IL MIO NUOVO BLOG :

ROMANTIC LOVE MYSTERIUM

MYSTERIUM IMMAGINE

MYSTERIUM IMMAGINE
Benvenuti nel mio blog - MYSTERIUM

X FILES

X FILES

https://www.facebook.com/mysteriumpage CLICCA "MI PIACE" nella pagina. Dimostrerai l'interesse per

I want to believe

I want to believe

a

a
a

KEEP CALM AND FUCK THE ILLUMINATI

KEEP CALM AND FUCK THE ILLUMINATI

a

a

Translate

venerdì 21 novembre 2014

Alieni coinvolti nel crollo delle torri gemelle

11 Settembre : forse fu un accordo tra gli Illuminati e le potenti logge massoniche americane (Bilderberg) agli ordini degli alieni a causare il crollo delle torri gemelle secondo il prof. Corrado Malanga il quale riuscì a parlare con uno di loro durante una delle sue ipnosi regressive che confermò il tutto.

domenica 24 agosto 2014

Film e mistero : Liberaci dal male

fonte :  http://www.cineblog.it/post/432720/liberaci-dal-male-la-storia-vera-dietro-il-film

Liberaci dal male è ispirato a eventi reali e basato su storie di natura sovrannaturale raccontate dall'ex agente di polizia di New York Ralph Sarchie nel libro "Beware The Night". Il libro scritto in tandem con Lisa Collier Cool è uscito nel 2001 e Sarchie, che ha lavorato nelle forze dell'ordine per 16 anni, non narra dei crimini commessi dalle persone di cui scrive, ma bensì degli eventi sovrannaturali ad essi connessi. Sarchie infatti è un demonologo e sembra sia stato coinvolto in diversi esorcismi conducendo indagini su eventi demoniaci al di fuori dell'orario di lavoro in una sorta di vocazione che l'uomo ha denominato "L'opera".

Sono un poliziotto e io preferisco buttare giù porte e arrestare dieci rapinatori armati a mani nude che avere a che fare con il demonio. Chiaro e semplice, il diavolo mi spaventa molto di più di qualsiasi cosa avessi mai visto come agente in tutti i miei anni nelle forze dell'ordine, ho visto quasi ogni orrore che una persona può infliggere ad un'altra...
Mentre ancora lavorava per la polizia di New York Sarchie divenne un investigatore paranormale part-time e indipendente, l'ex poliziotto ha raccontato che la cosa più terrificante che ha verificato di persona è cosa accade quando si colloca un crocifisso accanto alla testa di un individuo apparentemente posseduto:

Abbiamo usato un paio di reliquie di chiesa quel giorno e la mia era sul lato destro della testa di questa persona, vicino alla zona dell'orecchio...Io di solito mi metto di fronte e così ho potuto vedere gli occhi, un occhio stava guardando oltre il crocifisso, ma senza girare la testa. La testa era come quella di una statua...gli occhi andavano avanti e indietro, una cosa davvero spavantosa da vedere.
Sarchie ha descritto le persone possedute come animali in trappola molto spaventati, ma con l'aggresività di un predatore in fuga:

Sono stato un poliziotto per un lungo periodo. Ho avuto a che fare con un sacco di persone con disturbi emotivi e ho arrestato alcune persone piuttosto malvage e non ho mai, mai nella mia vita in strada visto niente di simile. Lo sguardo di un uomo che ha ucciso una persona è niente rispetto a quello di chi è posseduto.

Sarchie e la demonologia


Sarchie parla della religione e del suo approccio alla demonologia:

Demonologia è lo studio dei demoni e come accade anche per altri tipi di studio mi sono avvicinato ad essa da un punto di vista religioso.
Mentre non è sempre stato in sintonia con l'odierna chiesa cattolica romana Sarchie ha detto che si rese conto ben presto che combattere le forze del male significava avere una buona relazione con Dio:

Se dovevo combattere il diavolo, avevo bisogno di avere una forte connessione con la religione. Prego ogni giorno, io prego con il mio rosario ogni giorno e prego Dio ogni giorno che quello che sto facendo in questa vita gli sia gradito. Posso solo fare quello che so che vuole che io faccia.
Sarchie ha ricordato come venne coinvolto nella demonologia. Dopo il suo matrimonio e aver avuto la sua prima figlia ha preso contatto con Ed e Lorraine Warren, veri investigatori del paranormale protagonisti del film horror "L'evocazione":

Sono diventato uno dei loro studenti e ho iniziato a lavorare su alcuni casi con gli Warren.
Sarchie ha descritto alcuni dei sintomi della possessione, tra cui manifestare una forza innaturale, parlare lingue diverse, avere una conoscenza di eventi che non si ha alcuna possibilità di conoscere, donne che parlano con la voce di un uomo e persone che fanno versi di animali.
Inoltre Sarchie ha detto che il clero permette solo ad alcuni ordinati di effettuare esorcismi, ha spiegato che gli individui posseduti sono spesso a conoscenza informazioni su peccati e segreti di esorcisti e assistenti.
Nonostante sia un demonologo di fama Sarchie ha detto che non ha mai accettato un centesimo per la sua assistenza, ha sempre offerto i suoi servizi gratuitamente. In realtà ha aggiunto che spesso i casi gli costano denaro perché deve finanziare a proprie spese i viaggi nelle varie località.
L'ex poliziotto è consapevole che ci sono molti che mettono in dubbio le sue affermazioni, ma ha anche voluto ribadire che la loro opinione non gli interessa:

Ascolto le affermazioni di tutti questi scettici e spesso alcuni di loro sono veramente cattivi. Non mi interessa quello che dicono, io non sono interessato a quello che pensano di me. Non mi interessa.

