IL MIO NUOVO BLOG :

ROMANTIC LOVE MYSTERIUM

MYSTERIUM IMMAGINE

MYSTERIUM IMMAGINE
Benvenuti nel mio blog - MYSTERIUM

X FILES

X FILES

https://www.facebook.com/mysteriumpage CLICCA "MI PIACE" nella pagina. Dimostrerai l'interesse per

I want to believe

I want to believe

a

a
a

KEEP CALM AND FUCK THE ILLUMINATI

KEEP CALM AND FUCK THE ILLUMINATI

a

a

Translate

domenica 26 febbraio 2012

Film e mistero: IN TIME



In un futuro in cui il tempo è letteralmente denaro e il processo d'invecchiamento si ferma a 25 anni, l'unica maniera per restare vivi è guadagnare, rubare o ereditare tempo. Will Salas vive non alla giornata ma al minuto, fino a quando in maniera del tutto inaspettata si ritrova tra le mani una quantità di tempo decisamente ingente che gli garantisce l'accesso al mondo dei ricchi dove incontrerà una bella e giovane ereditiera con la quale tenterà di mettere fine a un sistema corrotto.
L'eterna giovinezza, la longevità e l'immortalità sono sempre state ricercate dall'uomo nel corso della storia.






Eterna giovinezza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Per eterna giovinezza si intende il concetto umano, filosofico e mitologico di vivere eternamente senza invecchiare, si definisce giovinezza perché esso è il periodo della maturazione morale e psicologica che trasforma un ragazzo in un uomo.
Data l'impossibilità di rendere concreto questo espediente, l'eterna giovinezza non coinvolge il campo della biologia la quale si occupa però di longevità, d'altronde essa si riscontra nei miti di molte culture solitamente come dono esclusivo degli Dei o dei semidei.
L'eterna giovinezza è un argomento molto prolifico anche nella fantascienza, per il quale solitamente alcuni antagonisti ricercano per motivi malvagi di essere eternamente giovani e forti in modo da essere imbattibili.
È comunque da chiarire che essere giovani in eterno non comporti l'impossibilità di morire, in quanto per sfuggire ad essa bisogna parlare di immortalità. A questo tema erano solite parlarne le mitologie greco-romane.
Miti medievali si incentrano invece sulle figure del Sacro Graal donatore di vita eterna e guaritore di ferite alla cui ricerca si misero gli uomini di Re Artù, e la mitica fonte della giovinezza mai scoperta che si narra trovarsi in Florida e alla cui ricerca di mise l'esploratore spagnolo Juan Ponce de León.
Altro simbolo mitologico molto legato a questo argomento è la pietra filosofale, una sostanza alchemica che porta con sé il dono dell'onniscienza, del trasmutamento di ogni metallo in oro e soprattutto l'immunità da ogni malattia e l'immortalità.

Giovinezza e tempo, dipinto del 1901 di John William Godward



Alla ricerca dell'eterna giovinezza

La pillola dell'immortalità non esiste, non ancora. Ma da quando l'uomo ha scoperto che invecchiare è sgradevole, generazioni di studiosi hanno cercato un sistema per ingannare il tempo e arrestare il decadimento fisico e, negli ultimi anni, la ricerca ha prodotto risultati interessanti.

Le macchine, col passare del tempo, si usurano e smettono di funzionare. Gli organismi viventi, però, sono macchine speciali: sono dotati di meccanismi di auto-riparazione che, consumando energia, consentono di rinnovare le proprie strutture.

Che cosa impedisce loro di rinnovarsi e sopravvivere in eterno? Gli esperti concordano nel ritenere che l'invecchiamento ha origine nel DNA.

Diversi fattori esterni e interni alle cellule, come le radiazioni ultraviolette del sole e i radicali liberi, infliggono continuamente piccoli danni alla molecola del DNA.

I meccanismi di riparazione dei geni non sono perfetti e alcune lesioni permangono e si accumulano nel tempo, fino a danneggiare irreversibilmente le cellule e a decretare la loro morte spontanea.

Topi e vermi allo studio

Ricerche condotte sui topi hanno dimostrato che una dieta a basso contenuto di calorie riduce la concentrazione dei radicali liberi nell'organismo degli animali e allunga considerevolmente la durata della loro vita.

Inoltre, i biologi hanno prodotto ceppi di topi mutanti dotati di una maggiore abilità a riparare le lesioni del DNA che vivono più a lungo dei loro simili normali.

Un altro organismo su cui è concentrata l'attenzione degli scienziati è il Caenorhabditis elegans, un minuscolo verme dal corpo trasperente che vive nel suolo e si nutre di batteri. È una forma di vita molto semplice e il suo DNA è stato completamente mappato.

