quello che abbiamo visto e noi sappiamo quello che abbiamo udito. Siamo assolutamente convinti che noi abbiamo perforato le porte dell'inferno!"




Video NASA TOP SECRET

Questo "dovrebbe" essere un video segreto della NASA riguardo ad un presunto alieno (Area 51?) catturato e soprannominato Johnny. Non si sa come mai non sia più segreto ma adesso lo possono vedere tutti:


mercoledì 16 aprile 2008

Alieni che irrompono in TV lanciando un loro messaggio?

Nel 1977, durante la messa in onda di una TV nazionale americana, si avvertono dei disturbi ed improvvisamente si sente parlare una strana voce con un continuo rumore cupo di sottofondo.
Sono ammonimenti a sconfiggere il male e contro chi ci "leva l'energia" (Illuminati? Il Satanismo è il loro punto in comune - NB). La voce dura per un po' di tempo dopo di che il rumore aumenta come un aereo che sta per prendere quota e scompare. In TV si scusano imbarazzati per "l'inconveniente" ma chi parlava?


I piani degli Illuminati : controllo della popolazione tramite le scie chimiche

Le scie chimiche o "chemtrails" sono sottili "nuvole" pericolose e tossiche create da tankers e altri tipi di aerei, per il controllo del tempo, per prolungare le onde elettromagnetiche per scopi militari, per oscurare la luce del sole, per diffondere elementi nocivi nell'atmosfera che causano molte malattie. Grazie alle scie chimiche, che contengono bario, alluminio, torio, virus, batteri e anche nanorobots, il governo ombra (Illuminati) vuole sottomettere l'umanità, porre fine all'evoluzione umana e rendere la Terra un luogo arido e incolto.
Fonte : http://www.nexusedizioni.it/cat/Argomenti/Scie-chimiche/






Un aereo che vola e che lascia una scia lunga e bianca: un'immagine conosciuta alla quale non si fa più caso. Sono le scie di condensazione e le vediamo tutti i giorni. Alcune di queste, però, sarebbero scie particolari, all'apparenza molto diverse dalle semplici scie di condensazione. Sono scie "sospette", lunghe e persistenti, che si estendono fino all'orizzonte e che permangono nell'aria per molte ore: vengono chiamate scie chimiche. Se ne parla a "Voyager". Roberto Giacobbo ha condotto un'inchiesta, ascoltando le teorie dei ricercatori indipendenti e le spiegazioni degli esperti dell'Aeronautica Militare, per capire se queste scie nascondano un segreto inquietante, legato ad esperimenti militari e a nuove armi tecnologicamente avanzate.

PARTE 1




PARTE 2




PARTE 3



REBUS QUESTIONI DI CONOSCENZA:


In questo passo della trasmissione, il senatore Amedeo Ciccanti, autore di una interrogazione parlamentare sulle "scie chimiche", si esprime con forza su chi, secondo lui, pur possedendo informazioni si guarda bene dal diffonderle.

"Scie di condensa o scie chimiche?"

Le chiamano "scie chimiche" (chemtrails) in opposizione alle scie di condensazione degli aerei civili. Queste ultime sono un normale fenomeno chimico e fisico, presumibilmente innocuo per la nostra salute. Le prime, invece, le scie chimiche, potrebbero celare un'attività segreta e indebita con finalità belliche, o comunque militari, per il controllo del clima e delle zone coinvolte in azioni di guerra. Come si riconoscono le scie normali da quelle sospette? Cosa succede nei nostri cieli e chi si occupa di tutelare la nostra incolumità? Se lo chiedono anche parlamentari europei e italiani, Nessuno, fino ad ora, è riuscito ad avere risposte chiare e definitive. "Rebus, questioni di conoscenza" vuole capire e conoscere. Mosso solo ed esclusivamente dalla verità.


In studio:

Rosario Marcianò, informatico e studioso del fenomeno "scie chimiche"
Massimo Santacroce, Ist. Fisiologia Generale e Chimica Biologica "G. Esposito" Milano

E' previsto l'intervento al telefono di:

Amedeo Ciccanti, senatore della Repubblica (autore di una interrogazione parlamentare sulle scie chimiche)
Claudio Eminente, dir. Politiche sicurezza e ambientali ENAC


Rebus, questioni di conoscenza" è una trasmissione curata e condotta da Maurizio Decollanz con la regia di Luca Valtorta , il montaggio di Roberto De Lucia e il contributo autoriale di Carlo Crocchiolo.