I casi del libro "Beware the Night"


Sono quattro le storie spaventose del libro che hanno ispirato Liberaci dal male:
Una di queste storie è accaduta il giorno di Halloween del 1991, quando Ralph riceve una chiamata da un sacerdote con cui ha spesso lavorato. Ralph e il suo socio Joe Forrester si recano ad indagare su una casa che si sospettava infestata e che apparteneva alla famiglia Villanova di Westchester, New York. Senza il supporto della loro consueta squadra di investigatori, i due sono andati a intervistare la famiglia che aveva vissuto fenomeni paranormali come mobilio che si spostava da solo, misteriose ferite inflitte sui corpi e levitazione.
Dopo che Sarchie e Forrester hanno sperimentato in prima persona gli attacchi demoniaci subiti dalla famiglia, hanno deciso di effettuare loro stessi un esorcismo. Mentre esorcizzavano la casa, un potente demone ha posseduto la madre Gabby Villanova nel bel mezzo del rituale, in un modo che non avevano mai visto accadere in precedenza. Quando hanno capito il reale potere del demone contro cui stavano lottando, i partner si sono resi conto che avrebbero dovuto abbandonare e tornare più numerosi e preparati ad affrontare una forza maligna di tale potenza. Quando finalmente sono tornati, il gruppo di esorcisti e investigatori ha eseguito un esorcismo in ogni stanza della casa, costringendo infine il demone ad abbandonare il luogo.
Un altro caso di attività soprannaturale ha avuto luogo a Washington dove Sarchie ha avuto il supporto dei celebri demonologi Ed e Lorraine Warren su un caso che coinvolse la famiglia McKenzie. Sarchie inizialmente seppe delle spaventose esperienze della famiglia nella serie televisiva sul paranormale "Sightings" e si è subito interessato al caso. In seguito ha scoperto che un satanista, che aveva attirato spiriti malvagi nella residenza attraverso i suoi rituali, in precedenza era stato il proprietario dela casa della famiglia. I McKenzie hanno avuto incontri terrificanti con il diavolo come sentire la voce del loro defunto padre al telefono, l'inquietante pianto di un bambino e diverse aggessioni fisiche. Dopo aver sentito il terrore sofferto dalla famiglia per sei interminabili anni, Sarchie ha dovuto eseguire un esorcismo sull'intera casa. Un anno dopo la famiglia era finalmente in pace.
Nel 1992 la moglie di Sarchie ha visto nella loro casa una grande sagoma nera sulla porta della stanza del loro bambino. Sarchie credeva che il suo nuovo lavoro avesse reso lui e la sua famiglia esposti ai demoni. La paura che un demone terrorizzasse sua figlia lo ha costretto ad effettuare un esorcismo con acqua santa e preghiere all'interno della sua stessa casa. Il rituale però non ha tenuto lontano il demone, infatti l'entità tornò a manifestari un mese dopo. Tre anni dopo, sua figlia maggiore ha di nuovo visto il demone in prossimità del loro bambino. Al fine di proteggere la sua famiglia mentre svolgeva il suo lavoro come demonologo, Sarchie ha protetto la sua casa dagli spiriti maligni con crocifissi e acqua santa, ma sapeva che nonostante le precauzioni prese, i demoni sarebbero potuti tornare in qualsiasi momento.
Una delle storie più spaventose del libro "Beware The Night" riguarda un uomo di nome Michael. Questo uomo era passato attraverso due esorcismi operati da Joe Forrester, il partner di Sarchie. Credevano che un antico tipo di magia nera fosse responsabile delle possessioni di Michael. Il demone aveva permesso a Michael anche di prendere la comunione, cosa che normalmente dovrebbe respingere lo spirito maligno. Durante gli attacchi Michael parlava portoghese e spagnolo, lingue che Michael non aveva mai imparato. Altri sacerdoti tentarono uletriori esorcismi, che purtroppo si dimostrarono infruttuosi.
Tutti coloro che furono coinvolti hanno ritenuto che lo spirito maligno avrebbe potuto affliggere anche chiunque cercasse di aiutare Michael. Joe era convinto che il suo coinvolgimento nel caso lo aveva messo in pericolo trasformandolo in un bersaglio, tanto che rischiò di essere investito da un camion.
Sarchie a proposito del caso di Michael:

Sapevo che avevo appena ricevuto una visita del demone. Sì, era una cosa minore, e ringrazio Dio per questo, ma in con il senno di poi è stato anche il primo segno del danno e della sofferenza che questo esorcismo avrebbe portato a me e a tutti gli altri coinvolti.
Dopo una lunga preparazione e un esorcismo durato tre giorni, Michael era ancora tormentato dal diavolo. Ora ogni anniversario di questo rituale Sarchie sperimenta gravi difficoltà nella sua vita.
La trama del libro:

Ralph Sarchie è un ex poliziotto veterano divenuto demonologo dopo sedici anni di servizio nel Dipartimento di polizia di New York. Il suo altro lavoro che lui chiama "L'opera" consiste in indagini su casi di possessione demoniaca e assistenza per gli esorcismi su entità che rappresentano i nemici più pericolosi dell'uomo sin dall'antichità.
Nel suo libro "Beware the Night' Sarchie ha rivelato per la prima volta i dettagli delle sue incredibili indagini, veri e propri crimini operati da un male disumano che non possono essere spiegati, risolti o compresi da altri se non da Sarchie e il suo partner. Istruito nei rituali di esorcismo e testimone oculare della realtà della possessione demoniaca, Ralph Sarchie ha documentato una cronaca avvincente dell'inspiegabile che dà nuova forma alle ombre nel buio.
Nel libro viene svelata la gerarchia di un inferno in terra che porta alla luce i riti macabri di un sacerdote della religione Palo Mayombe; una giovane ragazza la cui innocenza viene violata da un incubo; una casa invasa dallo spirito malvagio di una sposa assassinata nel XIX secolo e il lato oscuro di una coppia che ha letteralmente saggiato i confini dell'inferno.

