IL MIO NUOVO BLOG :

ROMANTIC LOVE MYSTERIUM

MYSTERIUM IMMAGINE

MYSTERIUM IMMAGINE
Benvenuti nel mio blog - MYSTERIUM

X FILES

X FILES

https://www.facebook.com/mysteriumpage CLICCA "MI PIACE" nella pagina. Dimostrerai l'interesse per

I want to believe

I want to believe

a

a
a

KEEP CALM AND FUCK THE ILLUMINATI

KEEP CALM AND FUCK THE ILLUMINATI

a

a

Translate

lunedì 15 settembre 2008

Mozart iniziato massonico e la sua relativa opera allegorica: IL FLAUTO MAGICO

La genesi del Flauto Magico è avvolta dal buio. E' giusto che sia così. Tutte le grandi opere dovrebbero essere avvolte dal mistero. Forse anche oggi, in qualche luogo oscuro e circondato dal più assoluto riserbo, un uomo sta lavorando ad un'opera immortale.

Ufficialmente il libretto del Flauto Magico è stato scritto da Schikaneder, massone di una Loggia di Vienna, ma è con forza che dobbiamo ammettere l'infuenza in ogni verso del letterato e massone Mozart .

Egli ha voluto che questa opera fosse il suo testamento spirituale.

Troppo elevato è il significato simbolico del testo per poterlo attribuire al solo Schikaneder, certamente abile uomo di teatro e valido cantante, ma giustamente interprete nell'opera del personaggio di Papageno e non di quello di Tamino.

D'altronde Mozart già nel finale del Ratto dal Serraglio trasformò una storia romanzesca in una parabola lessinghiana sulla generosità e sulla convivenza umana.

Noi sappiamo che documenti dell' epoca testimoniano inquivocabilmente l'appartenenza di Mozart alla Loggia " La Beneficienza", dove fu iniziato il 14 dicembre 1784, a Vienna.

Questa sua condizione lo ha di certo favorito nello studio della mitologia e in particolare sui suoi significati più profondi. Mozart probabilmente lesse il saggio di Plutarco su Iside e Osiride e l'ultimo libro delle Metamorfosi di Apuleio. Non fu in grado invece di venire a conoscenza dei significati esoterici della Sfinge e delle piramidi egizie, perchè esse aspettavano ancora Napoleone sotto la sabbia del deserto.
Libretto Originale

Secondo alcuni autori Mozart ha usato consciamente simboli propriamente massonici, simboli che corrispondono certamente ad una filosofia e ad un morale particolare, ma che sembrano essere mediati in qualche modo dallo spirito umanista e progressista del Settecento.Sorprendente invece è il fatto che questo lavoro è constantemente pervaso ed arricchito da una simbologia inconscia la cui pienezza e il cui significato poggiano su contenuti archetipici umani universali.

Le avventure del Flauto Magico sono le vicende delle ore che passano e si inseguono, della luce che diventa ombre e della tenebra che ritorna luce. All'inizio mentre Papageno esce cantando e zufolando dal bosco è mattina. Sarastro scende dal suo carro nel caldo mezzogiorno. Poi il giorno inclina verso il crepuscolo e l'universo viene nascosto da un' oscurità spaventevole nella quale comincia il viaggio iniziatico di Tamino. Qualche ora passa. dal chiuso del Tempio il coro dei Sacerdoti comincia ad invocare lo splendore della luce. I tre Genii annunciano che presto il Sole tornerà a percorrere la sua strada dorata. Le insidie della notte non sono ancora vinte e solo quando Pamina e Tamino avranno attraversato l'acqua e il fuoco, il sole pieno, il sole senza ombre e macchia illuminerà la terra.

Lo stesso viaggio avviene nell'animo di ogni iniziato che potrebbe ripetere il grido di Tamino :

" O e terna notte quando scomparirai ? Quando la luce troverà finalmente il mio occhio ? ".