PARLA IL MASSIMO ESPERTO DI COSPIRAZIONI, CONTROLLO GLOBALE DEGLI ILLUMINATI CON RELATIVO NUOVO ORDINE MONDIALE, PROBLEMA-REAZIONE-SOLUZIONE:
DAVID ICKE

domenica 13 aprile 2008

Tex Willer e gli extraterrestri

FUMETTI

Forse non tutti sanno che anche il mitico Tex Willer dei fumetti ha avuto a che fare con extraterrestri, direttamente o indirettamente. Riporterò adesso un piccolo estratto sull'argomento tratto dal forum originale tra appassionati del genere:


Bonelli negli anni ’50 è stato ricettivo nei riguardi delle mode cinematografiche dell’epoca, non a caso quello che potremo definire il filone magico – fantastico è stato particolarmente rappresentato nella trentina di storie a cavallo tra i numeri 30 e 60.


user posted image


Il breve episodio La valle della Luna, numeri 55 e 56, per esempio, mette in scena un extraterrestre, che ci viene descritto frettolosamente come un essere dalla consistenza molliccia e spumosa. L’alieno non ci viene mai mostrato se non attraverso le mani, una sola vignetta ne inquadra parzialmente il volto, sopra riprodotta. Come il Coyote Nero costringe gli apaches a lavorare per lui per procurare il materiale radioattivo che servirà a far ripartire la sua astronave.

Riferimenti agli extraterrestri, meno diretti, si ritrovano anche in due storie precedenti.

La prima è quella de Le terre dell’abisso, numeri 47 e 48. Nella terra dei Pimas la leggenda racconta di una passata invasione di piccoli esseri dalla pelle verdastra, nei cui scheletri Tex si imbatterà alla fine della storia. Quest’avventura si segnala comunque per un altro motivo. In una valle nascosta situata sul fondo di un abisso il tempo sembra essersi addirittura fermato al periodo del Giurassico. Trent’anni prima di “Jurassic Park”, Tex fronteggia quindi dinosauri e altri animali preistorici. Un gigantesco sauro fa capolino anche nella copertina e nelle pagine de La scogliera dell’orrore. Nizzi pur essendo poco sensibile a questo genere di tematiche, riproporrà mostri simili nella storia dedicata al ritorno di Zhenda, si veda il numero 349.


user posted image


L’altro riferimento allo spazio ce lo offre invece la storia de Il Grande Re, numeri 53 e 54. I mohicani venerano un meteorite dagli strani poteri, una sfera giallastra piovuta dal cielo.

giovedì 10 aprile 2008

Fantasma : visita notturna

Lascio la presentazione a colui che ha girato direttamente il video traducendolo dall’inglese (presentazione iniale che vedrete nel video).

“Questo è un vero video che ho girato l’altra notte, Venerdì 13/04/2007.
Ultimamente ho notato che il mio cane andava verso la porta mettendosi a piangere di fronte ad essa quindi ho deciso di preparare una videocamera per le riprese notturne per vedere che cosa stava accadendo. Quando ho visto il video ho quasi avuto un infarto e vorrei farlo vedere anche a voi per sapere il vostro pensiero.
Non posso ancora crederci. Fatemi sapere se devo preparare le valigie.
Questo nastro non è stato modificato in alcun modo eccetto renderlo leggermente più luminoso dato che la scena si svolgeva in notturna quindi era particolarmente scura. Bene, ecco a voi il filmato.”


sabato 5 aprile 2008

Esorcismo

Il video è autentico trasmesso anche su Discovery Channel.

Martina, adolescente lucchese che ora abita a
Montecatini,ci va di sua spontanea volontà a queste sessioni dal prete.

Dopo un lavoro lento, paziente, fatto anche di sconfitte,
finalmente Martina viene «liberata». «Ero in un lungo tunnel - racconta la
ragazza - buio buio e correvo perché volevo raggiungere la luce che mi
illuminava il viso come un raggio di vita».







"Il male non è solo una mancanza ma una "efficienza", un essere vivo, spirituale, pervertito e pervertitore. Terribile realtà, misteriosa e spaventosa. Chi rifiuta di riconoscere la sua esistenza, si pone fuori dall'insegnamento biblico e dalla Chiesa: come chi crede che il male sia un "principio" autonomo, che non abbia, come ogni creatura una sua origine in Dio; o chi infine, la voglia spiegare come una forma di personificazione concettuale e fantastica delle cause sconosciute delle nostre sventure"

Papa Paolo VI


"Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano e fu condotto dallo Spirito nel deserto dove, per quaranta giorni, fu tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni; ma quando furono terminati ebbe fame.