I segni della possessione demoniaca


Non c'è dubbio che la maggior parte di ciò che è stato già descritto in passato come "possessione demoniaca" sarebbe oggi diagnosticato come malattia mentale dalla maggior parte degli studiosi e trattata di conseguenza. Tuttavia ci sono in realtà un certo numero di casi in cui la possessione sembra verificarsi. La Chiesa cattolica romana prosegue anche se preferibilmente con meno pubblicità possibile ad effettuare con regolarità esorcismi
Sarchie ha elencato nel suo libro "Beware the Night" alcuni segni che potrebbero indicare una persona potenzialmente posseduta da un demone:
Parlare in una lingua sconosciuta, come il latino e l'aramaico antico
Manifestare improvvisamente una forza innaturale e sovrumana
Avere un'alta tolleranza al dolore
Mostrare estrema flessibilità
Manifestare il potere della levitazione
Non riuscire ad entrare in luoghi di culto
Avere un odio per tutto ciò che è sacro
Mostrare un drastico cambiamento nella personalità
Prevedere il futuro
Avere una conoscenza insolitamente precisa del lontano passato
Manifestare una rabbia intensa
Il Marchio della Bestia...666


Pericoli della tavola Ouja


Il sito Yonkers Ghost Investigators ha un'interessante pagina dedicata alle possessioni demoniache in cui tra molti elementi legati alla demonologia si mette in guardia dal'uso della Tavola Ouija, che a quanto sembra è uno strumento perfetto per attirare entità oscure in cerca di ospiti.
Ecco un elenco di cose che si dovrebbero mai fare quando si utilizza una Tavola Ouija:
NON utilizzarla sotto l'effetto di alcolici o droghe
MAI chiedere consiglio quando tu o chiunque altro sta per morire.
NON chiedere mai di spostare qualcosa o di avere segni fisici.
MAI invitare uno spirito o quello che è a venire da te o a stare con te. Potrebbe essere una entità demoniaca e potrebbe portare ad una vostra possessione.
NON chiedere di maledire o far del male a qualcun altro.
NON giocare mentre vi sentite depressi o malati. Un demone può facilmente approfittare del vostro stato d'animo indebolito.
NON usare la tavola come strumento per pasticciare con le menti delle persone, cercando di spaventarle. Ancora una volta, questo non è un gioco.

La Tavola Ouija non deve essere usata durante le indagini scientifiche sul paranormale. Non vi è alcuna credibilità scientifica su queste tavole. Nessuno sa veramente cosa c'è realmente dietro queste tavole misteriose o se si tratta di un'entità positiva o negativa. Inoltre nessuno con un minimo di credibilità può pretendere di possedere questa conoscenza. Queste tavole devono essere utilizzate con la massima cura e cautela. Sono portali pericolosi verso l'ignoto. Non le prenderte alla leggera o ne pagherete le conseguenze.
Riguardo alle tavole Ouija vi proponiamo una video postato dal Daily Mail in cui è ripresa una ragazza di 22 anni che sembra aver manifestato i segni di una possessione dopo aver giocato con una Tavola Ouija nel villaggio messicano di San Juan Tlacotenco. La ragazza, suo fratello e suo cugino hanno iniziato a giocare con la tavola fino a che "dopo qualche minuto minuto lei ha iniziato a 'ringhiare' e a dimenarsi in un apparente stato di 'trance'"
Il fratello e il cugino della ragazza hanno invece sperimenttao "cecità, sordità e allucinazioni". I paramedici sono stati allertati, ma solo perché un sacerdote cattolico locale si è rifiutato di eseguire un esorcismo perché il trio di ragazzi non frequentava la locale chiesa.

mercoledì 6 agosto 2014

Le profezie sull'eterna guerra tra Israele e Palestina

"Quando vedrete Gerusalemme
circondata da eserciti, sappiate allora che la sua desolazione è vicina" (Luca 21:20).