Il rituale di tutte le iniziazioni maschili ha per motto :" Attraverso la notte verso la Luce. " Ciò significa che la direzione di quello che accade è determinata da una simbologia che a partire dal viaggio notturno dell' Eroe nel mare, conosciamo come simbologia solare.Morendo di sera all' occidente il sole deve affrontare il viaggio attraverso il mare oscuro del mondo sotterraneo e della morte per risorgere, trasformato come nuovo sole all' oriente.

Questa simbologia solare è il modello archetipico di tutti gli Eroi e di tutte le vie iniziatiche in cui l' Eroe rappresenta il principio della coscienza che deve essere raggiunto e che deve affermarsi nella lotta contro le forze oscure dell' inconscio. Oltre a ciò l'Eroe deve anche liberare il tesoro per riempirlo di tutti quei contenuti ad esso inerenti e deve farlo lottando contro le forze oscure nemiche della coscienza. Paradossalmente possiamo affermare che Mozart è l' Eroe e che il Flauto Magico è il tesoro da lui liberato.

Non è nell'intenzione di questo scritto fare il riassunto della trama dell' opera, ma è invece interessante riportare in sintesi il contenuto di quelle parti iniziali del libretto che, seppur scritte, non vengono mai rappresentate. Se ciò accadesse molte delle incongruenze di cui è accusato il testo cadrebbero automaticamente.

Prima della nascita di Tamino e Pamina una coppia sovrana dominava il mondo: un Re solare, di cui ignoriamo il nome e la potente Regina della Notte. Tra il principio virile e quello femminile, tra luce e tenebre esisteva allora un mutuo accordo. Questo appare evidente dal fatto che il Re tagliò il magico flauto dal tronco di una quercia millenaria in un ora stregata, fra lo scatenarsi dei tuoni e dei lampi, nel rumore della tempesta notturna: lo tagliò con l' aiuto decisivo della regina della Notte alla quale quel momento apparteneva come sovrana degli incanti notturni.

Qualcuno potrebbe dunque credere che in quel tempo regnasse l'armonia tra i principii opposti e solo il bene " nutrisse la terra. In realtà l'unione fra i due sovrani era stato un compromesso piuttosto che un abbraccio amoroso: con disprezzo infatti il marito teneva lontana la moglie dalle cose, si legge nel testo, che sono incomprensibili allo spirito femminile. Nè la forza del Re doveva intendersi come benefica per intero : egli portava sul petto il settemplice cerchio solare, il segno del suo potere che consumava tutte le cose. Il sole, così come si era incarnato in lui, era una forza che arde e dissecca, che da la vita e la toglie, che cancella la vegetazione, assorbe la potenza materna dell'umidità, rende arido e inabitabile il suolo. Con la morte del sovrano solare i due regni della luce e delle tenebre si dividono,, diventano nemici e la regina viene sconfitta.

Ora vive nel suo palazzo pieno di uccelli e circondato dalla fitta vegetazione del bosco. Un Tempio ricorda ancora il suo culto : tre dame prestano i loro servigi, ma ha perduto il cechio solare del marito e anche sua figlia, unico ricordo della luce, le è stata strappata ed è prigioniera nel castello di Sarastro. Il settemplice cerchio solare, simbolo della forza, ora riposa sul petto di Sarastro venerato da un popolo di Sacerdoti e di schiavi.

Visto dall'esterno il Flauto Magico è un' opera divisa in due atti, ma in realtà è ordinato secondo il numero tre, numero sacro per la Massoneria, che è presente nella partitura musicale con le note del triplice accordo dell' ouverture, ripetute all' inizio del secondo atto e al momento della iniziazione di Tamino. Tale atto, ad un più attento esame, finisce con la ventesima scena e quindi possiamo identificare sicuramente un terzo atto nascosto per la esigenze teatrali del tempo di Mozart. Questa parte inizia con il coro dei sacerdoti.