Allora il diavolo gli disse:
"Se tu sei Figlio di Dio, dì a questa pietra che diventi pane"
.

Gesù gli rispose:
"Sta scritto: Non di solo pane vivrà l`uomo"
.

Il diavolo lo condusse in alto e, mostrandogli in un istante tutti i regni della terra, gli disse:

"Ti darò tutta questa potenza e la gloria di questi regni, perché è stata messa nelle mie mani e io la do a chi voglio.
Se ti prostri dinanzi a me tutto sarà tuo".

Gesù gli rispose:
"Sta scritto: Solo al Signore Dio tuo ti prostrerai, lui solo adorerai"
.

Lo condusse a Gerusalemme, lo pose sul pinnacolo del tempio e gli disse:

"Se tu sei Figlio di Dio, buttati giù;
Ai suoi angeli darà ordine per te, sta scritto infatti:perché essi ti custodiscano; essi ti sosterranno con le mani, perché il tuo piede non inciampi in una pietra".

Gesù gli rispose:
"E` stato detto: Non tenterai il Signore Dio tuo"
.


Dopo aver esaurito ogni specie di tentazione, il diavolo si allontanò da lui per ritornare al tempo fissato."




Vangelo secondo Luca 1:14








Il nazismo satanico - hitler e gli esorcismi




martedì 1 aprile 2008

Intervista a Bob Lazar


Riporterò adesso l'intervista integrale di Bob Lazar tratta dall’intervista originale su VHS : UFO DOSSIER/AREA 51 TECNOLOGIA ALIENA VOLUME 2/ FABBRI VIDEO 1997.




14/03/2005


Domanda : Che impressione ebbe quando entrò per la prima volta?

- Lazar : Sembrava tutto molto militare e non molto scientifico, c'erano molti controlli ed un massimo livello di sicurezza, ovunque si andasse bisognava essere accompagnati da una guardia armata anche nella toilette. Tutte le porte si aprivano e si chiudevano con dei badge di plastica magnetici, e c'era un'atmosfera molto oppressiva.

Quante volte è dovuto entrare in quella zona prima di poter vedere il velivolo?

Credo due o tre, forse due giorni prima di poterlo vedere.

Cos'ha provato la prima volta che ha visto l'oggetto?

La prima volta che entrai nell’hangar dissi tra me e me : ecco questo finalmente spiega tutti quegli avvistamenti di strani oggetti, è un veicolo militare segreto in fase di sperimentazione.

In realtà fu la seconda volta che lo vidi quando entrai al suo interno che intuì cosa stava accadendo, e cioè che si trattava di un mezzo alieno, ma questo avvenne dopo che avevo letto il materiale informativo. Era tutto molto difficile da comprendere, mi sentivo come un intruso

Provi comunque :

Ha presente le foto di Billi Meier scattate durante i suoi avvistamenti?
Era incredibilmente simile a quello delle sue foto, una linea sfuggente con lo scafo discoida
le. E’ difficile descriverlo così senza disegnarlo, ma aveva la forma classica del disco volante.

Di un tipo solo o diversi?

In totale i dischi erano nove, ma io lavorai a livello di retroingegneria solo su un’oggetto, erano in hangar separati, ma tutti visibilmente differenti.

Le hanno detto in che modo erano stati recuperati dall’intelligence o dalla marina?

No, assolutamente no. Molta gente ha avanzato varie ipotesi, che erano stati abbattuti o che erano precipitati, ma non sembravano danneggiati, quindi nutro seri dubbi su queste ipotesi.

Ce ne può descrivere l’interno?

E’ molto semplice, c’è un solo colore dominante : è un grigio feltro, anche l’esterno è dello stesso colore, non ci sono scivoli.

All’interno tutte le attrezzature hanno una forma arrotondata, anche i sedili e gli alloggiamenti per gli amplificatori, è come se fossero stati fusi nella cera e poi modellati con queste forme curvilinee, incluse le giunture tra le pareti ed il pavimento. L’interno è essenziale, molto arioso : l’uso dello spazio non sembra per niente funzionale.