PROBABILI CONSEGUENZE DELLA PRESENTE GUERRA TRA ISRAELIANI E PALESTINESI
Ondate devastanti di attentati terroristici e ritorsioni militari a Gerusalemme tornano puntuali,
giorno dopo giorni, a destare l'attenzione del mondo sul sempre bollente Medio Oriente.
Notizie sempre più tragiche sulla guerra contro il terrorismo internazionale, inducono molti a
chiedere se il mondo cesserà mai di essere tormentato.
Molti si domandano che cosa possono significare tutti questi conflitti per il futuro dell’umanità.
Gli eventi nel Medio Oriente, in modo particolare, stanno spingendo verso la biblica "battaglia di Armaghedon"? L’èra presente è ormai prossima alla sua fine, come Gesù ha profetizzato?
Alcuni giorni prima della sua crocifissione, Gesù Cristo condusse i suoi discepoli sul Monte
degli Ulivi ad est di Gerusalemme, per far loro osservare la città dall’alto. Egli aveva appena
previsto la distruzione del tempio che si innalzava maestoso davanti a loro attraverso la valle di
Kidron. Ancora scossi dalle parole del Maestro, i discepoli gli chiesero: "Dicci, quando accadranno
queste cose? E quale sarà il segno della Tua venuta e della fine del mondo?" (Matteo
24:3). Per "fine del mondo" i discepoli di Gesù si riferivano alla fine dell’"èra presente", ancora
dominata dal Diavolo, "il seduttore del mondo" (Apocalisse 12:9).
Gesù allora rispose loro proferendo la famosa profezia del Monte degli Ulivi. In essa Egli ha
descritto una serie di eventi che sarebbero accaduti da quel secolo in poi sino agli "ultimi giorni"
dei governi umani; tempo ancora futuro, che vedrà il Suo personale e glorioso ritorno sulla
terra. Fra i "segni" preannunciati da Gesù ce n’è uno molto specifico, che aiuta a discernere
l’approssimarsi del profetizzato "tempo della fine"; ed è questo: "Quando vedrete Gerusalemme
circondata da eserciti, sappiate allora che la sua desolazione è vicina" (Luca 21:20).
Anche il profeta Zaccaria ha preannunciato questo stesso evento futuro (Zaccaria 14:2-5).
Quando Gerusalemme sarà invasa da eserciti stranieri, afferma la profezia, quelli della Giudea
[gli abitanti dell’attuale Stato d’Israele] dovrebbero fuggire sulle montagne. Quei giorni saranno
pieni di violenza perché, da quel tempo in poi, le profezie bibliche sulla fine del mondo si adempiranno
rapidamente. Sarà un periodo di tribolazione inimmaginabile per Gerusalemme, perché
sarà occupata da eserciti stranieri (Luca 21:21-24).
Alcuni credono che tali eventi si siano avverati definitivamente con la presa di Gerusalemme
nel 70 d.C., da parte dell’Impero Romano. Ma questo fatto adempì solo alcuni aspetti della profezia
di Cristo. Quest’ultima infatti preannuncia anche avvenimenti su scala mondiale, che
dovranno avverarsi nel nostro futuro, poco prima del ritorno di Gesù Cristo.
Dove siamo diretti?
Dove ci stanno portando gli eventi del Medio Oriente? Anche se non possiamo sapere con
assoluta certezza come avverranno gli eventi della fine del mondo, molti episodi recenti sembrano
indicare che possiamo essere vicini alla fine, più di quanto non l’avevamo immaginato.
Il continuo spargimento di sangue in tutta la regione mediorientale sottolinea la mutevolezza
della situazione attuale. L’enorme divisione tra la cultura e i valori occidentali e quelli di molte
nazioni islamiche indica che la pace durevole rimarrà a lungo sfuggente. Nel frattempo, una
crescente retrocessione in tutto il mondo ci ricorda che l'occidente rimane fortemente dipendente
dal petrolio arabo, il “sangue” vitale delle sue economie.
Esplosioni di violenza continuano fra gli Israeliani ed i Palestinesi nonostante le ripetute
richieste di pace. I negoziati di pace hanno continuato a fallire e un accordo politico fra le due
parti, salvo intervento esterno, sembra quanto mai improbabile. Nel frattempo, Palestinesi e
Israeliani continuano ad attaccarsi gli uni gli altri, uccidendo il loro rispettivi patrimoni più preziosi,
i loro giovani! La lista delle tragedie e delle occasioni mancate nella regione prosegue
senza sosta.
Imperialismo moderno
Soltanto alcune settimane prima dell’attacco terroristico dell’11 settembre agli Stati Uniti, la
Global Intelligence Co. di Stratfor ha pubblicato un rapporto sul suo sito Internet che analizza
una linea di confine del conflitto, che va dai Balcani al Caucaso e poi fino a Gerusalemme. Il
rapporto ha evidenziato che queste zone facevano parte del vecchio Impero Ottomano, crollato
dopo la Prima Guerra Mondiale. Appena l'Impero Turco ha imposto la sua versione di pace
alle popolazioni di quella regione, le potenze moderne, compresi gli Stati Uniti e parecchi paesi
dell’Europa occidentale, hanno subito iniziato a discutere su un nuovo tentativo per imporre una
“pace” simile a questa regione di antichi conflitti etnici.
Il rapporto ipotizza che i conflitti potrebbero prendere una di tre direzioni. "La prima possibilità
è la guerra continua senza risoluzione. La seconda è l'ascesa di una potenza locale che
imporrebbe una pace su tutta la regione. La terza possibilità, quella che potrebbe adempire la
profezia biblica, "è che una potenza esterna più forte potrebbe imporre il proprio potere sulla
regione". "Quest’ultima", continua l'articolo, "è l’unica alternativa possibile: l'intervento diretto
da parte di una potenza esterna, finalizzato ad imporre l'ordine in tutto l’ex Impero Ottomano".
L’unica potenza esterna capace di imporre l’ordine è la NATO. Ma la quantità di truppe