La struttura dell'Opera si fonda sul simbolismo prettamente massonico della piramide. Il primo atto costituisce la base: in esso predominano le forze ctonie e la Regina della Notte. Nel secondo atto si ascende con l'iniziazione alla zona centrale dell'edificio dove si rappresenta la lotta fra la luce e l'oscurità. Il terzo atto costituisce la cima della piramide e in esso viene celebrata l' unione fra il maschile e il femminile, come segreto di Iside e Osiride.

Vista questa disposizione appaiono più chiare alcune analogie.

Nel primo atto la Regina della Notte si manifesta come madre buona, nel secondo diventa madre terribile, nel terzo è sprofondata all'opposto della cima della piramide, cioè negli abissi. Anche la triplice comparsa del tema musicale si inserisce a vari livelli.

Nel primo atto appare quando viene elaborato il principio d' amore della natura, nel secondo ritorna quando l' umanità raggiunge il paradiso della ragione e ritrova il suo stato originario divino. Per la terza volta il motivo ritorna all' inizio dell' ultima parte in cui viene compiuta l'unione misterica tra Tamino e Pamina. Mozart ci vuole esprimere come ciò che a livello inferiore avviene nella natura e a quello medio nella comunità umana, penetra anche al centro dell' uomo. Non a caso vi sono tre Templi : ai lati opposti quello della Natura e quello della Ragione, mentre è al centro che sta il Tempio della Saggezza.

flamag.jpg - 58788 Bytes
















L' opera di Mozart, essendo eminentemente simbolica, può essere letta con diversi gradi di significato. Abbiamo scritto prima come essa sia constantemente pervasa da una simbologia inconscia che rende possibile interpetazioni diverse. Se la consideriamo una fiaba essa affonda le radici sicuramente, come tutte le favole, negli archetipi dell' umanità, ma forse più delle altre ci rivela e ci immerge nel gran mondo dei fatti primari, delle storie ancestrali più dell' Orestiade, più dell' Edipo Re, del Faust, di Re Lear.

Se esaminiamo in questa luce il testo, allora diventa ancora più chiaro il carattere di fondo delle figure contrastanti, rappresentate, da un lato dalla regina della Notte e dall' altro dal sacerdozio di Sarastro. La Regina della Notte rappresenta il lato oscuro di ciò che la concezione morale maschile sperimenta come " maligno ", nel corso dell' azione diventa l'iimagine di tutti gli affetti pericolosi, specialmente la vendetta e la superbia, ma soprattutto rappresenta il principio del potere del Male che incarna la morte e vuole impadronirsi delittuosamente del lato luminoso, quello solare del Bene. Il femminile diventa così ancora una volta il tentatore, assume completamente il ruolo del diavolo con l'inganno, la superstizione, la menzogna.

Quando la Regina della Notte dice . " La vendetta dell' inferno bolle nel mio cuore " e ancora " morte e disperazione bruciano in me ", ella esprime il segreto più profondo del suo essere. Astriffiammante rappresenta il simbolo del mondo originario, l'inconscio che si oppone al maschile cioè alla coscienza, che è luce sulla via della realizzazione del sè. Ella è anche il simbolo della Grande Madre, la Dea della Notte che l' Eroe mitico Tamino deve sconfiggere nel suo cammino verso l'iniziazione.

Nel corso della trama altri rapporti vengono a legare archetipicamente i personaggi. Il primo è quello tra la Regina della Notte e Pamina che corrisponde alla situazione archetipica rappresentata dal mitologema di Demetra e Core. La stretta unione di Pamina e più in generale della figlia con la madre, il suo ratto ad opera del mascile e la resistenza alla madre, costituiscono a tutt'oggi un conflitto essenziale nello sviluppo del femminile, momento nel quale si decide se la figlia apparterrà al mondo matriarcale, a quello patriarcale o a quello dell' incontro con l' amato. Pamina percorrerà questa ultima strada per intero fino a congiungersi per formare la Coppia Armonica con Tamino.