I biologi hanno condotto numerosi esperimenti sui suoi geni, hanno prodotto ceppi mutanti estremamente longevi e stanno cercando ora di invertire nel suo organismo il processo dell'invecchiamento.

swissinfo, Maria Cristina Valsecchi


 




 
Scritto da Sonya Sabbatino   
Longevità: invecchiamento, rallentarlo è possibile
Longevità: invecchiamento, rallentarlo è possibile
Un viaggio tra le cause dell'invecchiamento: una rassegna degli studi più recenti sugli integratori che possono favorire la  longevità.
L’essere umano più vecchio di cui si ha traccia è Jeanne Calmet, una donna francese che è vissuta fino a 122 anni.
La durata della vita per il 25% è genetica e per il 75% è determinata dall’esposizione all’inquinamento ambientale, da incidenti, da ferite e dal caso.
Se, alla luce delle statistiche che mostrano che l’aspettativa di vita è di circa 76 anni, la durata della vita della Calmet sembra impressionante, impallidisce al confronto con altre forme di vita sulla terra.
Infatti, un albero di bristlecone pine che cresce sulle montagne White-Inyo in California ed è stato soprannominato Matusalemme ha raggiunto i 4.767 anni, e altri alberi vivono 1.000 anni e oltre. Il segreto della loro longevità è il fatto che, a differenza degli esseri umani, gli alberi possono rigenerarsi.
La longevità di altre specie, invece, è più ambigua, nel senso che la scienza non ha ancora scoperto il loro segreto. In media, il riccio marino rosso vive 200 anni, senza mostrare segni di invecchiamento e anche lo scorfano e alcuni tipi di storione possono raggiungere questa età.
La tartaruga delle Galapagos può vivere fino a circa 177 anni. Nessun essere umano di cui si abbia traccia si è neanche lontanamente avvicinato alla longevità delle tartarughe delle Galapagos.
Alcuni immaginano che, alla fine, la scienza scoprirà un modo per estendere in modo considerevole la vita umana, mentre altri ipotizzano che i bambini che nascono oggi vivranno almeno 150 anni, grazie a una buona genetica e ai progressi scientifici nella gerontologia, lo studio dell’invecchiamento.
Quale è la causa dell’invecchiamento?
Attualmente, non esiste alcuna cura effettiva contro l’invecchiamento, e la morte è inevitabile. Quello che si può fare, però, è cercare  rallentarne il passo. Lo potete fare rimanendo sani ed evitando di ammalarvi: nelle persone che vivono oltre i 100 anni, i valori relativi alla salute cardiovascolare, come i livelli elevati di lipoproteine ad alta densità, sono eccellenti. D’altro lato, parte del minore rischio è dovuto a un codice genetico favorevole. È questo il problema dell’invecchiamento: indipendentemente da quello che si sente dire o che si legge su internet, non c’è una causa specifica.
L’invecchiamento è quello che gli scienziati definiscono multifattoriale.
La scienza, però, sta comprendendo che molte teorie gerontologiche si sovrappongono, cioè l’invecchiamento potrebbe non essere complicato come si credeva inizialmente.
La maggior parte delle teorie sull’invecchiamento si incentra su reazioni ossidative fuori controllo collegate a un’attività eccessiva dei radicali liberi, oltre che a mutazioni del DNA che provocano una riproduzione cellulare difettosa.
Le persone di cui si legge, che vivono fino a 115 anni e oltre, in un certo senso, sono dei mutanti, geneticamente dotate di meccanismi di riparazione del DNA e di difesa cellulare avanzati, come le proteine da shock termico, di una ossidazione cellulare minore o di una maggiore difesa contro di essa.
Kurzweil, noto informatico ed autore del libro Fantastic Voyage: Live Long Enough to Live Forever , ritiene che la chiave per ritardare il ritmo di invecchiamento sia controllare i fattori di ossidazione e mutazione del DNA, e il suo metodo è l’utilizzo strategico di integratori alimentari.
È possibile aggiungere un altro fattore controllabile dell’invecchiamento: una riduzione delle infiammazioni. Se l’infiammazione è necessaria per il processo di guarigione, un’infiammazione fuori controllo è la base delle malattie legate all’età, come i disturbi cardiovascolari, la degenerazione cerebrale, il diabete e il cancro.
In breve, tutte le cause principali della morte e della malattia collegate all’età sono associate, in un modo o nell’altro, a una infiammazione eccessiva. Tutti sanno che avere i muscoli e le articolazioni infiammate fa sentire vecchi, ma la buona notizia è che l’infiammazione è il fattore di accelerazione dell’età più controllabile.

È importante considerare che l’attività fisica, come il sollevamento pesi, può attivare i geni che mantengono i muscoli giovani.