richieste per imporre una "pace NATO" a questa regione dell’ex Impero Ottomano sarebbe sbalorditiva.
Indebolirebbe fatalmente la forza militare dell’Occidente.
La storia inoltre ha mostrato che qualsiasi paese collochi truppe nel Medio Oriente corre il
grave rischio che esse siano attaccate da membri di cellule terroristiche. Nel 1983 il bombardamento
delle caserme militari a Beirut che ha ucciso 241 marines degli Stati Uniti è un esempio
calzante.
Dove potrebbe venire una forza militare tale da essere abbastanza grande da imporre l’ordine
nel Medio Oriente oggi? Quale potenza oserebbe far appello alla volontà politica e morale
per fermare la lotta fra Israeliani ed Arabi, ed imporre la pace nel punto più caldo del mondo?
Oggi gli Stati Uniti sembrerebbero essere l'unica potenza mondiale abbastanza grande per
osare una tale mossa. Tuttavia non saranno di certo loro a dare luogo ad un’azione simile.
Perché? Dobbiamo rivolgerci alla Bibbia per una risposta e comprensione profetica.
Conflitto armato a Gerusalemme
Per comprendere quale potenza invaderà il Medio Oriente e la stessa città di Gerusalemme,
con la pretesa di “imporre” la pace e la sicurezza, occorre leggere e comprendere una delle più
lunghe profezie della Bibbia, in Daniele 11, concernente appunto il "tempo della fine".
In questa profezia sono menzionati due blocchi di nazioni da lungo tempo antagonisti, identificati
uno come il "re del mezzogiorno" e l’altro come il "re del settentrione" del nord (vedi
anche l’articolo La lotta Nord-Sud per il Medio Oriente, a pagina 6).
In Daniele 11:40 leggiamo di eventi del "tempo della fine", cioè quando colui che guiderà il
blocco di paesi del "mezzogiorno", attaccando il blocco dei paesi del "settentrione", provocherà
un contrattacco furioso "come la tempesta" che permetterà a quest’ultimo di invadere molti
paesi del Medio Oriente. La profezia dice che l'Egitto, la Libia e l'Etiopia cadranno davanti a lui
(versetti 42-43). Egli "entrerà pure nel paese splendido", cioè nella Terra Santa, quindi anche in
Gerusalemme (versetti 40-41), e "pianterà le tende del suo palazzo", il suo controllo militare,
"fra i mari e il bel monte santo", cioè tra il Mediterraneo e il Mar Morto e la città di Gerusalemme
(versetti 43-45).
Quando tutto questo accadrà ci sarà la cosiddetta "abominazione della desolazione" profetizzata
da Gesù Cristo. In Matteo 24:15-16, infatti, Gesù ammoniva: "Quando dunque avrete
veduta l’abominazione della desolazione, della quale ha parlato il profeta Daniele, posta in
luogo santo, allora quelli che saranno nella Giudea, fuggano sui monti". L’ammonimento di
Cristo di scappare sulle montagne si collega allo stesso evento accennato in Luca 21:20, dove
preannuncia che Gerusalemme sarà di nuovo circondata dagli eserciti stranieri.
Eventi precursori
Un primo adempimento di questa profezia di Daniele si era già verificato molto tempo prima
della nascita di Gesù, durante cioè il regno del re Antioco IV Epifane, nel 167 a.C. (Daniele
11:31). Dalle parole di Gesù, apparve chiaro ai Suoi discepoli, che "l’abominazione della desolazione",
accaduta secoli prima, era destinata a ripetersi in futuro (vedi pag. 7).
Dopo la predizione di Gesù, un’"abominazione della desolazione posta in luogo santo",
avvenne nel 66-70 dopo Cristo, quando gli eserciti romani, condotti dall’imperatore Tito, invasero
e saccheggiarono Gerusalemme distruggendo perfino il tempio. I rituali del tempio sono
cessati e rimasti inattivi fino ad oggi.
Nemmeno quest’evento ha però adempiuto in modo totale la profezia, la quale si riferisce in
special modo ad un’abominazione della desolazione del "tempo della fine" - poco tempo prima
cioè del ritorno glorioso di Cristo e della fine del mondo - eventi che ancora attendono d’esser
adempiuti.
Ricordiamo, infatti, la profezia che Gesù enunciò in risposta alla domanda, "Dicci, quale
sarà il segno del tuo ritorno e della fine dell’età presente?" (Matteo 24:3). La risposta di Gesù
fu chiara: Eserciti stranieri sarebbero tornati a circondare Gerusalemme - non nel 70 d.C. soltanto,
ma in special modo nel "tempo della fine", poco tempo prima cioè del Suo ritorno e della
fine di quest’èra! La risposta di Gesù ai Suoi discepoli si riferiva al "segno" che avrebbe indicato
il culmine di questi eventi.
Prima del 1948, quando non esisteva ancora l’attuale Stato d’Israele, questa profezia non
avrebbe potuto materializzarsi. Adesso però essa sembra potersi concretizzare da un momento
all’altro. La disputa internazionale, che spinge il resto del mondo a togliere il controllo di
Gerusalemme dalle mani dei Giudei, nonché a ridurre quest’ultimi nuovamente vassalli di altre
nazioni, è il "segno" che il ritorno di Gesù Cristo e la fine dell’èra presente sono vicinissimi!
Quando gli eserciti stranieri circonderanno di nuovo Gerusalemme, forse nel tentativo di
garantire la pace nella regione, vedremo l’adempimento totale dell’"abominazione della desolazione
posta nel luogo santo", come predetto da Daniele e da Cristo. Ciò significa che, proprio
nell’area dove sorgeva il tempio, verrà collocata ed esaltata la pratica idolatrica promossa da
un grande leader religioso. Quest’ultimo è biblicamente chiamato "l’uomo del peccato... colui
che s’innalza sopra tutto quello che è chiamato Dio ed oggetto di culto; fino al punto da porsi a
sedere nel tempio di Dio, mostrando se stesso e dicendo ch’egli è Dio" (2Tessalonicesi 2:3-4).
Con grande abilità egli sedurrà e farà apostatare [sviare] moltissimi dalla fede originale.
Questa profezia si riferisce ad un personaggio che parlerà ed agirà come "vicario di Dio in
terra". In realtà, Dio lo chiama il "figliuolo della perdizione... l’avversario" (vv. 3-4) . Questo personaggio,
che nel tempo della fine diverrà "oggetto di culto" da parte di molti popoli e nazioni e
lingue, sarà però annientato al ritorno glorioso di Gesù Cristo (v.8).
Ricordiamo quindi che, secondo le profezie bibliche, il "tempo della fine" sarà caratterizzato
dal fatto che le forze militari di nazioni straniere interverranno nella Terra Santa, forse con l'intenzione
annunciata di imporre una pace forzata a causa della disputa apparentemente senza
fine che circonda Gerusalemme ed il Medio Oriente. Quando questo accadrà, avremo il "segno"
che stiamo vivendo nel profetizzato "tempo della fine" e che il ritorno glorioso di Gesù Cristo è
vicino.
Le cause scatenanti
La profezia biblica predice la nascita di una coalizione di nazioni, nel tempo della fine, sul
modello dell’antico Impero Romano, che giocherà un ruolo significativo sulla scena degli eventi
mondiali. Alcuni credono che tale potenza sarà rappresentata dall’ONU o dalla
Globalizzazione, altri dagli Stati Uniti d’America, altri ancora dall’intero blocco della NATO e c’è
chi predice che essa sarà rappresentata dall’Unione di varie nazioni europee. Quest’ultima
sembra diventare la più probabile candidata. In futuro questa potenza profetizzata diventerà
così influente e forte, che tutte le altre nazioni dovranno avere a che fare con essa. C’è la possibilità
che questa potenza, notevolmente più ampia di qualsiasi altra mai vista nella storia, si
sviluppi nel continente europeo?
Fino adesso le nazioni europee hanno sistemi democratici e leader amanti della libertà e
della pace. Le nazioni europee hanno infatti tentato innumerevoli volte di fare da paciere nel
conflitto Israeliano-Palestinese. Alcuni mesi fa l'Unione Europea è stata utile nella negoziazione
dell’espulsione di un esercito israeliano da Beit Jala, un sobborgo palestinese di
Gerusalemme prevalentemente cristiano. L'accordo di ritirarsi è stato mediato dai ministri degli
affari esteri di Germania, Francia e Italia.
Questa è stata un’importante pietra miliare per la diplomazia europea nel Medio Oriente.
Non è un caso che la Germania, la nazione più potente dell'Unione Europea, abbia ospitato un
vertice dei leader tribali afghani nel novembre e dicembre scorsi per elaborare un governo del
dopo-guerra e per stabilire la condivisione del potere per l'Afghanistan.
L'intero mondo occidentale ha un interesse strategico nel Medio Oriente a causa del suo
petrolio, linfa vitale per le economie occidentali. Nella Guerra del Golfo, soltanto una decina
d’anni fa, molte potenze occidentali si sono unite per impedire la dominazione irachena sulle
altre nazioni che producono petrolio, e per garantirne la libera circolazione nel resto del mondo.
Molte nazioni europee in particolare dipendono da questo petrolio, avendo poche risorse
domestiche o non avendone affatto. Le potenze occidentali potrebbero trovarsi costrette ad
usare la forza per accedere a quei rifornimenti per non vedere le loro economie appassire e
morire.
Si sa che i paesi musulmani dell'Iran, dell'Iraq, della Siria e del Sudan hanno già o stanno
attivamente cercando di costruire o comprare dispositivi nucleari e armi biologiche e chimiche
mortali. Il Pakistan li ha già. Alcuni di questi paesi continuano anche a richiedere la conquista
musulmana forzata di Gerusalemme. Ironicamente, a causa degli sforzi di pace dell’America e
dell’Europa nella regione, molti paesi islamici, tra i quali l'Arabia Saudita, il Kuwait, l'Egitto, la
Giordania ed il Pakistan, sono armati pesantemente con i più sofisticati armamenti militari,
garantendo così che il prossimo scoppio di guerra sarà veramente sanguinoso.
Nel corso dell'anno scorso siamo stati testimoni di un incessante aumento del conflitto fra
Ebrei e Palestinesi nel Medio Oriente. In quello stesso periodo è avvenuto l'attacco al World
Trade Center di New York e al Pentagono a Washington D.C.. Le cronache degli attacchi terroristici
si sono diffuse in tutta l’Europa.
Molta gente si è resa conto che il nostro è un mondo diviso e pericoloso, e che il Medio
Oriente, Israele e Gerusalemme in particolare, sono al centro di molta di quella divisione e di
quel pericolo.
Gerusalemme rimarrà, per il prossimo futuro, una "coppa di stordimento" e "una pietra
pesante per tutti i popoli" (Zaccaria 12:2-3). "Pesante" fino al punto che, secondo la profezia
biblica, questa situazione condurrà all'intervento di una nuova e spaventosa potenza straniera
proveniente dal settentrione, la quale assumerà, per breve tempo, il controllo di gran parte del
Medio Oriente. La città di "Gerusalemme sarà calpestata dai Gentili per quarantadue mesi"
(Apocalisse 11:2). Questo indicherà che il glorioso ritorno di Cristo è vicino.
Infatti, è scritto che Gesù Cristo discenderà sul Monte degli Ulivi con la potenza ed immortalità
di Dio ed Egli, assieme ai Suoi santi allora risuscitati, neutralizzerà tutte le forze militari in
gioco e stabilirà il Suo regno su tutte le nazioni e i popoli. Soltanto allora il Medio Oriente e il
resto del mondo conosceranno la giustizia e la pace. BN