Ci sono tre ponti : quello più basso ospita gli amplificatori montati su basi mobili. Su quello di mezzo da dove si accede alla nave ci sono i sedili e gli amplificatori, e poi c’è il ponte superiore, con una sezione limitata a cui non avevo accesso, non so cosa ci fosse.

Per lei il velivolo era alieno?

Assolutamente sì, alieno. Prima di tutto, lo scopo del progetto era di analizzarlo, se si fosse trattato di un’apparecchio degli Stati Uniti non avremmo perso tempo a capire come lo avremmo costruito, in secondo luogo per le dimensioni delle attrezzature interne, dalle dimensioni dei sedili e per i materiali utilizzati, a noi totalmente estranei, e poi per il carburante : l’elemento 115, che è virtualmente inesistente. Ho sommato queste informazioni a quelle che mi erano state precedente fornite, in cui si affermava chiaramente che si trattava di un veicolo extraterrestre.

Le hanno detto come funzionava il sistema di propulsione?

Faceva parte del mio lavoro d’ingegneria inversa, cioè capire il sistema di propulsione, avevano già fatto qualche progresso, ma non so esattamente da quanto tempo il velivolo si trovasse lì, se lo stessero esaminando da uno o dieci anni, comunque con scarsi progressi.

Il sistema è fisicamente impressionante : è composto da due parti, dagli amplificatori di gravità e dal reattore che fornisce energia, il reattore funziona ad annichilazione completa alimentato da antimateria. L’annichilazione completa è praticamente la reazione nucleare più efficace tra le tre ovvero : fissione, fusione ed annichilazione. Utilizza un elemento superpesante, l’elemento 115, cioè questa sarebbe la sua collocazione nella tabella periodica che sulla Terra non è stato ancora sintetizzato.

A mio avviso, su alcuni sistemi stellari questa sintesi avviene spontaneamente. Questo elemento viene bombardato in un’accelleratore dalle dimensioni estremamente ridotte. L’elemento che viene bombardato subisce una scissione spontanea e produce particelle di antimateria. Queste, grazie ad un dispositivo termoelettrico efficace al 100% reagiscono con la materia gassosa e vengono trasformate in elettricità.

Ora l’efficienza al 100% di qualunque dispositivo elettrico è fisicamente impossibile, lo afferma la prima legge sulla termodinamica, perché si devono verificare dispersione di calore o altre perdite del genere, ma io non ne ho rilevata nessuna in questo sistema, è una tecnologia assolutamente stupefacente. L’incredibile quantità d’energia che viene generata dal sistema, alimenta gli amplificatori, e come prodotto collaterale del bombardamento dell’elemento 115, si genera un fenomeno interessantissimo, cioè una particolare onda detta “gravitazionale A” : tale onda viaggia in modo molto simile alle microonde. Viene applicata agli amplificatori gravitazionali e per mezzo della corrente elettrica generata dal reattore, viene amplificata e focalizzata.

Il segnale così amplificato viene reso leggermente “afasico”, e grazie a questo è possibile attirare o respingere qualsiasi corpo gravitazionale.

Il velivolo è in grado di decollare anche utilizzando un solo amplificatore. Questa nave in particolare era dotata di tre amplificatori, e quando attiva un solo amplificatore per allontanarsi dalla terra, utilizza la cosiddetta configurazione “omicron” : per viaggiare nello spazio la nave ruota su di un lato, focalizza i tre amplificatori su di un punto situato ad enorme distanza, poi il reattore e gli amplificatori vengono portati a massima potenza, e praticamente “attirano” il tessuto stesso dello spazio, distorno lo “spazio-tempo” e lo attirano verso la nave che così è in grado di coprire enormi distanze in un lasso di tempo praticamente nullo.

La nave non si sposta in maniera lineare, perchè distorce lo spazio. Il tessuto stesso dello spazio, quindi anche i campi gravitazionali ed il tempo sono strettamente connessi.

Quando si distorce un campo gravitazionale, si distorce anche lo spazio ed il tempo.

Queste non sono semplici teorie, sono cose che conosciamo già da molto tempo, solo che non abbiamo la possibilità di poterle verificare, ed apparentemente questa civiltà lo ha messo in pratica.

E voi siete mai riusciti a farne volare uno?

Sono stati fatti molti collaudi, ma non al di fuori dell’atmosfera, voli brevi e a bassa quota. Del resto hanno un’oggetto dal valore inestimabile e non intendono distruggerlo con rischi inutili o a causa del campo gravitazionale terrestre o volando a quote troppo elevate, ma ho assistito ad alcune prove al di fuori della recinzione di sicurezza ed in un’occasione ho visto tutto ma a non più di trenta metri dal velivolo.

L’oggetto come manovrava in volo?

Era molto silenzioso, si alzava generando un debole sibilo, la superficie inferiore emanava una luce azzurra, probabilmente dovuta all’altissimo voltaggio generato. Dopo un po’, man mano che aumentava di quota, la luce scompariva. Sembrava che galleggiasse dolcemente nell’aria, per poi appoggiarsi al suolo, il tutto in modo assolutamente tranquillo e quasi totalmente silenzioso

Potrebbe descrivere i documenti informativi ed il loro contenuto?

Si trattava di un gran numero di documenti, circa 120 relazioni molto concise, in pratica mi consentivano un’idea in generale sulle altre ricerche condotte sul velivolo, ma la quasi totalità delle informazioni e dei dettagli tecnici riguardava il sistema di propulsione e generazione d’energia, cioè il campo in cui avrei dovuto lavorare.

C’erano anche documenti in cui si affermava che la nave era aliena. I rapporti di alcune autopsie non erano molto approfonditi perché non c’era nessuna ragione per fornirmi informazioni dettagliate su questo, ma con fotografie : anzi per l’esattezza c’erano due fotografie di un corpo alieno con il torace aperto, che aveva un solo organo che era stato rimosso e sezionato. Dal mio punto di vista non medico, sembrava che questo organo espletasse non una, ma più funzioni.

Poi vi erano altri documenti che descrivevano ricerche metallurgiche condotte in altre parti della nave, insomma erano brevi riassunti del lavoro svolto dai vari gruppi e viceversa, sicuramente anche loro avranno ricevuto dei resoconti e brevi relazioni del lavoro svolto dal mio gruppo.

Indicavano il luogo di provenienza degli alieni?

Sì : dal sistema Zeta Reticulis, non so se questa informazione sia stata ricavata dallo scafo stesso, da mappe astrali o da strumenti di bordo

C’erano informazioni su questa civiltà, sulla loro storia, o su precedenti contatti con il genere umano?

Non esattamente, non c’era scritto : è andata così, si faceva riferimento ad un’intervento alieno avvenuto nel passato, risalente a moltissimi anni fa, precisamente a milioni di anni fa. Dai documenti che ho visto, ripeto, erano documenti sintetici, riassuntivi che non so se fossero veri o falsi, posso solo fare supposizioni. Tuttavia, le informazioni sul sistema di propulsione erano tutte vere, ne sono certo, ci lavoravo. Per il resto c’erano solo accenni sul contatto con la Terra avvenuto più di 10.000 anni fa, ad alterazioni genetiche che hanno prodotto un’essere scimmiesco ed altre interazioni di questo tono.

Ha mai visto da vicino un’alieno? Vivo o morto?

No, solo in fotografia. Ho dichiarato più volte, che attraversando una certa zona, ho guardato in una finestra ed ho notato qualcosa di piccolo, ma non che fosse il corpo di un’alieno. E’ inutile saltare alle conclusioni che devo avere visto un’alieno. Potrebbe trattarsi di un manichino, creato come modello sulle loro differenze corporee e sulle dimensioni dei sedili, quindi ribadisco che in realtà non ho visto nessun corpo vivo che si muovesse, in linea di principio rispondo di no.

Perché hanno scelto lei per questo lavoro?

E’ molto difficile rispondere, non saprei. Sicuramente come fisico non sono molto indicato, quindi non ne ho la più pallida idea. Viste le diverse angolazioni forse si sentivano frustrati, non riuscivano a fare passi avanti, era da lungo tempo che non riuscivano ad andare da nessuna parte, o forse volevano un persona nuova, qualcuno che potesse vedere le cose in maniera diversa, d’altronde io ho la fama di essere così.

Perché ha deciso di divulgare queste informazioni?

E’ difficile rispondere, ci sono vari motivi ad esempio per le pressioni che ho subito o per mia protezione personale e perché è ingiusto che su queste informazioni venga mantenuto uno strettissimo riserbo.

Dopo che lei ha reso pubbliche queste cose hanno cercato di chiuderle la bocca?

Oh sì, in ogni modo, mi hanno sparato mentre imboccavo l’autostrada qui a Las Vegas. Alcuni miei amici sono stati minacciati, hanno perso il posto di lavoro, è successo di tutto.