CONTROLLO DELLE INFIAMMAZIONI
Quale è il modo migliore per controllare le infiammazioni?
Per dirlo in quattro parole: perdere grasso, mangiare bene. Mentre il grasso è stato a lungo considerato poco più di un magazzino per le riserve energetiche, oggi studi scientifici esaurienti mostrano che le cellule lipidiche rilasciano più di 100 sostanze chimiche, chiamate collettivamente adipochine, la maggior parte delle quali è estremamente infiammatoria. Svariati studi mostrano che, quando si perde grasso corporeo, il rischio di malattie di tipo infiammatorio si riduce considerevolmente, e questo significa meno malattie cardiovascolari, meno malattie cerebrali, meno diabete, meno cancro e così via.
Infatti, l’unico metodo al momento considerato attuabile per aumentare la longevità è limitare le calorie. Vari studi condotti su specie animali mostrano che, riducendo il cibo, ma non l’apporto di nutrienti, le infiammazioni diminuiscono e lo stesso accade ai problemi fisici associati a esse. La prova su soggetti umani è solo teorica, ma molte persone che seguono programmi rigorosi per la limitazione delle calorie sperimentano una infiammazione fisica minore, sotto forma di una pressione del sangue più bassa, di livelli di insulina minori, ecc.
Comunque, spesso queste persone hanno un aspetto macilento e possono sentirsi depresse e avere freddo, nell’attività fisica non hanno energia e, anche se la hanno, il movimento non gli giova molto, perché hanno un alto livello di cortisolo e una carenza di ormoni anabolici, compresi l’ormone della crescita, l’ormone tiroideo e il testosterone.
La chiave per limitare le calorie potrebbe non riguardare altro che una riduzione dell’ossidazione, attraverso una assunzione minore di cibo, oltre a una diminuzione delle infiammazioni causata dalla mancanza di grasso corporeo. Si può, però ottenere una riduzione del grasso in modo più salutare, con l’attività fisica e una dieta ricca di nutrienti.
Questo porta alla domanda: esistono integratori alimentari che aiutano a ottenere la longevità e a ridurre le infiammazioni?
Ecco i 10 integratori migliori e la loro giustificazione logica o il meccanismo di impiego. Senza un ordine particolare, essi sono:
1) L’acido lipoico e l’acetil- L-carnitina (ALC).
Studi su topi condotti alla Stanford University hanno scoperto che la combinazione di acido lipoico e ALC rigenerava i mitocondri anziani, restituendo loro un aspetto paragonabile a quello dell’età adolescenziale. La miscela funziona perché l’acido lipoico è un potente antiossidante che aiuta a stemperare l’ossidazione prodotta nei mitocondri. L’acido lipoico favorisce l’assorbimento del glucosio nelle cellule, diminuendo la resistenza insulinica, e minore è il livello di insulina, minore sarà il ritmo di invecchiamento. Inoltre, l’acido lipoico è sinergico con l’ALC, perché essa può favorire l’ossidazione nei mitocondri e l’acido blocca questo effetto. La domanda è: quale è la forma più efficace di integratore di acido lipoico? La maggior parte degli integratori è sotto forma di miscela degli isomeri R e S ed è venduta come acido alfa lipoico. Solo la forma R, però, è attiva nei mitocondri e, se alcuni studi ipotizzano che la forma S, che è sintetica, sia convertita nella forma R, altri affermano che essa interferisce con la funzionalità della forma R. Quello che è sicuro, però, è che la forma R è molto più costosa del più comune acido alfa lipoico. L’ALC è semplicemente L-carnitina con attaccato un gruppo acetile che, però, aiuta l’ALC a entrare nel cervello, dove favorisce la sintesi dei neurotrasmettitori quali l’acetilcolina e la dopamina che, spesso, si riducono con l’età. L’ALC protegge le vulnerabili membrane dei mitocondri e, in questo modo, può contribuire alla riproduzione di questi organi. Per quanto riguarda gli integratori, assumete 1.000 mg di ALC e 200 mg di acido lipoico. L-carnitina per la funzionalità e la riproduzione cellulare.
2) Il resveratrolo.
Il paradosso francese si riferisce al fatto che, in Francia, dove si assumono molti grassi saturi, il tasso di malattie cardiovascolari è inferiore. All’inizio, la cosa è stata attribuita all’abitudine dei francesi di bere vino rosso durante i pasti, perché si pensava che l’ingrediente attivo presente nel vino rosso fosse il resveratrolo. Studi più recenti, però, hanno scoperto che la quantità di resveratrolo presente nel vino rosso è troppo ridotta per avere un effetto significativo sulla salute. È, invece, probabile che altri antiossidanti presenti nel vino, chiamati procianidine, abbiano effetti salutari, principalmente favorendo la sintesi dell’ossido di azoto nell’organismo. Ultimamente, il resveratrolo è stato molto pubblicizzato, perché alcuni studi condotti su animali mostrano che esso attiva una proteina chiamata Sirtuin-1, o SIRT-1, che sembra proteggere le cellule dall’invecchiamento. Il SIRT-1, infatti, ha una proprietà di inibizione dei geni che blocca la morte delle cellule e ne favorisce la sopravvivenza. È stato provato che il resveratrolo è il composto più attivo dei più di 20.000 esaminati, infatti questa stimolazione proteica duplica l’effetto della limitazione delle calorie, senza limitare l’apporto di cibo.