venerdì 4 luglio 2014

Spiritismo : La tavola Oujia ed i cretini che la usano o la vendono





Tempo fa, in un mercatino, vidi in vendita la tavola Oujia per invocare gli spiriti. Cretini, sia chi la vende che coloro che la usano. Non si rendono conto delle conseguenze a cui andranno incontro.

Improbabile che la si acquisti come arredamento, forse starebbe bene nel castello di Dracula ma non in una casa comune.


MYSTERIUM




La tavola Ouija (spesso pronunciata wee-gee o chiamata scatola weegee in inglese) è una superficie piatta sulla quale sono disegnate tutte le lettere dell'alfabeto, i numeri dallo 0 al 9, spesso un ‘si’ ed un ‘no’ ed altri simboli, il cui utilizzo è abbinato ad una lancetta mobile. Lo scopo di tale tavoletta è porre delle domande alle anime dei defunti, che attraverso un medium, fanno sì che la lancetta si muova sulla tavola ouija e componga, utilizzando le lettere, la risposta.

La risposta in effetti arriva dai demoni, o alcune volte personalmente da Satana. La tavola Ouija è dunque un potente ‘gioco’ satanico, tramite cui bambini e ragazzi vengono indotti per gioco a mettersi in contatto con Satana e i demoni.

Molti bambini e ragazzi hanno cominciato ad avere incubi dopo avere giocato con questo ‘gioco’, e sono diventati finanche posseduti da demoni e le loro vite sono cambiate radicalmente in peggio. Ed alcuni hanno cominciato ad interessarsi di Satanismo o delle cose dell’occultismo proprio dopo avere giocato con la tavola Oujia.

La Bibbia comanda di non consultare gli spiriti, secondo che dice Dio: “Non vi rivolgete agli spiriti, né agl’indovini; non li consultate, per non contaminarvi per mezzo loro. Io sono l’Eterno, l’Iddio vostro” (Levitico 19:31).

Dio sa quali pericoli si nascondono dietro la consultazione o l’evocazione degli spiriti dei morti, perché sa che quest’arte divinatoria è dal diavolo il quale nella sua astuzia e malvagità se ne usa per sedurre le persone, opprimerle, tormentarle, e finanche per fare entrare in loro degli spiriti malvagi. Ecco perché ha vietato di consultare gli spiriti o quelli che li evocano.

Chi ha orecchi da udire, oda quello che dice Iddio.

La grazia del nostro Signore Gesù Cristo sia con tutti coloro che lo amano con purità incorrotta.
Giacinto Butindaro

Fonte  http://www.lanuovavia.org/confutazioni-tavoletta.html



La tavola Ouija per molti sarebbe uno strumento
per evocare entità o defunti. Per altri non ci
sarebbe nessun mistero frutto solo di semplice
suggestione



Per molti la famosa tavola con cui è possibile chiamare gli spiriti dei morti potrebbe essere
una porta verso l'ignoto, uno strumento di comunicazione con tutti i tipi di presenze
soprannaturali, altre semplicemente demoniache. L'origine della tavola Ouija fornita di numeri e lettere è imprecisa. Una tavola simile alla tavola Ouija fu trovata in Cina risalente al 1.200 a.C. circa, dove alcuni studiosi guidavano un bastone attorno ad un vassoio pieno di sabbia per comunicare con gli spiriti dell'aldilà. Altre fonti dicono che Pitagora, nel 540
a.C. tenesse delle sedute con una specie di tavola con le ruote che lui stesso chiamava
"il tavolo mistico". La tavolaOuija diventò di moda nello spiritismo popolare che si diffuse
in tutto l'Occidente alla fine del XIX secolo. Ha acquisito una tale reputazione che molte
persone hanno iniziato a tenere riunioni di spiritismo organizzato, dove si chiedeva agli
spiriti e le risposte arrivavano da una serie di urti o vibrazioni. Si racconda, per esempio,
che Mary Todd Lincoln, moglie del presidente degli Stati Uniti Abraham Lincoln, avesse tenuto delle riunioni alla Casa Bianca stessa regolarmente per comunicare con i loro figli defunti. Poi metodi di divinazione inclusi un pendolo che oscilla su un piatto con le lettere intorno al bordo o l'uso di una intera tavoletta per indicare le lettere disegnate sul terreno. Nel 1890 gli uomini d'affari Elijah Bond e Charles Kennard brevettarono una tavola con l'alfabeto scritto, inventando così la tavola Ouija come la conosciamo oggi.
Dopo le due guerre mondiali, la domanda di tavole Ouija era aumentata notevolmente a causa degli interessi di vedove per comunicare con i loro mariti uccisi in combattimento. 

Aleister Crowley, il famoso occultista inglese del secolo scorso che fondò una filosofia religiosa, ha anche sottolineato sull'utilizzo di questo pannello che "non vi è alcun gioco e le persone che ne fanno uso camminano su un terreno pericoloso, poiché danno il permesso ad ogni spirito sconosciuto di comunicare con loro".

Per molti esperti della pratica Ouija paranormale sarebbe spalancare le porte a dimensioni vicine e impercettibili alla nostra, contattando così esseri occulti che sono definiti come "basso astrale" o "conchiglie", cioè entità meno evolute che sono ancora aggrappate al mondo fisico o "spiriti senza luce" o "anime" che vogliono esprimere il loro stato di disagio verso il mondo dei vivi.

David Farrant, capo della British Psychic and Occult Society, considera le chiamate effettuate con la Ouija come un percorso con forze potenti e malefiche. "Le persone che giocano con la Ouija potrebbero essere influenzate da energie negative di cui ne sono portatori tali entità. Alcuni partecipanti che desiderano comunicare potrebbero rischiare di essere posseduti” ha detto.

La tavola Ouija e le sue conseguenze fatali

I presunti casi cruenti relativi all'utilizzo della Ouija non sono pochi. Nel 1972, Jennifer Lynn
Sprigman, una ragazza di 14 anni che viveva in Illinois, ha usato la Ouija con un compagno di classe e la prima cosa che ha chiesto alla tavola era a quale età sarebbe morto. 
L'ago ha portato il numero 18 e poi ha detto le parole "assassinati" e "strangolati". 
Il 3 ottobre del 1976, due settimane prima del 18° compleanno di Lynn, la ragazza è morta per mano di uno strangolatore che non fu mai catturato.

Nel 1995 in Arkansas, due ragazzi di 20 anni che professavano satanismo hanno invitato due amici a giocare con la Ouija per comunicare presumibilmente con un essere dell’aldilà che hanno nominato "il maestro". Gli stessi ragazzi finirono per pugnalare i loro ospiti e quando sono stati ricoverati in un ospedale psichiatrico hanno affermato che "il maestro", attraverso la tavola Ouija, gli aveva ordinato di agire in quel modo.

In un caso più recente, un ragazzo di 15 anni identificato come Colin Roberts è stato trovato appeso a un albero vicino ad una chiesa di Belfast, dopo che un presunto spirito maligno parlò attraverso la tavola Ouija. E un paio di settimane fa, in Perù, un adolescente è stato ricoverato in ospedale con sintomi di casi di possessione demoniaca, dopo aver giocato con la tavola Ouija con un gruppo di
compagni di scuola.


La tavola Ouija in Cile: presenze agghiaccianti

In Cile ci sono storie che negano categoricamente l’innocuità della tavoletta Ouija.
Dopo aver parlato dei rischi e delle drammatiche testimonianze di coloro che l’hanno utilizzata, approfondiamo ora i casi che si sono verificati in Cile.
Il noto giornalista Juan Andrés Salfate afferma che il più grande pericolo della pratica della Ouija è il fatto di accedervi, facilmente cioè che chiunque può usarla. "Uno dei rischi è che lo spirito invocato dalla Ouija, sia che si tratti di un parente defunto o di un demone chiamato "basso astrale" decida di stabilirsi a casa o al domicilio dove è stata usata la tavola".

Si riferisce agli eventi avvenuti nei primi anni 90. "Ho avuto un ufficio in Avenida Pedro de Valdivia, vicino a Providence, e la fidanzata di un amico che lavorava lì, che leggeva i Tarocchi ed era molto interessata a queste cose, ci ha proposto uno giorno di giocare con la tavola Ouija. Abbiamo detto sì e lei ha portato la tavola in ufficio un Sabato, quando nessuno stava lavorando. Tutti abbiamo messo le mani su un vetro molto sottile. 

Abbiamo iniziato subito a fare domande e la coppa cominciò a muoversi sul serio. Si è mossa molto velocemente e, a volte, ci sfuggiva di mano segnando le lettere sul tabellone
e rispondendo alle nostre domande. Quel giorno erano le 3 del pomeriggio, in pieno sole e accanto a una grande finestra, in modo da non sentirsi molto spaventati", ricorda Iniziarono chiedendo se ci fosse una presenza e rispose di sì. Ricordo che eravamo affascinati, ma il dialogo era un po' agitato, perché la presenza ha detto un paio di cose che loro non volevano ascoltare.


uploaded_image


"Siamo offesi e ci ha dato un paio di scarabocchi sulle lettere, gli rispondemmo e all’improvviso la coppa partì dalle mani e cadde a terra, ma senza rompersi. La nostra amica ha detto che lo spirito era arrabbiato e non avremmo potuto fare domande, così ha detto alcune cose per chiudere la cerimonia".

Salfate aggiunge che "la cosa incredibile è che da quel momento cose strane cominciarono ad accadere in ufficio. Abbiamo cominciato a perdere i documenti e le stesse chiavi di frequente. A volte siamo rimasti fuori dall'ufficio e non siamo riusciti a entrare. Cadevano cose per terra quando stavamo lavorando e sentivamo rumori inspiegabili. Come risultato ad un mese e mezzo da quella cerimonia abbiamo dovuto lasciare l'ufficio e trovare un altro luogo di lavoro".

Il caso di Julia Vial
La conduttrice televisiva Julia Vial, ha detto che una volta che ha fatto l'errore di giocare con la tavola Ouija per chiamare il nonno morto. "Dopo vari tentativi lo abbiamo contattato e lui ha detto delle cose che solo lui sapeva, ma la cosa peggiore è che ho sentito che lo avevo preso dalla sua pace e lo avevo fatto abbassare ad un piano terreno a cui non apparteneva".

Per molti, la Ouija è una vera e propria porta verso una dimensione soprannaturale proibita. Ma per altri,sarebbe solo un mero prodotto di suggestione, sarebbero i partecipanti che volontariamente o inconsapevolmente combinano le parole attraverso un'azione ideomotoria, spostando la coppetta o la parte che funge da indicatore con pressioni leggerissime delle dita.



Fonte http://ansu.altervista.org/index.php?mod=read&id=1384119127