Interessante mi sembra ancora esaminare un' altro rapporto: quello fra Tamino, l' Eroe-Principe e Papageno, l' uomo uccello. Goethe a proposito di questo tipo di personaggi scrisse nel Faust:

" Ah, due anime abitano nel mio petto, l' una si vuole separare dall' altra. L' una si aggrappa, con saldi organi e con aspra gioia d' amore al mondo, l' altra si leva d' impeto sù dalla polvere terrena verso i campi degli antichi Avi ".

Il cammino iniziatico dei misteri è, senza dubbio, il cammino dell' eroe, di Tamino, ma il suo slancio ascetico-idealistico sotto il segno della virtù e della saggezza è in naturale contrasto con la razionalità di Papageno che rappresenta la paura e l' indolenza dell' uomo comune che si ritrae dall' ascesi e dallo sforzo. Papageno dice. " Io non voglio in fondo sapienza, io sono un uomo naturale che di sonno, cibi e bere si accontenta e se è possibile catturare una bella donnetta".

Tamino è invece l'eroe che va verso la notte rischiando la morte per arrivare al celeste piacere dell' iniziato. Egli rappresenta il principio della coscienza che deve essere raggiunta e che deve affermarsi nella lotta con le forze oscure dell' inconscio. Egli è alla caccia del tesoro che è simbolo dell' ampliamento di coscienza, che è poi il profitto di ogni iniziazione come ad esempio nel celebre lavoro di Apuleio dove l' iniziato diventa Osiride, cioè illuminatoe illuminante. Papageno non è in grado di partecipare all' alto volo spirituale di Tamino, ma non è che non subisca una trasformazione, solo che essa avviene nell' ambito di un mondo naturale, non tanto inferiore, ma che vibra a una frequenza più grossa. La grandezza di Mozart si esprime in tutta la sua luce quando egli ci manifesta come il mistero superiore dell' iniziazione è colmo della stessa forza d'amore che anima il mondo di Papageno.

Abbiamo visto come la Regina della Notte sia l'inconscio, soprattutto come Madre terribile, come Papageno sia " l'ombra" di Tamino e così Pamina non è solamente l' amata di Tamino da conquistare esteriormente, ma è simbolo dell' anima da conquistare attraverso la prova. Mi spiego più chiaramente: Pamina è l'anima di Tamino stesso, l' immagine del femminile che vive nell'uomo. Ma Pamina non è solo la principessa da salvare, ella si trasforma, sperimentando femminilmente la morte simbolica, cioè il distacco dal matriarcato, nella sposa di Tamino degna di iniziazione.

Il mistero del Flauto Magico si compie e l'unione fra maschile e femminile si realizza assumendo il massimo valore simbolico. Nell' affrontare l' iniziazione è Pamina stessa a condurre per mano Tamino verso le prove dell' acqua e del fuoco. Questo non vuol dire una sua predominanza, bensì la maggiore affinità del femminile verso la natura e il principio d' amore che, come essenza del cuore, porta ad un livello di saggezza. La perfetta unione dei due amanti porta in sè la sacralità del tutto e quindi non solo essi saranno l' ermafrodita , l' androgino, ma rinasceranno deificati e così, come Iside e Osiride, saranno trionfatori sulla morte.

Vediamo per ultimo il personaggio di Sarastro. Egli è un sacerdote solare, come quelli che regnavano nelle antiche teocrazie d' Oriente. Possiede qualità sovraumane, una specie di sesto senso che gli fa riconoscere i più riposti e segreti pensieri dell' uomo. I canti più gravi, le musiche più solenni, i riti più maestosi, l' atmosfera più oscuramente misteriosa e veneranda, formano lo sfondo ad una eco interminabile alla sua fugura. Si può rilevare come Sarastro rappresenti il principio maschile che non si è interamente compiuto con l' unione col femminile. E' un sacerdote, non un Dio incarnato, nel suo regno vi sono anche schiavi e non solo uomini liberi. Sarastro è sì il sole raggiante che sconfigge la notte, ma è una figura minore a confronto della coppia trionfante.

Sulla scena del Flauto Magico accade misteriosamente l' evento che da migliaia di anni la terra attendeva : la luce e il buio, il principio maschile e quello femminile , la coscienza e l'inconscio, si incontrano secondo il principio di Amore. In quest'opera apparentemente favolistica ci viene svelato uno dei segreti più reali del viaggio iniziaticoche dobbiamo percorrere. Questo è il nobile messaggio che Mozart ci dona, un messaggio che egli è ben conscio essere per molti, anche iniziati come lui nelle Logge massoniche, solo una speranza.

Sarastro nell' ultima scena sta in alto, tutto il teatro è luce e la gioia delle trombe ne celebra il trionfo, ma che significato ha qusto trionfo, forse che la tenebra e la notte sono state annientate? Sembra piuttosto che mentre Tamino e Pamina compivano il loro viaggio, la luce del Sole si nutrisse alle sorgenti della notte: assorbiva i suoi tesori che sono la musica, la passione amorosa, il dolore, la natura e li purificava e illuminava mentre purificava se stessa. Così in realtà la Regina della Notte veniva svuotata dalle energie del suo regno e del suo antico potere e fra tuoni e fulmini cade nell' abisso dal quale non potrà più risalire.

Ma anche il regno virile di Sarastro è giunto alla fine con le sue catene, i suoi schiavi e la forza distruttiva del settemplice cerchio solare. Si apre una nuova età, nasce qualcosa che nessuno aveva mai conosciuto. Se l'uomo e la donna si amano, se la virtù e la giustizia sono sentiero alla nostra esistenza, se la dolce calma scende nel nostro cuore, allora " la terra è un regno celeste e i mortali sono pari agli Dei ". Questo è quello che si propone Mozart, quello che esprime all' unisono la sua musica e la sua poesia. In fin dei conti la musica è l' arte in cui gli abissi dell' inconscio sono fusi misteriosamente con la creazione spirituale, l' arte dove si realizza la fra maschile e femminile tanto cara a Jung. Non a caso sarà il flauto che con la sua musica magica permetterà ai due giovani di superare le prove iniziatiche.

La scala dei sentimenti propri della musica mozartiana che abbraccia tutto il mondo, trova nel Flauto Magico la sua espressione più alta. Il tono popolare e comico, la sensualità istintiva e la solennità sacrale di fronte alla morte si succedono e si alternano continuamente. Si può affermare che quando viene raggiunto il culmine in senso musicale e spirituale, immediatamente viene introdotto un moto inverso che impedisce alla liricità spirituale di diventare romantica e alla serietà solenne di diventare tragica.

Mozart da iniziato quale era passa tra il bianco e il nero del pavimento della Loggia sull' unico sentiero percorribile, quello del filo di unione.

La musica e la poesia del Flauto Magico portano all' ineffabile, ci appare ancora una volta quel lampo di luce che splendette per un attimo durante il crollo del Tempio di Salomone quando cadde il velo.


Recensione a cura del:

Ven.mo Fr.Bruno Gazzo









Link di approfondimento:

Trama de "IL FLAUTO MAGICO"

Biografia W. A. Mozart


TRADUZIONE DAL LIBRETTO ORIGINALE DELLA FAMOSA ARIA DELLA REGINA DELLA NOTTE

ATTO SECONDO : Scena ottava

La Regina giunge fra tuoni dalla botola centrale, in modo da venirsi a trovare proprio davanti a Pamina.

Regina
Indietro!

Pamina
(svegliatasi)
Oh dèi!

Monostatos
(rimbalza indietro)
Ahimé! - questa è - se non m'inganno, la dea della notte.
(rimane completamente immobile)

Pamina
Madre! madre! madre mia! -
(le cade fra le braccia)

Monostatos
Madre? ehm! è meglio origliare di lontanto.
(sguscia via)

Regina
Lo si deve alla violenza con la quale ti hanno sottratta a me, se io ancora mi chiamo tua madre. - Dov'è il giovane che ti ho inviato?

Pamina
Ah madre, è tolto per sempre al mondo e agli uomini. - Egli si è consacrato agli iniziati.

Regina
Agli iniziati? - Figlia infelice, così mi sei sottratta per sempre. -

Pamina
Sottratta? - Oh fuggiamo, cara madre! Sotto la tua protezione resisto a qualsiasi pericolo.

Regina
Protezione? Cara figliola, tua madre non può più proteggerti. - Con la morte di tuo padre il mio potere è svanito.

Pamina
Mio padre -

Regina
Consegnò volontariamente agli iniziati il settemplice Cerchio del Sole; questo potente Cerchio eliaco Sarastro lo porta sul suo petto. - Quando ne discussi con lui, così mi disse con fronte corrugata: "Donna! la mia ultima ora è giunta - tutti i tesori che ho posseduto sono tuoi e di tua figlia." - "E il Cerchio del Sole che tutto distrugge", - lo interruppi precipitosamente, - "È destinato agli iniziati", rispose, "Sarastro lo saprà amministrare da uomo, come me sino ad oggi. - Ed ora, non una parola di più; non ricercare l'essenza, ch'è incomprensibile allo spirito femminile. - Il tuo dovere è di affidare te e tua figlia alla guida degli uomini saggi."

Pamina
Cara madre, in conclusione, dopo tutto ciò, anche il giovane mi è dunque perduto per sempre?

Regina
Perduto, se tu, prima che il sole colori la terra, non lo persuadi a fuggire attraverso questa volta sotterranea. - La prima luce del giorno decide se egli verrà dato completamente a te o agli iniziati.

Pamina
Cara madre, non potrei allora amare il giovane come iniziato, altrettanto affettuosamente quanto lo amo ora? - Mio padre stesso era invero legato a questi uomini saggi; parlava continuamente di loro con entusiasmo, lodava la loro bontà - la loro intelligenza - la loro virtù. - Sarastro non è meno virtuoso -

Regina
Cosa sento! - Tu, mia figlia, saresti capace di difendere i princìpi abietti di questi barbari? - Di amare un uomo siffatto, che, alleato col mio nemico mortale, preparerebbe in ogni istante solo la mia rovina? - Vedi qui questo acciar? - È stato affilato per Sarastro. - Tu lo ucciderai e mi consegnerai il potente Cerchio del Sole.

Pamina
Ma madre carissima! -

Regina
Non una parola!



Segue la famosa Aria della Regina della notte Astriffiammante riportata nel seguente video in cui ordina alla figlia Pamina di uccidere con il pugnale da lei consegnatole il suo nemico Sarastro minacciandola di ripudiarla se non lo farà (vedi trama - NB). Vocalmente molto difficoltosa dato che presenta un Fa acuto estremamente problematico per tutte le cantanti soprano che vi si sono cimentate:


[N. 14 - Aria]

La vendetta dell'inferno ribolle nel mio cuore,
Morte e disperazione m'infiamman
[tutt'intorno!
Se Sarastro non patisce le pene della morte

Tu non sei più mia figlia:

Sii per sempre ripudiata, per sempre
[abbandonata,
Distrutti sian per te tutti i legami naturali,

Se Sarastro non impallidirà a causa tua! -

Udite, dèi della vendetta - udite! il giuramento
[di una Madre! -
(sprofonda)



W. A. Mozart (1756 - 1791)
Il Flauto Magico
La Regina della notte
- Aria












" ARIA " tratta dall'omonimo film biografico su Mozart " AMADEUS ".

Tra le invidie dei cortigiani e sotto lo sguardo severo del suo storico "avversario" Salieri, Mozart dirige
IL FLAUTO MAGICO al Theater auf der Wienen nel Settembre 1791.

Nella scena Mozart dirigerà a stento l'orchestra sentendosi venire meno le forze a causa della malattia (insufficenza renale cronica. Vedi link sulle congetture della morte).


2 commenti:

Anonimo ha detto...

grazie mille mi serviva proprio questo articolo continuero' a consultareil tuo blog

bluscorpion ha detto...

ciao sono proprio contenta di aver trovato questo articolo credo che seguirò più da vicino il tuo blog
bluscorpion