Uno studio condotto nel 2006 ha scoperto che il resveratrolo allungava del 59% la vita di un tipo di pesce dalla vita breve, mentre un altro ha scoperto che esso mitigava gli effetti negativi per la salute di diete ricche di grassi nei topi: i topi obesi cui era stata somministrata la sostanza, infatti, vivevano il 15% in più dei topi grassi che non l’avevano ricevuta. I topi hanno ricevuto 22,4 mg di resveratrolo per chilogrammo di peso corporeo. Questo, per un essere umano, significherebbe una dose di 1.500-2.000 mg al giorno.
Un problema del confrontare uomini e topi è che questi ultimi metabolizzano il resveratrolo molto più lentamente dei primi, nei quali la sostanza è rapidamente degradata dopo l’assunzione orale, e la sua biodisponibilità è ridotta. Un altro studio condotto su topi prevedeva dosi di resveratrolo molto più elevate, il cui equivalente per gli esseri umani ammontava a 4.571 mg al giorno. Durante l’attività fisica, i topi oggetto dello studio hanno mostrato un aumento significativo della durata e dell’ossidazione dei grassi. L’autore ha commentato, “Il resveratrolo da l’aspetto di un atleta allenato, senza praticare attività fisica”. Si è ipotizzato che questa sostanza funzionasse incrementando il numero dei mitocondri nei muscoli. Uno studio condotto su 123 finlandesi adulti ha scoperto che i soggetti con geni SIRT-1 più attivi avevano un metabolismo più rapido, il che indica che questo meccanismo potrebbe essere attivo sia negli esseri umani, che nei topi.
Data l’ampia pubblicità data a questi studi, ora il resveratrolo è un integratore popolare, oltre che costoso. Se, fino ad oggi, non ci sono indicazioni sulla sua tossicità, non c’è neanche alcuno studio che dimostra l’efficacia degli integratori di resveratrolo negli esseri umani. Questo, però, non preoccupa i ricercatori principali che si sono occupati del composto, che stanno tutti assumendo dosi misurate per gli esseri umani, equivalenti a quelle che hanno provato essere efficaci negli animali. Piccole quantità di resveratrolo agiscono come fitoestrogeni, quindi hanno effetti estrogenici ridotti, mentre dosi più elevate hanno l’effetto contrario: inibiscono la sintesi degli estrogeni. Se fate uso di integratori di resveratrolo, fareste bene a non assumerli a breve distanza da integratori contenenti nicotinamide, una vitamina del complesso B, perché una ricerca condotta da poco mostra che questa vitamina inibisce la funzionalità delle proteine attivate dal resveratrolo.
3) Le vitamine C ed E e gli antiossidanti.
Se alcuni studi mostrano che gli antiossidanti alimentari hanno esigue, se non nessuna proprietà antiinvecchiamento, il sistema di antiossidanti connaturato nel corpo declina con l’età. Uno studio ha mostrato che una carenza di vitamine e minerali può accelerare il deterioramento dei mitocondri. Inoltre, il cervello, che è composto per la maggior parte da grassi, è particolarmente soggetto all’ossidazione e la ricerca dimostra che le persone anziane che assumono una quantità maggiore di antiossidanti attraverso integratori o dall’alimentazione sono anche quelle più sane. Il fatto che gli antiossidanti possono aiutare a preservare la funzionalità cerebrale è già una ragione sufficiente per assumerli e, inoltre, essi contribuiscono alla difesa dell’organismo contro malattie legate all’età, come il cancro, l’aterosclerosi e la degenerazione cerebrale.
4) Gli acidi grassi omega- 3.
Il cervello è composto per il 40% di DHA, un acido grasso omega-3. Se non assumete pesce grasso, come il salmone, l’halibut o le sardine, almeno tre volte a settimana, è probabile che abbiate una carenza di grassi omega- 3. Questi acidi aiutano a ridurre la depressione, proteggono il sistema cardiovascolare, aumentano la sensibilità insulinica e diminuiscono il rischio di cancro. Per i grassi omega-3, non affidatevi all’olio di semi di lino: quest’olio, infatti, contiene acido alfa linoleico, un precursore degli acidi grassi omega-3 DHA e EPA, ma il corpo ne può convertire soltanto circa il 2% in omega-3 attivi. Quindi, assumete oli di pesce, che contengono gli acidi grassi omega-3 attivi. Inoltre, evitate i grassi omega-6, come gli oli vegetali, che non solo sono maggiormente presenti nella dieta rispetto agli alimenti che contengono gli omega- 3, ma, nell’organismo, si convertono in sostanze infiammatorie e interferiscono con la funzionalità degli omega-3.
5) La creatina.
Può sembrare strano vedere la creatina in un elenco di sostanze antiinvecchiamento, ma uno studio recente condotto su animali ha scoperto che, quando i topi seguivano una dieta contenente il 3% di questa sostanza, la loro vita si allungava del 9%. Noi siamo uomini e donne, non topi (anche se io ho trovato in giro anche qualche topo di fogna), ma la creatina ha effetti antiinvecchiamento: infatti, protegge i neuroni cerebrali impedendone la stimolazione eccessiva che ne provoca la morte. Inoltre, mantenendo costanti i livelli di ATP nei neuroni, essa ha un’azione protettiva contro malattie come il morbo di Parkinson. In laboratorio, la creatina migliorava la memoria e la capacità di pensiero dei topi e riduceva il grado dei pigmenti che danneggiano il cervello, che si formano nel cervello anziano. Inoltre, la Gli acidi grassi omega-3 sono essenziali per i loro effetti antiinvecchiamento nel cervello e nel corpo. Un nuovo studio mostra che la creatina aumentava la lunghezza della vita dei roditori.
6) Il tè verde.
Il tè verde contiene antiossidanti potenti che proteggono le cellule. Inoltre, ha proprietà cardiovascolari e anticancerogene, oltre a un effetto termogenico che favorisce l’ossidazione del grasso corporeo in eccesso. Per ottenere benefici antiinvecchiamento effettivi, è necessario l’equivalente di almeno 10 tazze di tè verde al giorno; sembra molto, ma potete ricavare questa dose attraverso degli integratori, che hanno una concentrazione molto maggiore di antiossidanti attivi del tè verde rispetto al tè stesso, e le dosi sono standard.
7) La carnosina.
La carnosina è un dipeptide, composto da due aminoacidi: l’istidina e la beta alanina. Agisce come tampone intramuscolare principale, riducendo l’accumulo degli acidi che portano a un affaticamento precoce durante l’attività fisica. Dai 10 ai 70 anni i livelli muscolari di carnosina si riducono del 63%. La sostanza può ridurre un processo associato all’invecchiamento accelerato che comprende i legami crociati delle proteine; questo processo, chiamato glicazione, danneggia le proteine cellulari e il tessuto connettivo, e può provocare buona parte della rigidità associata all’invecchiamento. Uno studio ha scoperto che rifornire di carnosina le cellule del tessuto connettivo, chiamate fibroblasti, aumentava la vita delle cellule; si suppone che questo effetto sia provocato dal rallentamento benefico del logorio dei telomeri, operato dalla carnosina. L’unica fonte alimentare affidabile di questa sostanza è la carne rossa; chi non la assume può fare uso di integratori di carnosina in dosi di 1.000 mg o più al giorno. Un’alternativa è utilizzare la betaalanina, il precursore nutrizionale principale della sintesi della carnosina.
8) Il ginkgo biloba.
Questa erba ha varie proprietà utili collegate alla longevità: infatti, stimola la circolazione e l’uso di ossigeno nel cervello, bloccando, allo stesso tempo, gli effetti del cortisolo, che è una delle cause principali dell’invecchiamento cerebrale, perché distrugge i neuroni e, in particolare, quelli dell’ippocampo, l’area della memoria e dell’apprendimento.Uno studio ha scoperto che il ginkgo preveniva l’invecchiamento dei mitocondri provocato da una ossidazione eccessiva e, inoltre, studi recenti mostrano che esercita effetti antiestrogenici.
9) Il coenzima Q10.
Il Q10 è prodotto nell’organismo a partire dall’aminoacido tiroxina con lo stesso processo che produce il colesterolo, ma la sintesi perde efficacia con l’età. Il Q10 è coinvolto nella produzione di energia all’interno dei mitocondri e agisce come un antiossidante. Alcuni studi mostrano che il Q10 protegge il cervello, in particolare la parte che produce dopamina, e può anche aiutare a proteggere contro il morbo di Parkinson.
Questo coenzima si concentra nei tessuti altamente energetici, come i muscoli e il cervello. Chi assume farmaci a base di statina per il trattamento delle malattie cardiovascolari può avere livelli bassi di Q10, perché i farmaci interferiscono con il metabolismo del coenzima, inibendo l’enzima epatico che produce sia il colesterolo che il Q10, riducendo i livelli plasmatici di questa sostanza fino al 40%. L’effetto collaterale principale è una disgregazione muscolare eccessiva: uno studio condotto su persone anziane cui si somministrava il coenzima Q10 ha scoperto che 300 mg al giorno di integratore per 4 settimane riducevano le fibre muscolari di tipo 1, ma favorivano la crescita delle fibre di tipo 2.
Questo è l’opposto di quello che avviene normalmente con l’età: le fibre di tipo 1, più piccole e deboli, sono più numerose di quelle di tipo 2, associate a un incremento della massa muscolare e della forza. Si è ipotizzato che il meccanismo fosse un effetto di regolazione a livello genico esercitato dal coenzima Q10. Per ottenere 100 mg di Q10, si dovrebbe assumere 1,5 kg di sardine, quindi gli integratori sono un’alternativa più semplice.
10) L’alfa GPC.
Si tratta di una forma di colina che può accedere molto più facilmente al cervello, rispetto alla colina ordinaria. Nel cervello, essa è rapidamente convertita in acetilcolina, il neurotrasmettitore principale collegato alla memoria e all’apprendimento. Il morbo di Alzheimer è caratterizzato da una distruzione selettiva dei neuroni che producono acetilcolina, e i farmaci usati per il trattamento di questa malattia aiutano a prevenire una sua disgregazione eccessiva. Alcuni studi mostrano che l’alfa GPC può favorire la stimolazione del rilascio dell’ormone della crescita.

Una menzione onorevole va ad altri integratori che smorzano tutti gli effetti dell’invecchiamento, compresi il turmerico, la glucosammina, la condroitina, il siero, gli aminoacidi ramificati, il DHEA, la melatonina, il licopene, l’estratto di semi di uva, l’aglio, la fosfatidilserina, i multiminerali e l’HMB. Anche se non c’è alcun vero antidoto per il processo di invecchiamento, potete migliorare la qualità della vostra vita adesso, con una attività fisica adeguata e un’alimentazione che comprende gli integratori migliori.


 L'IMMORTALITA' NEI SUMERI : GILGAMESH.


Gilgamesh che domina un leone, fregio dal palazzo di Sargon II (Museo del Louvre).

 Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

 Gilgamesh (ˈɡilɡameʃ, Gilgameš, o anche Bilgames nei primi testi sumerici)[1] è un personaggio della mitologia mesopotamica. Mitico re dei Sumeri, fu il quinto re di Uruk, il più antico agglomerato urbano dell'odierno Iraq, nelle vicinanze del Golfo Persico.
Le sue vicende sono narrate nel primo poema epico della storia dell'umanità, denominato successivamente Epopea di Gilgamesh. Si tratta di una leggenda babilonese, il cui nucleo principale risale ad antiche leggende sumeriche, ma che venne trascritta molto tempo dopo il periodo in cui è ambientata la storia. La prima stesura dell'epopea, pervenutaci in frammenti appartiene alla letteratura sumerica, ma la versione più completa sinora nota venne incisa su undici tavolette di argilla che furono rinvenute tra i resti della biblioteca reale nel palazzo del re Assurbanipal a Ninive, capitale dell'impero assiro. Questa redazione tarda della leggenda, risale al VII secolo a.C.


La trascrizione dell'Epopea 

Nella seconda metà dell'Ottocento George Smith, un incisore di banconote britannico, venne assunto alla sezione assira del British Museum di Londra, grazie all'interessamento di sir Henry Rawlinson. Nel 1872 Smith trascrisse e tradusse l'Epopea di Gilgamesh grazie alle tavolette trovate nei magazzini del museo. Nella trascrizione tuttavia mancava una parte, corrispondente a 17 righe. La notizia arrivò al giornale Daily Telegraph, il quale sovvenzionò una spedizione per cercare le tavolette mancanti, mettendone a capo Smith stesso.
La spedizione ottenne i risultati sperati. Il 14 maggio 1873 Smith rinvenne le tavolette mancanti: «scesi ad esaminare il deposito di frammenti di iscrizioni cuneiformi provenienti dagli scavi del giorno, togliendo la terra e spazzandola per leggerne il contenuto. Pulendone una trovai con mia gioia e sorpresa che conteneva la maggior parte delle diciassette righe di un’iscrizione appartenente alla prima colonna del racconto caldeo del Diluvio, che si inserivano nell’unico punto dove c’era una grave lacuna nel racconto».[2]


La storia di Gilgamesh 

Gilgamesh, per due terzi divino e per un terzo umano, è un sovrano tirannico che costringe i giovani guerrieri della sua città a continui e sfiancanti esercizi, finché non incontra Enkidu, creatura selvaggia plasmata dagli dei per rispondere alle preghiere dei cittadini di Uruk. Gilgamesh ed Enkidu lottano selvaggiamente, durante la festa di Ishkarra (nella quale alcuni studiosi ritengono di ravvisare una sorta di ius primae noctis). Non riuscendo a prevalere nonostante la sua forza leggendaria, Gilgamesh, colpito dal valore del suo avversario, stringe con lui un solenne patto d'amicizia. I due amici si avventurano fuori dalla città verso la foresta dei cedri dove il terribile mostro Khubaba sta a guardia dei pregiati alberi. Il loro scopo è tagliare i tronchi più belli per portarli ad Uruk ma vengono scoperti dal mostro. Uniti combattono e sconfiggono la bestia e così i due eroi trionfanti fanno ritorno ad Uruk con il prezioso bottino, dove la dea Ishtar, impressionata dalla bellezza e dal valore di Gilgamesh, gli propone di diventare suo sposo, ma riceve un netto rifiuto (motivato dalla discontinuità dell'amore della dea, che era solita condannare in un modo o nell'altro i suoi amanti). Ella, quindi, chiede a suo padre Anu di affidarle il Toro celeste, che scatena per le strade di Uruk. Enkidu affronta due volte il toro, dapprima da solo, e poi con l'aiuto di Gilgamesh, e durante il combattimento afferra il toro per la coda mentre Gilgamesh lo colpisce con la sua spada tra le corna. I due eroi trionfano, forti del loro valore. Enkidu tuttavia per volontà degli dei muore a seguito di una malattia e Gilgamesh, per la prima volta, è affranto dal dolore.
Sconvolto, parte alla ricerca dell'unico uomo che conosce il segreto dell'immortalità: Utnapishtim, il lontano, antico re di Shuruppak sopravvissuto al diluvio universale, ma quando, dopo numerose peripezie, riesce ad incontrarlo, nella terra di (Dilmun) - là dove sorge il sole - deve arrendersi all'evidenza: le circostanze che hanno dato al suo antenato l'immortalità sono eccezionali e non ripetibili. Riceve però indicazioni su come raccogliere in fondo al mare un'erba simile al biancospino il cui nome è vecchio-ritorna-giovane, che intende portare al suo popolo, ma dopo essere riuscito a coglierla, immergendosi con l'aiuto del battelliere Urshanabi, mentre si riposa accanto a un ruscello, un serpente la porta via e, dopo averla mangiata, cambia pelle. Gilgamesh fa quindi ritorno ad Uruk e qui l'epopea babilonese classica si interrompe.
Nella dodicesima tavoletta, incompleta, del testo ninivita, viene però riportato un episodio che per le sue peculiarità linguistiche e formali e per la scarsa coerenza con il resto della narrazione appare come un mito a sé stante, con Gilgamesh ed Enkidu come protagonisti. Vi si narra della perdita da parte di Gilgamesh di due oggetti simbolici di grande valore, un pukku e un mekku, nella "Terra" (ovvero nell'oltretomba). Si tende ad identificare questi due oggetti rispettivamente con un tamburo e una bacchetta, strumenti musicali di carattere sacro nell'antica Mesopotamia. Enkidu si offre di discendere agli inferi per recuperarli, ma nel farlo non segue i consigli elargitigli da Gilgamesh per poter ritornare alla luce, rimanendo prigioniero dell'oltretomba. Gilgamesh prega il dio Enki di poter ancora un'ultima volta parlare ad Enkidu, e viene esaudito: Enki intercede presso Nergal, signore dell'oltretomba, che permette all'anima di Enkidu di uscire temporaneamente dal Kur. Nell'ultima parte del testo, fortemente lacunosa, Enkidu racconta all'amico diletto la sua esperienza dell'al di là, dipinto nei termini cupi e privi di speranza tipici della letteratura sumerica e mesopotamica. La dodicesima tavoletta di Ninive fa parte in realtà di un altro mito sumerico: "Gilgamesh e l'albero di Huluppu", conosciuto anche in altre versioni più antiche. In esso Gilgamesh, dopo aver abbattuto un albero gigantesco, costruisce con il suo legno un seggio per sé e la dea Inanna (Ishtar), il pukku e il mekku (in questa versione del mito Gilgamesh chiama la dea "sorella").

 

Le interpretazioni della vicenda di Gilgamesh

Il tema principale che dà forza alla narrazione è la ricerca di Gilgamesh dell'immortalità. La narrazione del poema ha un punto di discontinuità fondamentale nella morte di Enkidu: prima della sua morte ogni accadimento della saga è qualcosa di eroico e soprannaturale e il tema di fondo di questa prima parte è il viaggio come percorso di formazione. Dopo la morte del fedele amico, ogni cosa viene ridimensionata ad una dimensione umana: è la parte più dolorosa del cammino di formazione del sovrano sumero, ma è grazie ad essa che si percepisce la grandezza della sua figura. Gilgamesh nella sua ricerca dell'immortalità, del superamento dei limiti imposti, sembra quasi anticipare la sete di conoscenza che anima Ulisse nell'Odissea.
La virile amicizia tra Gilgamesh ed Enkidu è stata sovente accostata all'intenso rapporto tra Achille e Patroclo nell'Iliade. Alcuni studiosi hanno voluto vedere nel legame tra i due eroi sumerici una valenza omosessuale. A questo proposito altri studiosi hanno tuttavia constatato come ogni atto compiuto da Gilgamesh ed Enkidu sia espressione suprema di epica intensità, il più eroico possibile. Alla luce di questo anche il loro legame è da interpretarsi come un legame che è così forte, virile ed eroico da dare l'impressione di travalicare nell'amore in senso assoluto[senza fonte].
Il testo è inoltre considerato come la più antica descrizione disponibile degli effetti psicologici dei traumi emotivi, presentati con notevole finezza.

 

Rivisitazioni moderne del mito

Tra gli autori di romanzi fantastici o pseudostorici che ricostruiscono o reinventano le peripezie di Gilgamesh troviamo Robert Silverberg, Angelo R. Mazzarese, Theodor H. Gaster, Paola Capriolo, Joan London e altri ancora.
Gilgamesh è protagonista del romanzo fantascientifico di Wilson Tucker Signori del tempo (The Time Master, 1954; catalogo Urania No. 615), dove è un naufrago spaziale precipitato sulla Terra che, grazie a un metabolismo più lento, riesce a vivere molto più a lungo degli esseri umani, anche se non all'infinito. Giunto ai giorni nostri egli assume l'identità di Gilbert Nash, di professione investigatore privato. Gilbert Nash tornerà in un altro romanzo di Tucker, L'uomo che veniva dal futuro (Time Bomb, 1955; catalogo Urania No. 743), di qualità inferiore rispetto al precedente.
Gilgamesh è citato brevemente pure nel racconto "Android Avenger" (Urania 794) di Ted White.
Un brano dell'album Mythos dei Raising Fear, una metal band italiana, si ispira alla saga di Gilgamesh.
Lo scultore Arnaldo Pomodoro ha dedicato una scultura al personaggio, "Il labirinto di Gilgamesh", oggi a Milano.
L'autore argentino di origine irlandese Robin Wood ha dedicato all'eroe una vera e propria saga a fumetti, Gilgamesh, illustrata da Lucho Olivera, considerata dalla critica il suo capolavoro. L'autore statunitense Jim Starlin ha scritto per la DC Comics un futuristico graphic novel intitolato Gilgamesh II.
Il secondo episodio della quinta stagione della serie Star Trek - The Next Generation, dal titolo Darmok, è fortemente ispirato (con riferimenti diretti) alle avventure di Gilgamesh.
Una nota antologia di fantascienza si intitola The Road to Science Fiction: from Gilgamesh to Wells.
Il musicista italiano Franco Battiato nel 1992 ha proposto un'opera lirica in due atti ispirata all'epopea di Gilgamesh.
Nella visual novel Fate/stay night Gilgamesh è un servant (uno dei più forti della serie) dell'ultimo master da sconfiggere per ottenere l'accesso al santo Graal.
Nella celebre saga videoludica di Final Fantasy, Gilgamesh compare molte volte: In FFV come Boss; in FFIX come NPC, in FFVIII come Guardian Force, e in FFXII nuovamente come Boss. Da notare che Gilgamesh è sempre accompagnato da Enkidu (che però spesso ha forma animale).
Nel videogame Empire Earth è il nome di un eroe dall'enorme forza che, se evocato, può sconfiggere da solo più di 50 soldati nemici.
Nel videogame Tales of Phantasia è il nome di un titolo che il protagonista, Cress Albane, ottiene collezionando tutti gli oggetti appartenuti ad un antico eroe.
Nel celebre videogame della Capcom Devil May Cry 4 è il nome di un'arma sbloccabile dopo aver sconfitto Echidna.
La storia di Gilgamesh è stata utilizzata dalla scrittrice Maggie Shayne nel suo romanzo "Illusioni nella notte", in cui il protagonista, l'antichissimo vampiro Damien Namtar, in realtà è lo stesso Gilgamesh, che nella sua ricerca per l'immortalità incontra il più vecchio vampiro esistente, che lo trasforma a sua volta in non-morto; Damien vive da seimila anni e ha assunto una nuova identità.

 

Note

  1. ^ Andrew George, The epic of Gilgamesh: the Babylonian epic poem and other texts in Akkadian and Sumerian, Penguin Books, 2003, pp. 228. 9780140449198
  2. ^ Citazione tratta da I detective dell'archeologia (1965), a cura di C.W. Ceram. Traduzione di Luciana Bonaca.

 

Bibliografia

  • Il Ghilgames, Claudio Saporetti, Simonelli Editore
  • Saggi su Ghilgamesh, Claudio Saporetti, Simonelli Editore
  • Gilgames alla conquista dell’immortalità, Franco D'Agostino, Piemme
  • Gilgamesh: il primo eroe, antiche storie della Mesopotamia, Simonetta Ponchia, Nuove Edizioni Romane
  • Miti mesopotamici, Henrietta McCall, Mondadori
  • L’Epopea di Gilgamesh, (a cura di) N. K. Sandars, Adelphi
  • Uomini e dei della Mesopotamia: alle origini della mitologia, J. Bottero & S. N. Kramer, Einaudi
  • The Epic of Gilgamesh - a new translation, Andrew George, Penguin Classics (in inglese)
  • La saga di Gilgamesh, (a cura di) Giovanni Pettinato, Mondadori
  • Massimo Consoli, La prima storia d’amore. Da: Ecce Homo. L’omosessualità e la Bibbia, Kaos Ed., Milano 1999. (Lettura in chiave omosessuale del rapporto fra Gilgamesh ed Enkidu)


Nessun commento: