X - FILES




SIGLA ORIGINALE DELLA PUNTATA TELEVISIVA X - FILES E DI QUESTO BLOG.

MYSTERIUM IMMAGINE

MYSTERIUM IMMAGINE
Benvenuti nel mio blog - MYSTERIUM

KEEP CALM AND FUCK THE ILLUMINATI

KEEP CALM AND FUCK THE ILLUMINATI

Translate

sabato 1 settembre 2012

Film e mistero : THE POSSESSION





Tratto da un articolo, “Jinx in a Box” , pubblicato sul Los Angeles Times (vedi sotto - NB), il film “Dibbuk Box” racconta la storia della figlia più piccola di un padre che ha da poco divorziato, che crea un bizzarro legame con un'antica scatola di legno che ha comprato in una vendita di oggetti di seconda mano.
Il padre scopre che si tratta di un Dibbuk Box, un oggetto che contiene un'entità demoniaca che cerca di impossessarsi di un essere umano.



Dibbuk Box è un film horror di prossima uscita diretto da Ole Bornedal per la Lionsgate. Per chi non lo sapesse Dybbuk Box (o Dibbuk Box) è una scatola da vino ebraica portata in America dai sopravvissuti all’Olocausto dopo la Seconda Guerra Mondiale. La scatola è infestata da un Dybbuk; uno spirito maligno ebraico. La scatola è stata resa famosa dopo essere stata messa in asta su eBay insieme a una racconto dell’orrore. Il film è il racconto di tutta la storia. Il film Dibbuk Box ha nel cast Jeffrey Dean Morgan e Kyra Sedgwick. Uscirà il 28 ottobre 2011.

http://film-cinema.com/film/dibbuk-box/




 
Un Jinx in una scatola?

Forse gli spiriti maligni infestano questo armadio ebraico, o forse è solo un altro mito web.
25 luglio 2004 | Leslie Gornstein | speciale a The Times

Un armadio di legno è andato all'asta su eBay. Dentro c'erano due ciocche di capelli, una lastra di granito, un bocciolo di rosa essiccati, una coppa, due soldi di grano, un candeliere e, presumibilmente, un "dibbuk," una sorta di spirito popolare nel folklore yiddish.
Il venditore, uno studente universitario di nome Missouri Iosif Nietzke, descrive il contenitore come una "scatola stregata ebraica " che aveva portato sfortuna a diversi proprietari e una gran quantità di bizzarre acrobazie paranormali.
"Abbiamo sicuramente avuto una sacco di 'sfortuna'", ha scritto il venditore su eBay nella prima settimana di febbraio. "La maggior parte inquietante, Martedì scorso, i miei capelli cominciarono a cadere. Ho 20 anni e sono appena tornato dal dottore dopo avere fatto una pulita del sangue."
In pochi giorni, l'offerta della scatola da $ 1 si è alzata a $ 50. Il 9 febbraio, la scatola è stata venduta per $ 280 a un curatore di un museo universitario di nome Jason Haxton.
Nei mesi successivi, l'hype che circonda la scatola di legno è cresciuto rapidamente. The Forward, un giornale ebraico sulla East Coast, ha pubblicato una storia sulla vendita dell'oggetto e presunto potere ultraterreno. Da allora, la pagina dell'asta Ebay ha registrato più di 140.000 visite.
Almeno cinque autori, uno sceneggiatore e un equipaggio documentario hanno cercato di avvicinarsi all'oggetto, dice Haxton, di 46 anni, padre di due figli, che vive anche in Missouri. Rabbini, ebrei ortodossi e gli intellettuali ebraici hanno contattato Haxton, offrendosi di risolvere i misteri della scatola.
Haxton dice che ha dovuto togliere dall'elenco il numero di casa, cambiare il proprio indirizzo di posta elettronica e di costruire un sito web, www.dibbukbox.com, solo per indagini di campo. 

Lo strano caso del bogey in una scatola minaccia di diventare una leggenda metropolitana grande come qualsiasi autostoppista fantasma, ratto fritto o parte del corpo rubato. A Chicago, gli appassionati di basket Bull hanno sospeso i loro argomenti in linea su salary cap per lasciare le teorie su ciò che c'è nella scatola. Idem con i newsgroup di solito dedicate alla Subaru proprietà o biglietti NASCAR. A Long Island, un gruppo di cacciatori di fantasmi particolarmente dedicate ha fondato un gruppo di chat di Yahoo dedicato esclusivamente alla casella.
Per tutto il tempo, decine di navigatori del web hanno mandato in email Haxton attraverso il suo sito web, lamentava mal di testa strani, incubi e pestilenze altri.

I Dybbuks hanno perseguitato i racconti popolari yiddish fin dagli albori del movimento mistico dell'ebraismo nella seconda metà del 16 ° secolo. "Dybbuk" significa letteralmente "un allegato, un attaccamento a qualcosa", un Dybbuk è pensato per essere lo spirito di una persona che, invece di scivolare nel regno successivo, resta nella zona ed entra nei corpi di persone che vivono.
"E 'essenzialmente un soggetto kook", riflette il rabbino Eli Schochet, professore di pensiero rabbinico all'Accademia di Los Angeles per la religione ebraica, che forma rabbini e cantori. "Ma non potrei mai dire che è impossibile, perché, ovviamente, non c'è precedente per queste cose che sono registrati in diverse tradizioni religiose, compreso il mio."

La pagina dell'asta EBay (ancora visibile sul sito Haxton) sostiene di documentare le esperienze di due precedenti proprietari, raccontata in prima persona e incollati schiena contro schiena nello spazio la descrizione dell'oggetto.

Il racconto, secondo il sito, ha iniziato nell'autunno 2001, quando l'antiquariato collezionista e piccolo imprenditore Kevin Mannis ha scoperto la scatola - più piccola di una cassa di birra, decorata con due piastre di metallo a forma di grappoli - in un quartiere di vendita immobiliare. (Mannis poi detto al Times che ha acquistato la scatola nel 2000, ma la sfortuna che ebbe fu tale in quel primo anno che non ha voluto dire i potenziali acquirenti.)
Mannis disse che l'ospite della vendita immobiliare raccontò che la scatola era appartenuta alla sua nonna di 103 anni e che era soprannominata "scatola Dybbuk" ad avvertì i figli di non aprirla.

Incurante di questa storia sinistra, Mannis comprò la scatola e la mise nel seminterrato della sua attività di antiquariato. Una mezz'ora dopo il creepiness, come la descrive lui, si manifestò. Mentre Mannis stava facendo un paio di commissioni, una forza misteriosa a quanto pare  impazzì nel suo negozio, imprecando e distruggendo le lampadine e spaventando un commesso.






Il Dybbuq, dybbuk o dibbuq nella tradizione ebraica è uno spirito maligno o un'anima in grado di possedere gli esseri viventi. Si ritiene che sia lo spirito disincarnato di una persona morta, un'anima alla quale è stato vietato l'ingresso al mondo dei morti, lo Sheol.
Queste anime generalmente vagano per il mondo poiché manca loro la "forza" di mantenere l'attaccamento a Dio per l'ingresso nel Ghehinnom per poi avere accesso al Gan Eden.
La parola "dybbuq" deriva dall'ebraico "דיבוק", che significa "attaccamento": con il dybbuk l'anima del trapassato con le succitate mancanze si attacca al corpo di una persona vivente e coabita in esso.
In accordo con le credenze popolari, ad un'anima che non sia stata capace di portare a termine la propria funzione o a compiere le azione richieste nella propria vita terrena, talvolta anche colpevole di trasgressioni molto gravi, viene data un'altra opportunità per portare a termine i compiti insoluti nella forma di un dybbuk. Esso abbandonerà l'essere ospite quando avrà raggiunto i propri obiettivi (a volte dopo essere stato aiutato).
Si ritiene che il dybbuq non sia una condizione "desiderabile" o buona e spesso è in contrasto con le Leggi divine infatti la persona fisica "ospitante" subisce o subirebbe conseguenze non ottimali, per esempio non riuscendo a vivere la propria vita e la propria identità, nonché il proprio percorso spirituale, come dovuto e richiesto o come accadrebbe se il dybbuq non avvenisse o si presentasse.

Il dybbuq non è una forma di reincarnazione.





 Aprrofondimenti :  http://maqombinah.blogspot.it/

Nessun commento: